Idrovora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'idrovora di Santa Giustina situata a Botti Barbarighe, nel comune di Pettorazza Grimani.

L'idrovora è un tipo di pompa usata per assorbire ed asportare grandi masse d'acqua, in particolare per opere di bonifica o in casi di alluvione.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Le idrovore vengono usate per effettuare e mantenere bonifiche idrauliche di ampi territori italiani durante il XX secolo, tra cui il Delta del Po, le foci del Piave, la Piana Reatina, il Polesine, il Veneto Orientale, Arborea, e l'Agro Pontino. Vengono utilizzate per impedire le infiltrazioni di acqua nei polder olandesi. Le idrovore in Italia sono attualmente gestite dai consorzi di bonifica. Idrovore minori vengono usate anche per lo smaltimento delle acque fognarie (ad esempio a Marghera).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertoncin Marina, Logiche di terre e acque, Cierre Edizioni, Verona, 2004.
  • Roberto Marinelli, La bonifica reatina. Dal canale settecentesco di Pio VI alle Marmore agli impianti idroelettrici del Bacino Nera - Velino", L'Aquila, Edizioni Libreria Colacchi, 2010. ISBN 88-88-67653-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4136331-0