Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale
Il re scorpione 3.jpg
Il Re Scorpione Mathayus (Victor Webster), in una scena del film
Titolo originale The Scorpion King 3: Battle for Redemption
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2012
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura
Regia Roel Reine
Soggetto Randall McCormick
Sceneggiatura Brendan Cowles, Shane Kuhn
Casa di produzione Universal Pictures
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale (The Scorpion King 3: Battle for Redemption) è un film direct-to-video del 2012 diretto da Roel Reine ed uscito negli Stati Uniti d'America il 17 gennaio 2012. È il terzo film dedicato al Re Scorpione dopo Il Re Scorpione, di cui è sequel, e Il Re Scorpione 2 - Il destino di un guerriero. Nel 2015 è uscito il sequel, Il Re Scorpione 4 - La conquista del potere.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dalla sua trionfante ascesa al potere nel primo episodio de Il Re Scorpione, il regno di Mathayus è caduto e il sovrano ha perso la sua regina. Ormai mercenario, Mathayus viene ingaggiato dal Re Horus per difendere il regno del suo alleato e sottomesso orientale, il Re Ramusan, da Talus, il fratello di Horus, uno spietato tiranno che vuole rubare il Libro dei Morti a Ramusan per risvegliare i tre guerrieri fantasma, Agromael, Tsukai e Zulu Kondo, nel tentativo di riconquistare il potere e la gloria di un tempo. Insieme a Mathayus parte anche Olaf, un guerriero germanico al servizio di Horus che, superate le prime divergenze con l'accadico, si affeziona a lui, nonostante l'alone di mistero che avvolge il passato di Mathayus. Arrivati nel regno di Ramusan, i due combattono numerose battaglie aiutati da Cobra, un guerriero che poi si scoprirà essere Silda, la principessa figlia di Ramusan che, per proteggere il suo popolo, ha istituito un gruppo di ribelli esperti in arti marziali orientali. Nonostante i loro sforzi, Talus uccide Ramusan e riesce ad impossessarsi del libro, evocando i tre invincibili guerrieri fantasma. Dopo aver scoperto la verità sul Re Scorpione, Olaf assiste alle prodezze di Mathayus che sconfigge Zulu Kondo per poi sferrare un attacco in massa insieme ai ribelli contro Talus e il suo esercito. Tuttavia le cose non vanno bene, poiché i due guerrieri fantasma rimasti sono indistruttibili e Olaf e Silda riescono a stento a trattenerli. Quando tutto però sembra essere perduto, Mathayus riesce a sottomettere i due guerrieri grazie all'aiuto del morente Ramusan e della formula magica sul libro dei morti, mentre Talus, catturato, viene linciato dai ribelli. Giunto sul posto al termine della battaglia, il Re Horus si congratula con Mathayus per aver salvato il regno orientale ma resta sorpreso quando scopre che il guerriero è stato nominato re delle terre orientali, con Silda come sua consorte ed Olaf come suo guerriero, poiché il popolo della principessa non vuole più essere sottomesso a nessuno fuorché al sovrano scelto da loro. Sebbene Horus inizialmente è restio a voler concedere l'autonomia al regno, accetta tuttavia di riconoscere al popolo la libertà dalla sottomissione per rispetto a Mathayus, che finalmente riottiene la gloria sotto il nome di Re Scorpione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Ad interpretare il personaggio di Mathayus, Re Scorpione, ruolo che fu di The Rock nel primo film della serie, è stato chiamato l'attore canadese Victor Webster, mentre Billy Zane è il perfido Re Talus e l'esperto Ron Perlman (già Hellboy sul grande schermo), è Horus. Un'altra star della WWE è presente in questo film, infatti Dave Batista interpreta il ruolo di Agromael.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema