Il Tetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il tetto
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità bimestrale
Genere stampa nazionale
Formato magazine
Fondazione 1964
Sede Napoli
Editore Associazione Amici de il tetto
Direttore Pasquale Colella
 

Il tetto è una rivista di attualità politica e religiosa nata a Napoli nel 1963. La rivista si inquadrò nell'area della sinistra cattolica, ponendosi in posizione critica verso quei settori della Democrazia Cristiana più integralisti[1][2]. Per molti anni ne fu direttore l'accademico e storico Giorgio Jossa.

Il nome della rivista trae ispirazione da un versetto del Vangelo di Matteo: «Ciò che vi dico nelle tenebre, ditelo in piena luce; e ciò che vi si dice all'orecchio predicatelo sui tetti» (Mt, 10,27).

Nel 2010 la rivista ha aderito all'appello delle riviste d'ispirazione cristiana contro la cosiddetta Legge bavaglio [3] e ha collaborato con il Comune di Napoli per l'organizzazione di una giornata di dibattito in difesa dell'Università pubblica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fulvio De Giorgi, "La questione del Mezzogiorno: societa e potere" in Cristiani d'Italia (2011), Treccani.it. URL consultato il 22 agosto 2012.
  2. ^ Daniela Saresella, "Le riviste del secondo dopoguerra" in Cristiani d'Italia (2011), Treccani.it. URL consultato il 22 agosto 2012.
  3. ^ Appello delle riviste di ispirazione cristiana contro la legge bavaglio, Micromega, 11 giugno 2010. URL consultato il 22 agosto 2012.