Igor Girkin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Igor' Vsevolodovich Girkin
Igor Ivanovich Strelkov Yekaterinburg3.JPG
SoprannomeStrelkov, Igor Ivanovich
NascitaMosca, Unione Sovietica, 17 dicembre 1970
ReligioneOrtodossa
Dati militari
Paese servitoTransnistria Transnistria
Repubblica Serba Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina
Russia Federazione Russa
Flag of the Donetsk People's Republic.svg Repubblica Popolare di Doneck
Forza armataFederal'naja služba bezopasnosti (FSB)
Anni di servizio1992 – Marzo 2013
GradoColonnello
GuerreGuerra di Transnistria
Guerra di Bosnia
Prima guerra cecena
Seconda guerra cecena
Crisi della Crimea
Guerra del Donbass
voci di militari presenti su Wikipedia
Igor' Vsevolodovič Girkin

2° Ministro della Difesa della Repubblica Popolare di Doneck
Durata mandato 16 maggio 2014 –
14 agosto 2014
Predecessore Igor Kakidzyanov

2° Comandante della Milizia di Doneck
Durata mandato 6 luglio 2014 –
14 agosto 2014
Presidente Aleksandr Zacharčenko

Dati generali
Firma Firma di Igor' Vsevolodovič Girkin

Igor' Vsevolodovič Girkin (russo: Игорь Всеволодович Гиркин, ucraino: Іґорь Всєволодовіч Ґіркін), conosciuto anche con il nome di Igor' Ivanovič Strelkov (russo: Игорь Иванович Стрелков); Mosca (Russia), 17 dicembre 1970[1][2][3]) è un militare russo, nello specifico un ex colonnello dell'FSB russa, in pensione da marzo del 2013[4]. Nel 2014 ha acquisito notorietà a livello internazionale per il suo ruolo all'interno dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk[5]. Strelkov, veterano di molti altri conflitti precedenti (Transnistria, Bosnia, Cecenia, Daghestan[6][7]), per alcuni mesi è stato il comandante dei ribelli nella città di Slov"jans'k e in seguito ha condotte le forze della «Milizia Popolare» di Donec'k. Si definisce un sostenitore ideologico della monarchia assoluta in Russia e dei principi dell'Armata Bianca[8]. Strelkov ha acquisito progressivamente fama e peso politico nel corso degli scontri armati nell'Ucraina orientale, in quanto membro attivo delle organizzazioni armate dei ribelli che hanno guidato la «Milizia popolare del Donbass». Dal 12 maggio ha ricoperto il ruolo di Comandante delle Forze Armate della Repubblica Popolare di Donec'k[9][10], nonché - dal 16 maggio - quello di Ministro della Difesa della suddetta Repubblica. Il 14 agosto ha dichiarato le dimissioni da entrambe le cariche[11]. Strelkov è stato dichiarato un terrorista dalle autorità ucraine[12], ed è stato soggetto a sanzioni e misure restrittive da parte dell'UE, tra le quali il divieto di accesso a qualsiasi paese dell'Unione[13].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Igor' Girkin è nato a Mosca il 17 dicembre del 1970, all'interno di una famiglia con forti tradizioni militari. Fin da ragazzo si è interessato di storia militare, tant'è che dal 1989, ha partecipato attivamente ad eventi di rievocazione storica dell'Armata Bianca[14][15][16].Dopo il diploma, si è iscritto all'Istituto Storico-Archivistico di Mosca (oggi parte della Università Statale Umanistica Russa РГГУ), al quale si è laureato nel 1993. In seguito, però, alla carriera dello storico ha preferito la carriera militare[17], e si è arruolato infatti lo stesso anno nelle Forze Armate della Federazione Russa. Negli anni 1993-1994 ha completato il servizio militare nella 190ª Compagnia Tiratori presso la base tecnico-missilistica di Golicyno, ed in seguito è rimasto a servire l'Esercito grazie al rinnovo del contratto militare: prima come parte della Brigata di Fanteria meccanizzata, poi come ufficiale dell'intelligence militare.

Ha presto parte ai combattimenti in Transnistria nel bimestre giugno-luglio del 1992 (Volontario del 2º plotone dell'Host Cosacco del Mar Nero, Coșnița-Bender) a quella di Bosnia dal novembre del 1992 al marzo del 1993 (Corpo di volontari russi in Jugoslavia ed Esercito della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, Višegrad-Priboj), alla Prima e alla Seconda guerra in Cecenia (90ª Divisione Panzer da marzo a ottobre del 1995, e parte dei corpi speciali dal 1999 al 2005), e ha svolto incarichi speciali in altre regioni della Russia. Alla fine degli anni '90 ha pubblicato un libro autobiografico, «Diario di Bosnia». Secondo l'attivista per i diritti umani russo Aleksandr Čerkasov, presidente del Centro dei Diritti Umani "Memorial", Igor' Strelkov ha preso parte al 45º Reggimento di Guardia Spetsnaz nei pressi della località rurale di Chattuni, nel Distretto di Vedeno, in Cecenia[18][19].

