Il Fatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il giornale quotidiano, vedi il Fatto Quotidiano.
Il Fatto
Il Fatto di Enzo Biagi.png
PaeseItalia
Anno1995-2002
Generetalk show
Puntate845
Durata15 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreEnzo Biagi
Rete televisivaRai 1

Il Fatto è stato un programma televisivo italiano di genere talk show condotto da Enzo Biagi, in onda tra il 1995 e il 2002 nell'access prime time di Rai 1.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

In onda dal 23 gennaio 1995, si conclude il 31 maggio 2002, dopo 845 puntate.[1]

Nel corso del programma Biagi intervistava l'uomo protagonista di uno dei fatti principali del giorno oppure apriva un dibattito fra vari personaggi su un determinato tema. Fra le interviste storiche realizzate nel programma, si ricordano quella a Marcello Mastroianni, poco prima che morisse, quella a Sophia Loren, a Roberto Benigni dopo l'Oscar del 1999, al giudice Ilda Boccassini e ad Antonio Di Pietro dopo la sua decisione di entrare in politica.

A poche settimane dalle elezioni politiche del 2001, il programma fu accusato dal centrodestra di "faziosità". Al centro delle polemiche, due interviste realizzate da Biagi: una ad Indro Montanelli, nella quale il giornalista paragonò Silvio Berlusconi ad un virus, che gli italiani dovevano contrarre per sviluppare gli anticorpi, e una a Roberto Benigni dove il comico toscano mise alla berlina la campagna elettorale della Casa delle Libertà.

Il programma è stato cancellato, tra mille polemiche, in seguito all'editto bulgaro emanato dall'allora premier Silvio Berlusconi, contro lo stesso Biagi, il giornalista Michele Santoro e il comico Daniele Luttazzi (anche le loro trasmissioni Sciuscià e Satyricon furono immediatamente espulse dai palinsesti Rai dopo le parole di Berlusconi).

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

Il programma aveva solo la sigla iniziale, un brano di Vangelis che fu anche la sigla di Linea diretta, altra trasmissione condotta dallo stesso Biagi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grasso, p. 269 vol. 2

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione