Il Venerdì di Repubblica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Venerdì di Repubblica
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità settimanale
Genere stampa nazionale
Formato rivista
Fondazione 1987
Sede via Cristoforo Colombo, 90 - 00147, Roma
Editore Gruppo Editoriale L'Espresso
Diffusione cartacea 312.825 (Settembre 2015)
Direttore Aligi Pontani (dal 1 settembre 2016)
Sito web repubblica.it/venerdi
 

Il Venerdì di Repubblica (conosciuto anche come Il Venerdì) è un supplemento settimanale de la Repubblica, nato nel 1987, che si occupa di cronaca, cultura, politica e attualità. Esce ogni venerdì in abbinamento obbligatorio con il quotidiano.

Nella rivista è compresa una guida (I programmi delle tivù, precedentemente Televenerdì) a tutti i programmi televisivi (in chiaro, digitale terrestre, satellitare) della settimana.

Autori di rubriche fisse[modifica | modifica wikitesto]

In passato la critica televisiva fu curata da Beniamino Placido. Eugenio Scalfari tenne per molti anni una rubrica dove rispondeva alle lettere dei lettori; dall'autunno del 2007 è Michele Serra a rispondere alle missive. Giorgio Bocca scrisse per anni la rubrica "Fatti nostri" fino al 2011, anno della sua morte. Attilio Giordano, caporedattore del settimanale, ne divenne il direttore nel 2010 sino alla morte nel luglio 2016; nell'ottobre 2015 la rivista ha rinnovato la grafica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria