Ifranj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ifranj, anche Firanj o Faranj (da "Franchi") è il termine arabo che si utilizzava per identificare i cristiani delle regioni europee occidentali, soprattutto della Francia occidentalis (odierni Francia, "Benelux" e Germania occidentale) e della Francia orientalis.

In questo modo era possibile differenziare i cristiani di cultura latina dai cristiani di cultura greca, ossia i Bizantini, che dai musulmani erano assai più apprezzati sotto tutti profili - culturali ma anche militari ed istituzionali - salvo forse quello della valentia personale in guerra, visto che gli Ifranj erano considerati di eccezionale coraggio e d'inusuale forza fisica. Così li descrisse un famoso enciclopedista del X secolo, al-Mas'udi: "I Franchi (Ifranj) sono i più coraggiosi tra questi popoli, i meglio difesi, quelli dotati di maggiori armamenti, con i territori più vasti e le città più popolose, i meglio organizzati ei più sottomessi e obbedienti ai loro re..."[1].

La loro cultura era considerata invece ben povera cosa, al limite della barbarie, e sarà solo a partire dall'età rinascimentale che tale opinione dovette lentamente essere abbandonata.

Tutto ciò comportò che delle contrade europee occidentali (ivi comprese le regioni meridionali) l'Islam ebbe ben scarse ed inadeguate conoscenze: fattore questo che alla lunga costituì uno svantaggio, non solo puramente culturale, ed influì negativamente sugli stessi equilibri geo-politici del mondo musulmano.

La sommaria conoscenza che l'Islam ebbe delle composite realtà dell'Europa occidentale, segnata in buona parte dalle ambascerie che il califfo abbaside Hārūn al-Rashīd scambiò con l'imperatore franco Carlo Magno nel IX secolo, non consentì di differenziare fra loro le varie popolazioni e i vari Stati dell'Occidente cristiano-latino, prolungando per secoli l'uso (inizialmente corretto) del termine "Franchi".

Anche quando in Siria-Palestina giunsero le prime armate dei Crociati, i musulmani seguitarono quindi ad usare per quei guerrieri il termine "Franchi".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Surdich, Miscellanea di storia delle esplorazioni, Vol. 13, Fratelli Bozzi, 1975.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ignazio Guidi, "L'Europa occidentale negli antichi geografi arabi", in: Florilegium Melchior de Vogüe, Parigi, 1909, pp. 263-269.
  • Bernard Lewis, The Muslim Discovery of Europe (trad. ital. Europa barbara e infedele, Milano, Mondadori, 1982), New York-London, W. W. Norton & Company, 1982.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]