Ignacio Cervantes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ignacio Cervantes

Ignacio Cervantes Kawanagh (L'Avana, 31 luglio 184729 aprile 1905) è stato un compositore cubano. Egli fu molto influente nella creolizzazione della musica cubana. Era un bambino prodigio, fu allievo del pianista Juan Miguel Joval e successivamente del compositore Nicolás Ruiz Espadero nel 1859 e del compositore americano Louis Moreau Gottschalk. Gottschalk incoraggiò Cervantes a studiare al conservatorio di Parigi (1886-1870) sotto la guida di Antoine François Marmontel e Charles-Valentin Alkan. Qui ottenne il suo primo riconoscimento per la composizione nel 1886 e per l'armonia nel 1867. Suonò anche con Christina Nilsson e Adelina Patti.[1] Nel 1875 Cervantes e José White lasciarono Cuba dopo essere stato messo in guardia dal Governatore Generale: aveva scoperto che i due si stavano esibento per tutto il paese e con il ricavato dei loro concerti finanziavano la causa della ribellione nella Guerra de los Diez Años.[2] Negli Stati Uniti e nel Messico, Cervantes continuò a raccogliere fondi con i suoi concerti fino al Patto di Zanjón che portò ad una tregua. Tornò a Cuba nel 1878 per poi lasciarla nuovamente nel 1895, quando ebbe inizio la guerra d'indipendenza cubana. Cervantes scrisse un'opera (Maledetto, 1895), veri pezzi per clavicembalo, zarzuela e il famoso Danzas Cubanas. Scrisse il brano Fusión de Almas con la figlia María Cervantes (1885-1981), che divenne una nota pianista, compositrice e cantante.

"Cervantes fu uno dei primi musicisti nelle Americhe a considerare che il nazionalismo è la conseguenza dei tratti caratteristici delle persone; è stato un grande esempio per i compositori successivi".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Orovio, Helio 2004. Cuban music from A to Z. Duke University Press, Durham. p49
  2. ^ Sublette, Ned 2004. Cuba and its music: from the first drums to the mambo. Chicago. p246
  3. ^ Carpentier, Alejo 2001 [1945]. Music in Cuba. Minniapolis MN.Chapter 12, p 204 et seq.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 61740671 · BNF: cb13984685m (data)