Dal 6 gennaio 1998 sulla rivista "Zavtra" (russo: Завтра) appare la prima pubblicazione di Strelkov, assieme a quelle di altri volontari russi che hanno combattuto in Bosnia. Su questo organo di stampa Strelkov ha pubblicato articoli regolarmente fino all'ottobre 2000, scrivendo in merito alla situazione in Cecenia e ad altri argomenti relativi alla situazione in Russia, anche criticando la politica dell'autorità nazionale[20]. Nel mese di agosto del 1999, i due corrispondenti speciali del quotidiano "Zavtra" Alexander Boroday e Igor Strelkov hanno scritto un reportage riguardo alla zona del Kadar nel Daghestan, sulle azioni delle forze speciali del Ministero degli Interni russo (MVD) verso diversi villaggi abitati da wahhabiti[21]. Strelkov è stato anche corrispondente dell'Abkhazia Network News Agency (ANNA), per la quale ha scritto in veste di "colonnello nelle riserve" su temi relativi al Medio Oriente, come ad esempio i conflitti in Libia, Egitto e Siria, e per i separatisti abcasi filo-russi e russofoni della Georgia.

Secondo alcune fonti, dopo il pensionamento dalle FSB avrebbe lavorato come Responsabile della Sicurezza per il fondo d'investimento "Marshall Capital", proprietà dell'affarista russo Konstantin Malofeev[22]. Anche Aleksandr Borodaj, in seguito Primo Ministro della Repubblica Popolare di Donec'k, avrebbe lavorato per la "Marshall Capital" in veste di consulente[23].

Attività nelle rievocazioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Igor Strelkov

Igor' Strelkov è noto a Mosca tra i rievocatori storici e militari. In un forum online[24] dedicato alla ricostruzione della guerra con Napoleone nel 1812 e della guerra civile, Strelkov è moderatore. È anche il presidente del club «Svodnaja pulemotnaja komanda», costituito sulla base del club di Storia Militare «Reggimento Dragone di Mosca». Ha partecipato a molte rievocazioni, tra le quali: "La guerra del '16" nell'agosto del 2009, il festival "In memoria della guerra civile" nel febbraio del 2010, "La guerra civile nel sud della Russia", "Valore e morte delle guardie russe", ecc[25]. È stato anche membro del club di storia militare "Markivtsi".

Servizio nelle FSB russe[modifica | modifica wikitesto]

Igor' Girkin è un ex colonnello delle FSB russe, in pensione dal 31 marzo 2013. Secondo la BBC, il suo ultimo incarico è stato nella lotta contro il terrorismo internazionale, al "2° Ufficio" (Ufficio per la difesa del sistema costituzionale e per la lotta contro il terrorismo) delle FSB russe[26]. Secondo i media ucraini, che cominciarono a parlare dell'argomento il 15 aprile 2014, Igor Strelkov sarebbe stato un ufficiale operativo della GRU dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Russia. Tuttavia, la parte ucraina non è stata in grado di fornire delle prove alle sue affermazioni. Secondo la maggior parte delle fonti, Igor Girkin non ha mai lavorato per la GRU, ma solo per le FSB, e ciò concorda con le sue stesse dichiarazioni rilasciate durante le interviste.

Partecipazione alla crisi di Crimea[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le sue dichiarazioni, Igor' Girkin è giunto in Ucraina di propria iniziativa come volontario, guidato dalle proprie convinzioni personali, e non su ordine diretto del Cremlino, tesi sostenuta dalla parte ucraina. Attorno a lui si sarebbero riuniti gli oppositori locali al nuovo governo di Kiev, eletto in seguito ai disordini del Maidan. Secondo le informazioni fornite da uno dei capi dell'SBU (Služba bezpeky Ukraïny, in ucraino: СБУ o Служба безпеки України), agenzia di controspionaggio e antiterrorismo ucraina, Vitalij Najdoj, Igor' Strelkov in quel periodo sarebbe stato assistente della sicurezza del Primo Ministro della Repubblica autonoma di Crimea, Sergej Aksënov.

Partecipazione alla Guerra del Donbass[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le dichiarazioni rese da uno dei leader della SBU, l'8 aprile 2014 Strelkov ha attraversato lo Stretto di Kerč' in traghetto, lasciando la Crimea e raggiungendo Rostov sul Don; dopodiché, il 12 aprile ha superato il confine ucraino «per l'attuazione segreta di uno scenario militare aggressivo» nell'Ucraina orientale[27]. Il 13 aprile 2014 a Slovyansk è stata tesa un'imboscata a un gruppo di agenti dell'SBU che circolava a bordo di un'auto. Nello scontro, un ufficiale dell'SBU è rimasto ucciso, e altri tre sono stati feriti. Secondo l'SBU, è stato Igor Strelkov a dirigere l'operazione[28]. Il 16 aprile nella zona di Slov"jans'k le forze della milizia hanno bloccato la 25ª Brigata aerotrasportata di Dnipropetrovs'k dell'esercito regolare ucraino. Secondo le informazioni rese dal centro stampa dell'SBU, il sequestro delle armi e di sei veicoli da combattimento (BTR-D e BMD) alle unità di Dnepropetrovsk sono state effettuate sotto la direzione di Igor Strelkov. L'SBU sostiene inoltre che Strelkov sia coinvolto nel reclutamento nella milizia di alcuni soldati della brigata aerotrasportata[29]. Il 14 aprile su internet sono comparse delle registrazioni[30], indicate come intercettazioni di conversazioni telefoniche tra i separatisti che operavano nel Sud-Est dell'Ucraina, nelle quali la persona sotto il nominativo di "Strelok", riferisce dell'eliminazione avvenuta con successo di alti rappresentanti dell'SBU nella zona di Slov"jans'k. È stato ipotizzato che la persona con il nominativo "Strelok", fosse appunto Igor Strelkov[31], mentre il suo interlocutore fosse Aleksandr Borodaj.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze russe[modifica | modifica wikitesto]

Ordine del Coraggio - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Coraggio
Medaglia di Suvorov - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Suvorov
Medaglia per la partecipazione all'operazione antiterrorismo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la partecipazione all'operazione antiterrorismo
Medaglia per distinzione nel servizio militare di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di II Classe
Medaglia per distinzione nel servizio militare di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nel servizio militare di III Classe

