Il bosco fuori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il bosco fuori
Il bosco fuori.jpg
una scena del film
Titolo originaleIl bosco fuori
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2006
Durata85 min
Genereorrore
RegiaGabriele Albanesi
SoggettoGabriele Albanesi
SceneggiaturaGabriele Albanesi
ProduttoreGregory J. Rossi, Manetti Bros., Sergio Stivaletti, Giacomo Sella, Simone Starace
Casa di produzioneNeroFilm
FotografiaRaoul Torresi, Giovanni Cavallini
MontaggioAlessandro Marinelli
Effetti specialiSergio Stivaletti
MusicheFilippo Barbieri, Federico Bruno, Silvio Villa
ScenografiaEmiliano Maggi
CostumiEden Embafrash
TruccoElisa Papetti, Alessandra Vita, Sergio Stivaletti
Interpreti e personaggi

Il bosco fuori è un film horror del 2006 diretto dall'esordiente Gabriele Albanesi e interpretato da Daniela Virgilio, Daniele Grassetti e Gennaro Diana.

Prodotto in modo indipendente e con a disposizione un budget di soli 45000 euro, il film è stato proiettato in Italia in un solo cinema a Roma.

Nel 2007 esce la versione con sottotitoli in giapponese. Il titolo viene modificato in Italian Chainsaw e raggiunge la decima posizione fra i DVD più venduti in Giappone.[1][2] La versione per il mercato americano è stata distribuita da Sam Raimi con il titolo The Last House in the Woods.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una famiglia sta viaggiando in auto ormai da ore quando la foratura di una gomma manda fuori strada il mezzo uccidendo sul colpo l'autista. La donna e il bambino che viaggiano con l'uomo si allontanano dal luogo dell'incidente in cerca di soccorso. La madre viene raggiunta da un'altra auto che la investe violentemente. Dal mezzo scende quindi un maniaco che finisce la povera malcapitata con una pietra e carica il suo corpo nella propria auto. Il bambino, dopo avere assistito alla scena, scappa terrorizzato e si avventura nel bosco.

Diverso tempo dopo una coppia di giovani, Aurora e Rino, appartati poco lontano dal luogo, viene aggredita da un gruppo di tre balordi, capitanati da Cesare. I tre, dopo avere malmenato e rinchiuso Rino nel bagagliaio, si apprestano a violentare Aurora. Ma fortunatamente la giovane coppia viene salvata dall'arrivo di Antonio, che in quel momento si trovava di passaggio insieme con la propria moglie, il quale allontana i balordi puntando loro una pistola. L'uomo porta così in salvo la giovane coppia e offre loro di portarli nella sua proprietà: una villa sperduta nel bosco. Qui vengono accuditi dall'uomo e da sua moglie Clara, mentre il figlio piccolo di questi dorme in una stanza del piano superiore.

La situazione degenera quando Antonio tenta di drogare la povera Aurora e questa scappando scopre che Rino è stato legato e imbavagliato. In un primo momento la ragazza riesce a fuggire dalla villa, ma vagando nel bosco si imbatte nei due mostruosi figli adottivi dei coniugi che la catturano. Di lì a poco la coppia si ritrova legata e scopre che il figlio piccolo dei coniugi si nutre esclusivamente di carne umana e che loro saranno il suo prossimo banchetto. Ma proprio quando Aurora perde ogni speranza i tre balordi che avevano tentato di stuprarla, e che nel frattempo erano stati attirati dalle grida di Aurora quando è stata catturata nel bosco, giungono nella villa e raccapricciati dalle mutilazioni subite da Rino elaborano un piano per far piazza pulita dei mostri e psicopatici che abitano il casolare.

I due amici di Cesare vengono uccisi; quest'ultimo dopo avere ucciso Antonio e i suoi due figli adottivi, di cui uno armato di motosega, dopo essere tornato da Aurora per liberarla viene sorpreso da Clara che lo uccide con un coltello. Infine anche la moglie di Antonio muore, uccisa a morsi dal figlio Giulio mentre questa stava per uccidere Aurora, e qui si rivede il bambino scappato durante la prima scena del film, privo di arti, utilizzati per nutrire Giulio. I due bambini, chi per un motivo chi per un altro, entrambi dei mostri si abbracciano fraternamente e piangono.

Nella scena finale Aurora, finalmente libera, corre per il bosco completamente insanguinata e abbozza un sorriso mentre all'orizzonte si scorge il sole.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« [...] La sua opera prima Il bosco fuori è quello che mancava da anni in Italia nell'horror: ben scritto, ben recitato, dai mille colpi di scena e incredibilmente truculento (Alleluja! È resuscitato artisticamente l'effettista speciale Sergio Stivaletti) [...] »

  • Federico Pedroni, FilmTv.it:[4]

« Il bosco fuori, opera prima di Gabriele Albanesi, è qualcosa più di una scommessa: girato in tre settimane in digitale, con un budget ridicolo e attori sconosciuti, cerca di riportare in vita il cinema horror all'italiana attingendo a piene mani anche dalla migliore scuola americana, quella dei Craven e dei Raimi, estremizzando il tutto senza pietà. Il film è violentissimo: sangue a ettolitri, squartamenti, budella a volontà. E il regista a tratti paga un eccessivo compiacimento, una voglia di stupire un po' gradassa, un generale disequilibrio del racconto. Però Il bosco fuori è un film vivo, a tratti ironico (la protagonista ha in stanza un poster di Io la conoscevo bene, omaggio di ironia cinefila che sbeffeggia l'ottusa contrapposizione tra film di genere e cinema d'autore), che trae il massimo dai suoi limiti produttivi creando paura e divertendo chi ha uno stomaco sufficientemente forte da sopportarne la visione. »

  • Francesco Lomuscio, FilmUp.it:[5]

« [...] Un delirio splatter girato in HDV che, con soli 45000 euro di budget e non privo di un pizzico d'indispensabile ironia, tenta coraggiosamente di riportare all'interno della cinematografia tricolore una estrema tipologia di spettacolo accantonata ormai da troppi anni, senza camuffarsi furbescamente dietro intellettualismi snob, ma puntando in maniera diretta al genere nudo e crudo [...] »

  • Morando Morandini, Dizionario dei film:[6]

« Scritto dal regista esordiente, girato in HDV a basso costo in un'unica location, prodotto da Nero Film/Manetti Bros./Sergio Stivaletti, distribuito anche in DVD, interpretato (si fa per dire) da dilettanti, è un horror scopiazzato e barcollante come un treppiede a due gambe. Distribuito con successo in home video in Giappone col titolo Italian Chainsaw. »

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in concorso al Philadelphia Film Festival[2][7] e in diversi altri festival internazionali tra cui il Montreal World Film Festival.[7]

Gennaro Diana ha ricevuto il premio quale miglior attore protagonista al Buenos Aires Rojo Sangre Film Festival.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Bosco fuori: l'horror italiano funziona bene in Giappone!
  2. ^ a b c d Francesco Spagnuolo, Il "Bosco Fuori" stupisce anche Sam Raimi, su horrormagazine.it, 21 aprile 2008. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  3. ^ Recensione su mymovies.it
  4. ^ Il bosco fuori - La recensione di FilmTv Archiviato il 28 marzo 2010 in Internet Archive.
  5. ^ Il bosco fuori su FilmUp.it
  6. ^ Laura Morandini, Luisa Morandini, Morando Morandini, Il Morandini 2011, Milano, Zanichelli, 2010.
  7. ^ a b (EN) Release Info, su Internet Movie Database. URL consultato il 15 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simona Falcone e Daniele Francardi, Attraverso il bosco fuori. Analisi e retroscena dell'horror cult indipendente, Universitalia, 2011, ISBN 9788865072172.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema