Il Fanfulla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Il Fanfulla (disambigua).
Il Fanfulla
Stato Italia Regno d'Italia
Lingua italiano
Periodicità quotidiano
Genere stampa locale
Fondazione 1870
Chiusura 1899
Sede Firenze (1870-1871)
Roma (1871-1899)
 

Il Fanfulla fu un quotidiano italiano dell'Ottocento. Fondato nel 1870, fu pubblicato dapprima a Firenze, poi a Roma. Il titolo è un riferimento al condottiero Fanfulla da Lodi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I fondatori furono Francesco De Renzis, Baldassarre Avanzini, Giuseppe Augusto Cesana e Giovanni Piacentini. Fu uno dei primi quotidiani italiani non legati a un partito politico, o a una corrente.

Il primo numero uscì il 16 giugno 1870 a Firenze, all'epoca capitale provvisoria del Regno d'Italia[1], poi, con il trasferimento della capitale, si trasferì a partire dall'anno successivo a Roma, dove fu attivo fino al 1899. Editore l'ungherese Ernesto Emanuele Oblieght, direttore Baldassarre Avanzini[2].

Tra il 1872 e il 1879 vi collaborò anche Ferdinando Martini (che si firmò con lo pseudonimo «Fantasio»). Altri collaboratori furono Luigi Arnaldo Vassallo, Luigi Federzoni, Carlo Lorenzini e Gabriele D'Annunzio.

Con il numero del 9 dicembre 1899 fu annunciata la fusione con il «Don Chisciotte di Roma» (fondato il 15 ottobre 1893); dalla fusione dei due giornali nacque il quotidiano «Il Giorno» (10 dicembre 1899-1º gennaio 1901).

Il Fanfulla viene ricordato per il supplemento letterario «Il Fanfulla della domenica» (che uscì fino al 1919), a cui collaborarono, tra gli altri, Giosue Carducci, Giovanni Verga e Gabriele D'Annunzio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In pochi mesi raccolse a Firenze 1.260 abbonamenti.
  2. ^ Avanzini lasciò nel 1878 per fondare, con Luigi Cesana, figlio del comproprietario del Fanfulla, Il Messaggero.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]