Il Trecentonovelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Trecentonovelle
Franco Sacchetti.jpg
ritratto di Sacchetti
Autore Franco Sacchetti
1ª ed. originale XIV secolo
Genere raccolta di novelle
Sottogenere comico-drammatico-avventura
Lingua originale italiano

Il Trecentonovelle è una raccolta di novelle dello scrittore italiano Franco Sacchetti.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera, che viene conservata nel manoscritto del codice Magliabechiano VI, 112 nella Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e nel codice Laurenziano XLII, 12, piuttosto danneggiata, venne data alle stampe da A. M. Biscioni a cura di G. Bottari nel 1724.
È stata pubblicata recentemente una edizione critica a cura di Michelangelo Zaccarello, col titolo "Le trecento novelle", basata su un codice riconosciuto da lui dieci anni fa nella biblioteca del Wadham College a Oxford[1].

La raccolta, che con tutta probabilità fu ideata dal Sacchetti durante il suo incarico di priore nel 1385 a Bibbiena e redatta agli inizi del 1392 durante il podestariato di San Miniato per essere sviluppata in differenti fasi tra il 1393 e la sua morte, comprende, così come è stata conservata, duecentoventidue novelle incluse quelle incomplete.

La raccolta si apre con un Proemio nel quale l'autore dichiara di volere, secondo il modello del Boccaccio, raccogliere tutte le novelle dalle antiche alle moderne oltre ad alcune in cui egli stesso fu protagonista.

Si nota pertanto nell'opera la tendenza all'autobiografia e uno spiccato senso moralistico che viene spiegato dall'autore stesso quando afferma che vuole prendere ad esempio Dante "che quando avea a trattare di virtù e lode altrui, parlava egli, e quando avea a dire e' vizi e biasimare altrui, lo facea dire agli spiriti".

Le novelle, quasi tutte di ambientazione fiorentina, trattano del potere del signore o del comune, del tema della burla e raccontano le avventure di giullari di professione o di burlatori d'occasione. Alcune sono dedicate ad illustri personaggi dell'epoca, come Bernabò Visconti, Guglielmo di Castelbarco, Martino della Scala, Ludovico Gonzaga e un intero ciclo al giullare Dolcibene.

Quasi tutte le novelle riportano in conclusione la cosiddetta moralisatio, dove l'autore rimprovera l'avarizia e l'ipocrisia, condanna il clero e i magistrati corrotti e le donne piene di vanità per mettere in risalto l'onestà, l'intelligenza e l'umorismo.

Il testo, che è costruito sul tipo dell'exemplum, si rifà al Decamerone ma anche dalla tradizione orale del popolo ed è scritto in una lingua che risente di dialettismi, parole del gergo, modi della lingua parlata e con notevoli libertà di carattere sintattico.

La raccolta del Sacchetti costituisce una buona fonte storica anche per ciò che concerne le scienze sociali: difatti l'autore, attraverso uno spaccato della società bassomedievale, ci fornisce una serie di elementi che è impossibile scindere per analizzare gli usi e i costumi dell'epoca. Gli aspetti fisiologici, economici, sociali, religiosi e psicologici sono correlati fra loro e tutti forieri di un'interpretazione che va oltre la "storiella burlesca" e che cela profondi significati culturali e simbolici. I personaggi descritti dal Sacchetti, intenti quasi sempre a svolgere le loro attività produttive, con i loro gesti e le loro abitudini, costituiscono un paradigma degno di nota per approfondire anche la storia dell'alimentazione. Il Trecentonovelle ci restituisce così l'immagine di una società dove l'attività economica predominante è ancora l'agricoltura e dove la maggior parte degli abitanti sono contadini o artigiani.

Edizioni complete[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Sacchetti, Il Trecentonovelle. A cura di Vincenzo Pernicone, Sansoni, Firenze, I ed. 1946, pp. XXVI-614.
  • id., Il libro delle Trecentonovelle. A cura di Ettore Li Gotti, Collana Il Centonovelle: Novelliere antico e moderno, Bompiani, Milano, 1946, pp. 779.
  • id., OPERE, a cura e con l'introduzione critica di Aldo Borlenghi, Collana Classici, Rizzoli, Milano, 1957, pp. 1143.
  • id., Il Trecentonovelle. A cura di Emilio Faccioli, Collana NUE n. 111, Einaudi, Torino, 1979.
  • id., Il Trecentonovelle, a cura di A. Lanza, Sansoni, Firenze, 1984.
  • id., Il Trecentonovelle. A cura di Valerio Marucci, Collana I Novellieri Italiani, Salerno Editrice, Roma, 1996, ISBN 978-88-8402-199-1, pp. XLIV-904.
  • id., Il Trecentonovelle, a cura di Davide Puccini, Collana Classici Italiani, UTET, Torino, 2004-2012, ISBN 978-88-02-06056-9, pp. 748.
  • id., Le trecento novelle, edizione critica a cura di Michelangelo Zaccarello, SISMEL-Edizioni del Galluzzo, Firenze, 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lorenzo Tomasin, Trecento novelle ritrovate, in «Il Sole 24 ore - Domenica - 14 dicembre 2014», p.29

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]