Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Ignazio Moser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ignazio Moser
Nazionalità Italia Italia
Altezza 191 cm
Peso 85 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Termine carriera 2014
Carriera
Giovanili
2007-2010U.S. Montecorona
Squadre di club
2011Lucchini
2012Trevigiani
2013-2014BMC Development
Wikiproject Europe (small).svg Europei su pista
Bronzo Panevėžys 2012 Ins. a squadre
 

Ignazio Moser (Trento, 14 luglio 1992) è un personaggio televisivo, ex ciclista su strada e pistard italiano.

Carriera

Ciclismo

È figlio di Francesco Moser, nipote di Diego, Aldo ed Enzo e cugino di Moreno, tutti ciclisti professionisti. Segue fin da piccolo le orme del padre nel ciclismo, e nelle categorie Allievi e Juniores gareggia con l'U.S. Montecorona di Giovo. Il 25 agosto 2010 vince il titolo italiano nell'inseguimento individuale juniores ai tricolori di Mori battendo in finale Paolo Simion.[1]

Nel 2011 debutta tra i Dilettanti Elite/Under-23 con il team bresciano Lucchini-Maniva Ski, e nel 2012 passa alla trevigiana Trevigiani-Dynamon-Bottoli; in due anni vince due corse del calendario nazionale, la Piccola Coppa Agostoni nel 2011 e il Gran Premio Polverini Arredamenti nel 2012, cogliendo in quest'ultima stagione anche quattro secondi posti.[2] Nell'ottobre 2012 vince la medaglia di bronzo nell'inseguimento a squadre su pista ai Campionati europei in Lituania in quartetto con Elia Viviani, Paolo Simion e Liam Bertazzo.

Nel 2013 passa alla BMC Development, squadra Under-23 affiliata al team World Tour statunitense BMC Racing Team. Nello stesso anno è componente del quartetto italiano che conclude al nono posto nella gara di inseguimento a squadre ai campionati del mondo su pista di Minsk.[3] Il 25 agosto 2013 ottiene la prima vittoria internazionale su strada, in Giappone, alla Shimano Suzuka Road Race sul circuito di Suzuka.[4]

Nel 2014 vince il Memorial Lorenzo Mola a Botticino[5] e la sesta tappa del Tour de la Guadeloupe, gara valida per il calendario UCI America Tour. Nonostante i risultati, a fine anno matura la decisione di ritirarsi e dedicarsi all'azienda vitivinicola di famiglia fondata dal padre fra Trento, Gardolo di Mezzo e Palù di Giovo.

Esperienze televisive

Dopo aver debuttato in televisione come opinionista del Giro d'Italia 2017 nella trasmissione di Rai 2 La grande corsa, l'11 settembre 2017 entra nella casa del Grande Fratello Vip come concorrente del programma condotto da Ilary Blasi su Canale 5.[6] Viene eliminato in semifinale con il 57% dei voti. Nel 2020 conduce con Cecilia Rodríguez la seconda edizione di Ex on the Beach Italia su MTV. Nel mese di aprile 2021 partecipa come concorrente alla quindicesima edizione de L'isola dei famosi condotta da Ilary Blasi su Canale 5.[7]

Palmarès

  • 2011 (Lucchini-Maniva Ski, una vittoria)[5]
Piccola Coppa Agostoni
  • 2012 (Trevigiani-Dynamon-Bottoli, una vittoria)[5]
Gran Premio Polverini Arredamenti
  • 2013 (BMC Development Team, una vittoria)
Shimano Suzuka Road Race
  • 2014 (BMC Development Team, due vittorie)[5]
Memorial Lorenzo Mola
6ª tappa Tour de la Guadeloupe (Les Abymes > Les Abymes)

Piazzamenti

Competizioni mondiali

Minsk 2013 - Inseguimento a squadre: 9º

Competizioni continentali

Televisione

Note

  1. ^ Ciclismo:Ignazio Moser campione italiano, 25 agosto 2010. URL consultato il 24 marzo 2018.
  2. ^ MOSER IGNAZIO (1992) - 2012, su elite-under23.ciclismo.info. URL consultato il 28 novembre 2020.
  3. ^ (ENFR) Men's Team Pursuit / Poursuite par équipes hommes, su tissottiming.com. URL consultato il 24 marzo 2018.
  4. ^ Ignazio Moser il Samurai: prima vittoria in Giappone, in giornaletrentino.it, 26 agosto 2013.
  5. ^ a b c d MOSER IGNAZIO (1992) - 2014, su elite-under23.ciclismo.info. URL consultato il 24 marzo 2018.
  6. ^ Concorrenti del Grande Fratello Vip, in grandefratello.mediaset.it, 11 settembre 2017.
  7. ^ Ignazio Moser nuovo concorrente de "L'Isola dei Famosi", su tgcom24.mediaset.it, 29 aprile 2021. URL consultato il 30 aprile 2021.

Collegamenti esterni