Ignazio Marsengo-Bastia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ignazio Marsengo-Bastia
Ignazio Marsengo.jpg

Ministro delle Poste e Telegrafi
Durata mandato 24 dicembre 1905 –
8 febbraio 1906
Presidente Alessandro Fortis
Predecessore Gismondo Morelli Gualtierotti
Successore Alfredo Baccelli

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XX, XXI, XXII
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Magistrato

Ignazio Marsengo-Bastia (Saluzzo, 13 ottobre 1851Torino, 9 luglio 1910) è stato un magistrato e politico italiano, viene ricordato per essere stato Ministro di Poste e Telegrafi nel secondo governo Fortis, incarico che durò solo un mese[1]. Entrò in politica quando venne eletto deputato nel 1892. Era considerato un giolittiano.

Eletto cinque volte al parlamento, svolse ruolo di sottosegretario agli interni dal 1898 - 1899 sotto il Governo Pelloux e quindi di ministro a cavallo fra il 1905 ed il 1906[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]