Icilio Missiroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Icilio Missiroli

Sindaco di Forlì
Durata mandato 1956 –
3 novembre 1965
Predecessore Mario Colletto
Successore Carlo De Nardo (commissario prefettizio)

Dati generali
Partito politico Partito Repubblicano Italiano

Icilio Missiroli (San Zaccaria di Ravenna, 15 marzo 1898Forlì, 1979) è stato un insegnante, scrittore e politico italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera di insegnante cominciò nelle scuole elementari e culminò con l'insegnamento di Storia e filosofia al Liceo classico di Forlì.

Nel 1923, in seguito alla riforma scolastica di Giovanni Gentile e delle nuove direttive sui testi scolastici di Giuseppe Lombardo Radice, scrisse il testo per le scuole elementari Romagna pubblicato all'interno della collana Almanacchi Regionali Bemporad per i Ragazzi[1]. Nel 1938 pubblicò L'imperatore dei maghi. Favola in tre atti, con illustrazioni di Ettore Nadiani e musica di Ottone Furlani. Fu più volte direttore della rivista «Pensiero romagnolo».

È stato autore di commedie in lingua romagnola di grande successo[2]. Tra i suoi titoli, E' post dri l'irola.

Esponente del Partito Repubblicano Italiano, nel secondo dopoguerra ricoprì la carica di sindaco della città di Forlì dal 1956 al 1965.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Romagna Dovadola, 2000. Ristampa anastatica dell'edizione Bemporad (Firenze, 1924) con un saggio introduttivo di Giuseppe Bellosi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «La Ludla», Icilio Missiroli (PDF), su argaza.racine.ra.it. URL consultato l'11 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2007).
  2. ^ «La Ludla» 2011, n. 1, Quale futuro per il teatro romagnolo in dialetto? (PDF), su argaza.it. URL consultato l'11 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Forlì Successore Forlì-Stemma.png
Mario Colletto 1956 - 1965 Carlo De Nardo (commissario prefettizio)
Controllo di autoritàVIAF (EN73009764 · ISNI (EN0000 0000 2981 9301 · LCCN (ENn90616075 · WorldCat Identities (ENlccn-n90616075