Il cantante e il campione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cantante e il campione
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1984
Durata 95’
Colore Colore
Audio Sonoro
Genere musicale
Regia Ninì Grassia
Soggetto Ninì Grassia
Sceneggiatura Ninì Grassia
Casa di produzione Anthony Film International
Distribuzione (Italia) General Video
Fotografia Luigi Ciccarese
Montaggio Vanio Amici
Musiche Augusto Visco
Scenografia Enrico Brancato
Interpreti e personaggi

Il cantante e il campione (Champions) è un film commedia drammatico del genere Musicale (Ballomoderno), prodotto nel 1984 ed uscito nelle sale l'anno seguente.

È diretto da Ninì Grassia, che cura la produzione, il soggetto e la sceneggiatura ed appare anche come attore (durante la sua attività le farà alcune volte).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane ballerino Massimo dal nord arriva alla stazione di Napoli e fa amicizia con Franco, un giovane che canta in un ristorante e che viene scritturato in una discoteca, dove inizia ad avere un certo successo.

I due ragazzi sono fidanzati con Laura e Rosaria, ma fanno nuove conoscenze ed avviano relazioni con altre ragazze: Daniela, la proprietaria del locale in cui Franco si esibisce e sua sorella Mara.

Massimo partecipa alla gara annuale di danza moderna e viene proclamato campione, mentre l'amico si diploma miglior cantante del mese. Poi i due giovani ritornano con le precedenti fidanzate e festeggiano con una gita a Ischia. [2]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

La locandina è tutta per i due giovani protagonisti: Marc Daimon, il giovane cantante di Napoli ed Ettore Squillace, il giovane ballerino del nord.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

È il primo dei due film prodotti dalla Anthony Film International, casa a cui è associato lo stesso Ninì Grassia. [3]

Molte scene sono girate a Napoli ed inquadrano (storici) tram, ripresi a piazza Nazionale, alla Riviera di Chiaia, in piazza Sannazzaro ed a Fuorigrotta. Alcune scene si svolgono all'interno di una vettura tramviaria.

La discoteca scelta come location è il Charlie Brown di Giugliano.

Il film ha avuto un remake con Una vita da sballo del 1993 diretto da Gianni Cozzolino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ omonimo del pittore, con cui non va confuso
  2. ^ Anica Archivio cinema italiano.
  3. ^ “I registi: dal 1930 ai giorni nostri” di Roberto Poppi.
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema