Il Circolo degli Artisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Circolo degli Artisti
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1989 a Roma
Fondata daRomano Cruciani, Gianluca Celidonio
Chiusura2015

Il Circolo degli Artisti è stato un live club attivo a Roma dal 1989 al 16 marzo 2015.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi a Via Lamarmora[modifica | modifica wikitesto]

Il Circolo degli Artisti venne fondato nel 1989 da Romano Cruciani e Gianluca Celidonio (09 Agosto 1960 -17 Aprile 1993) .

Dopo la chiusura del teatro "La Scaletta", a causa dello sfratto subito dalla sede di Via del Collegio Romano, dopo 10 anni di attività. La prima sede del locale fu negli edifici abbandonati della vecchia Centrale del Latte di Roma, in via Lamarmora 28, alle spalle di Piazza Vittorio Emanuele II, nel rione Esquilino.

La sede di Via Casilina Vecchia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 il Circolo degli Artisti, a causa della ristrutturazione dei locali della "vecchia" Centrale per far posto al nuovo mercato coperto di Piazza Vittorio, dovette trovare una nuova sede. Si trasferì nello spazio di Via Casilina Vecchia 42, dove sorgevano dei locali che nel secondo dopoguerra avevano svolto la funzione di lavanderia e che in quel momento ospitavano uno "sfasciacarrozze", tipica attività di deposito/discarica e di riuso di pezzi di veicoli a motore e macchinari in generale, spesso presente nella periferia o nelle zone marginali e nascoste della capitale.

I locali coperti del Circolo degli Artisti erano composti da due sale interne (una allestita per concerti, discoteca ed esposizioni, e una solo per esposizioni e dance hall), un corner shop con biglietteria, e una pizzeria aperta tutto l'anno.

La scuola di teatro La Scaletta[modifica | modifica wikitesto]

Il Teatro "La Scaletta", dopo la chiusura, è continuato a vivere come scuola di teatro all'interno del Circolo degli Artisti. Organizza corsi di recitazione e workshop di arti sceniche. Periodicamente vengono eseguite piccole rappresentazioni e stand up commedy. Fondata nel 1981 da Romano Cruciani, Michele Mario Jorio, e Giovanbattista Diotaiuti "La Scaletta" si è avvalsa nel corso degli anni di docenti prestigiosi: Gianni Diotaiuti, Antonio Pierfederici, Franco Però, Ivano de Matteo, Giovanni Antonucci, Pino Manzari, Giuseppe Argirò, Giuseppe Marini, Valeria Campo, Marco Maltauro, Sabrina Jorio e Sabrina Dodaro, solo per citarne alcuni. Inoltre presso "La Scaletta" si sono formati: Alessandro Haber, Kim Rossi Stuart, Massimo Bonetti, Stefano Dionisi, Pino Quartullo, Marco Giallini, Edoardo Leo, Fabiola Trivella, Riccardo Polizzy Carbonelli, Marco Bocci, Tiziana Foschi, Domenico Fortunato, Arianna Dell’Arti.

Chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Il locale viene chiuso con i sigilli dalla Polizia il 16 marzo 2015 per occupazione abusiva e interramento di rifiuti, tra cui amianto. Tra i quattro indagati anche l'ex gestore Romano Cruciani, già finito nell'inchiesta Affittopoli l'anno precedente. Le attività del Circolo vengono spostate temporaneamente presso la discoteca Alien.[1]

La musica e le altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Il Circolo degli Artisti oltre alla musica offre una programmazione in cui si possono trovare arte, teatro, moda, cinema, architettura e design, letteratura. In 25 anni di attività sono stati organizzati più di 7000 concerti.

La chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 marzo 2015 il Circolo è stato chiuso dalla polizia con l'accusa di "invasione di terreni o edifici" (art. 633 e 639 bis) e "turbativa violenta del possesso di cose immobili" (art. 634). Molti degli ex lavoratori e delle ex levoratrici del club romano sono in attesa di ricevere stipendi e TFR congelati dall'azienda dal novembre 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roma, sigilli al Circolo degli Artisti: "Occupazione abusiva", su Repubblica.it. URL consultato il 25 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN127656512