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Repubblica Popolare di Donec'k (Donec'k) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Repubblica Popolare di Donec'k (Donec'k)
«Per il suo contributo all'educazione, alla formazione e alla tutela della Repubblica Popolare di Donec'k e per la visualizzazione di coraggio e di eroismo»
— 4 novembre 2014
Ordine di San Nicola di II Classe (Donec'k) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di San Nicola di II Classe (Donec'k)
«Per meriti nella creazione delle Forze Armate del TNP e per l'eccellente organizzazione della difesa di Slov"jans'k Donec'k»
— 16 agosto 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ СБУ установила личность Стрелкова: Игорь Всеволодович Гиркин, 1970 г.р., прописан в Москве "L'SBU ha stabilito l'identità di Strelkov: Igor Vsevolodovich Girkin, nato nel 1970, è registrato a Mosca", 28 aprile 2014.
  2. ^ Командующий Сопротивлением Донецкой народной республики Игорь Стрелков "Il Comandante dei ribelli della Repubblica Popolare di Donetsk è Igor Strelkov", 4 giugno 2014
  3. ^ ОЧЕРК-Неуловимый москвич с тремя именами встал во главе повстанцев на Украине "Sfuggente moscovita con tre nomi a capo dei ribelli in Ucraina", 15 marzo 2014.
  4. ^ Герой Донбасса Игорь Стрелков: от студента до боевого командира "Igor Strelkov, eroe del Donbass: da studente a comandante", 5 giugno 2014.
  5. ^ Митингующие в Донецке решили создать собственную "народную армию" "I ribelli di Donetsk hanno deciso di creare la propria "Milizia Popolare", 10 aprile 2014.
  6. ^ Боевые заслуги: кто научил воевать Игоря Стрелкова "Valore militare: chi ha insegnato a combattere a Igor Strelkov", 5 giugno 2014.
  7. ^ Стрелков рассказал, как служил в ФСБ и где воевал "Strelkov ha detto di aver servito nell'FSB e dove ha combattuto", 12 luglio 2014.
  8. ^ Putin’s Right Flank "Il fianco destro di Putin", 21 agosto 2014.
  9. ^ Игорь Стрелков провозгласил себя командующим "армии ДНР" "Igor Strelkov si è proclamato comandante dell'Esercito della RPD", 12 maggio 2014.
  10. ^ Руководство Донецкой республики: Стрелков возглавил вооруженные силы ДНР "Le autorità della Repubblica di Donetsk: Strelkov conduce le forze armate della RPD", 12 maggio 2014
  11. ^ Стрелков покинул пост министра обороны ДНР "Strelkov ha abbandonato la carica di Ministro della Difesa", 14 agosto 2014.
  12. ^ Самопроголошеному міністру оборони «ДНР» І. Стрєлкову інкримінується створення терористичної організації та вчинення терактів в Україні "L'autoproclamato Ministro della Difesa della RPD I. Strelkov incaricato di fondare un'organizzazione terroristica e di compiere atti di terrorismo in Ucraina", 21 maggio 2014.
  13. ^ Командующий самообороной Славянска не боится санкций ЕС "Il leader dei ribelli di Slovyansk non ha paura delle sanzioni dell'UE", 29 aprile 2014.
  14. ^ Портреты века: Игорь Стрелков "Ritratti del secolo: Igor Strelkov", 20 maggio 2014.
  15. ^ Реконструктор.рф — военная и гражданская история и реконструкция XV, XVII-XVIII-XIX веков "Storia militare e civile e rievocazione dei secoli XV, XVII-XVIII-XIX".
  16. ^ Реконструкторы против Киева "Rievocatori contro Kiev", 29 aprile 2014.
  17. ^ Игорь Стрелков: как книжный мальчик стал командующим ополчением Донбасса "Igor Strelkov: come un ragazzo studioso diventò il Comandante della Milizia del Dobass", 28 maggio 2014.
  18. ^ Террорист "Стрелок" причастен к похищениям людей в Чечне - российский правозащитник "Il terrorista "Strelkov" coinvolto nei rapimenti in Cecenia - Un attivista russo per i diritti umani", 22 maggio 2014.
  19. ^ "Игорь Стрелков" в Чечне. 2001 год, Веденский р-н "Igor Strelkov in Cecenia. Anno 2001, Distretto di Vedeno", 21 maggio 2014.
  20. ^ Завтра - И́горь Стрелко́в "Zavtra - Igor Strelkov".
  21. ^ Газета Завтра 304 (39 1999). Archiviato il 18 maggio 2014 in Internet Archive. "Quotidiano Zavtra 304 (39 1999)".
  22. ^ Киевский Патриархат обвинил представителей Московского Патриархата в поддержке терроризма "Il Patriarcato di Kiev ha accusa il Patriarcato di Mosca di sostenere il terrorismo", 15 maggio 2014.
  23. ^ Премьером Донецкой республики избран Александр Бородай, бывший консультант «Маршал капитала» "Il Primo Ministro della Repubblica Popolare di Donetsk, Boroday Alexander, è un ex consulente della "Marshall Capital", 16 maggio 2014.
  24. ^ Форум Военно-Исторических Реконструкторов "Forum dei rievocatori storico-militari".
  25. ^ Кто такой лидер самообороны в Славянске: Полковник из России и любитель военной реконструкции (фото) "Chi è uno dei leader dei ribelli di Slovyansk: colonnello dell'esercito russo e rievocatore amatoriale", 28 aprile 2014.
  26. ^ Донецкий сепаратист Пушилин: нас объединяет русский мир "Separatista di Donetsk Pushilin: siamo uniti dal mondo russo", 30 aprile 2014.
  27. ^ СБУ: Януковича контролирует российская военная разведка "SBU: Yanukovych controlla l'intelligence militare russa", 16 aprile 2014.
  28. ^ Кто «сливает» войну с террористами? "Chi "confonde" la guerra con il terrorismo?" 13 aprile 2014.
  29. ^ Захваченных украинских десантников пытались вербовать полковник Стрелков и диверсант «Ромашка» "Il colonnello Strelkov e il sabotatore «Romashka» cercano di reclutare i paracadutisti ucraini catturati", 18 aprile 2014.
  30. ^ СЛАВЯНСК 13.04.2014 СБУ перехватила переговоры сепаратистов в Славянске "SLAVYANSK 13.04.2014 colloqui dei separatisti di Slavyansk intercettati dall'SBU", 14 aprile 2014.
  31. ^ СБУ обнародовала перехваченные телефонные разговоры сепаратистов "L'SBU pubblica le intercettazioni telefoniche dei separatisti", 20 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN310694453 · ISNI (EN0000 0004 3704 5843 · LCCN (ENno2015034033 · WorldCat Identities (ENno2015-034033