Ignazio Pisciotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Tutti eroi! O il Piave, o tutti accoppati!»

(Ignazio Pisciotta[1])

Ignazio Pisciotta (Matera, 18 febbraio 1883Sanremo, 27 dicembre 1977) è stato un militare e scultore italiano, generale del corpo dei Bersaglieri.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Matera, studiò alla scuola d'arte di Firenze, partì volontario nella guerra di Libia col grado di tenente dei Bersaglieri. Perse la mano destra a causa dei combattimenti, fu decorato con la medaglia d'argento al valor militare[2]. Nel 1918 dopo reiterate richieste riuscì a tornare sul fronte, destinato alla propaganda presso la 45ª divisione mobilitata, nel settore di Fagarè della Battaglia. Dopo la battaglia del solstizio fu decorato sul campo dal re con un'altra medaglia d'argento al valor militare con la seguente motivazione:

«Mutilato di guerra si prestava volontariamente per un'opera di efficace ed ininterrotta propaganda patriottica tra le truppe in linea. All'inizio dell'offensiva nemica si recava tra i reparti impegnati in combattimento e vi rimaneva per tre giorni consecutivi. Portandosi dove più ferveva l'azione, manteneva il collegamento con i reparti più avanzati e l'incitava alla lotta con la parola e l'esempio, dando prova di abnegazione e di disprezzo per il pericolo.»

Incitazione patriottica in una casa sinistrata sul Piave

Sua l'incitazione patriottica «Tutti eroi! O il Piave, o tutti accoppati!»[1] mentre, nonostante gli venga attribuita anche quella di «È meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora», ripresa anche da Mussolini in un suo celebre discorso, sebbene il Pisciotta non ne parlasse[1][3], la sua reale paternità rimane dubbia, infatti l'origine dela frase è di molto antecedente alla battaglia del Solstizio, quando apparve anch'essa sul muro di una casa diroccata dai bombardamenti a Sant'Andrea di Barbarana, presso Ponte di Piave[4] (TV), addirittura risorgimentale[5], tuttavia, vista la fama ottenuta in seguito al discorso del Duce, circolarono diverse rivendicazioni[6][7][5].

Pisciotta fu nominato maggiore e congedato, salvo poi essere nuovamente richiamato in servizio presso il museo storico dei Bersaglieri a Milano, ed essere infine congedato definitivamente con il grado di generale. Pensionato, visse brevemente in Argentina; tornato in Italia, visse fino all'età di 94 anni presso una casa di riposo di Sanremo[8].

A lui è dedicato un museo storico di Matera[9].

Come scultore usò lo pseudonimo di Aldo Cadigge[10], mutuato dalla moglie di Maometto, Cadigia[11]; tenne diversi studi, in periodi differenti, a Firenze, Bologna e Milano.

Decorazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c yumpu.com Fiamma Cremisi, periodico dell'Associazione nazionale Bersaglieri, marzo-aprile 2013; senato.it, p.4445
  2. ^ Cfr. alle pp. 32-33 da un articolo di Dante Pariset, a cura di Alter in Fiamma Cremisi, periodico dell'Associazione nazionale Bersaglieri, marzo-aprile 2013
  3. ^ Cfr. in Antonio Pannullo, “Meglio vivere un giorno da leone…” Storia del bersagliere che ispirò il Duce sul Secolo d'Italia del 27 dicembre 2015.
  4. ^ Cfr. la foto sull'archivio di Cinecittà Luce S.p.A.
  5. ^ a b Si veda Il Risorgimento italiano. Biografie storico-politiche d'illustri italiani contemporanei, per cura di Leone Carpi, vol. II, Milano, Vallardi, 1886, a p. 241, mentre, in merito alla scritta sul muro della casa diroccata si veda il «Corriere della Sera» del 31 luglio 1918, dove, nella sua corrispondenza di guerra, Arnaldo Fraccaroli scrive sulla frase vista dopo la battaglia del Solstizio, riformulandola.
    In Michele Cortelazzo, Meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora del 20 febbraio 2016.
  6. ^ Cfr. in Stefano Lorenzetto, Chi (non) l'ha detto. Dizionario delle citazioni sbagliate, Venezia, Marsilio Editore, ISBN 9788829703241.
  7. ^ Cfr. in Paolo Rampa, La verità di mio nonno contro la retorica del regime – Una storia del novecento, su "Il quarto re", 22 gennaio 2017.
  8. ^ http://www.secoloditalia.it/2015/12/vivere-giorno-leone-storia-bersagliere-ispiro-duce/
  9. ^ museitaliani.org
  10. ^ europeana1914-1918.eu. URL consultato il 29 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2014).
  11. ^ Cfr. in Arrigo Pozzi, Quando l'arte diventa eroismo. Vita avventurosa di Ignazio Cadigge, sul "Corriere Padano" del 9 novembre 1939.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna Ascenzi, Maila Di Felice e Raffaele Tumino, <<SANTA GIOVINEZZA!>> Lettere di Luigi Bertelli e dei suoi corrispondenti (1883-1920), Alfabetica Edizioni, Macerata, 2008, p. 498
  • Adriana van Deurs, Marcelo Gustavo Renard, Esteban Moore, Italian Sculpture at the National Museum of Fine Arts, Asociación Amigos del Museo Nacional de Bellas Artes, Museo Nacional de Bellas Artes (Argentina), 2002, pag. 117 pag. 104
  • CATALOGO, Associazione degli artisti italiani, Palazzo Strozzi, Firenze, 1912
  • Memoria. Anexos. Buenos Aires, Volume 3, Argentina, Ministerio de Justicia e Instrucción Pública, 1913, pag.745
  • Il Secolo XX: rivista popolare illustrata, Società editoriale italiana, 1917, pag. 239

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]