Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ichigo Kurosaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ichigo Kurosaki
Ichigo nella nuova veste da Shinigami
Ichigo nella nuova veste da Shinigami
Universo Bleach
Nome orig. 一護 黒崎 (Ichigo Kurosaki)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego Ogihci
Autore Tite Kubo
Studio Pierrot
Editore Shueisha
1ª app.
  • Manga: Capitolo 1
  • Anime: Episodio 1
1ª app. in Weekly Shonen Jump
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
Interpretato da Tatsuya Isaka (musical del 2005)
Voci orig.
Voce italiana Ruggero Andreozzi (lungometraggi Memories of Nobody e The DiamondDust Rebellion)
Specie (non definita)
Sesso Maschio
Luogo di nascita Karakura Town
Data di nascita 15 luglio[1]
Abilità vedi sotto
Parenti

Ichigo Kurosaki (黒崎 一護 Kurosaki Ichigo?) è il protagonista del manga Bleach, scritto e disegnato dal mangaka Tite Kubo, e delle sue opere derivate. Ichigo ottiene poteri da Shinigami in seguito ad un incidente incorso a Rukia Kuchiki, la Shinigami incaricata di vegliare sulla sua città, Karakura Town. In seguito al trasferimento di poteri, Ichigo accetta di sostituire Rukia nelle sue mansioni, proteggendo gli umani dagli spiriti maligni chiamati Hollow e inviando i Plus nella Soul Society. Oltre al manga, Ichigo compare anche in altri media legati alla serie, tra cui l'anime televisivo, i quattro film animati, gli OAV, il musical e diversi videogiochi e light novel.

Kubo ha affermato che Ichigo venne concepito per sostituire Rukia come protagonista della serie, dal momento che aveva l'impressione che la Shinigami non fosse adatta a ricoprire il ruolo.[2] Il personaggio di Ichigo venne apprezzato dal pubblico e dalla critica[3] e compare spesso nei sondaggi di popolarità della rivista Weekly Shōnen Jump come uno dei personaggi più amati della serie.[4][5] Nel 2007 la rivista giapponese Newtype lo collocò tra i cento personaggi degli anime più popolari.[6] I recensori della serie hanno lodato la sua personalità, sebbene alcuni vi abbiano visto dei tratti da antieroe troppo stereotipati. Nell'adattamento anime di Bleach Ichigo è doppiato da Masakazu Morita.[7]

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Prima della creazione di Ichigo, l'autore Tite Kubo aveva pensato a Rukia Kuchiki come unica protagonista della serie, ma poi cambiò idea e creò anche Ichigo.[2] I primi schizzi del personaggio vedevano Ichigo con degli occhiali, i capelli scuri e gli occhi gentili. Questo aspetto venne subito scartato dall'autore perché molto simile a Rukia; perciò diede al personaggio dei colori in contrasto con Rukia, come i capelli arancioni, gli tolse gli occhiali e aggiunse al suo volto un'espressione molto più dura.[8] A detta dell'autore Ichigo, insieme a Orihime Inoue, è il personaggio più difficile da disegnare.[9]

Il suo nome è composto da due kanji, che separati in ichi (?) e go (?) significano 1 e 5, o 15. Scritto in altri caratteri, la parola ichigo (?) significa anche "fragola", e di norma è utilizzato solo per i nomi femminili. Ichigo sostiene con orgoglio che il suo nome va scritto invece con ichi (?) come in "uno", e go (?) come "guardiano": suo padre, infatti, gli disse una volta che il suo nome significava "colui che protegge".

Kubo ha dichiarato che la più grande forza di Ichigo è la sua natura gentile e premurosa e il fatto che si preoccupa sempre dei bisogni altrui. Tuttavia ha anche notato che ciò risulta la sua più grande debolezza, dal momento che pensare ai suoi amici lo mette spesso in pericolo. Alla domanda se fosse interessato ad approfondire il triangolo amoroso tra Ichigo, Orihime e Rukia, Kubo scelse di non rispondere dal momento che non era interessato alle storie d'amore.[10] L'autore imputa la popolarità del personaggio presso il pubblico al fatto che "ha un aspetto fico". Ha inoltre rivelato che più i lettori approfondiranno la sua storia, più scopriranno che è una persona dall'animo gentile.[3]

Kubo ritiene che Ichigo sia il personaggio più sviluppato della serie, colui che porta avanti la trama e che introduce i lettori agli eventi del manga. Con la fine della saga degli Arrancar, Kubo volle riavviare la serie: fece perdere a Ichigo i suoi poteri da Shinigami e gli fece ricercare un modo per riappropriarsene.[11] Nella versione animata il personaggio è doppiato da Masakazu Morita, mentre da bambino ha la voce di Yuki Matsuoka.[7] Sebbene riconosca Ichigo come uno dei suoi ruoli più riusciti, Morita ammise che doppiarlo le creò a volte delle difficoltà.[12] Nelle edizioni italiane di Memories of Nobody e The DiamondDust Rebellion è doppiato da Ruggero Andreozzi.[13][14]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ichigo dopo aver ottenuto i poteri di Shinigami da Rukia

Ichigo vive con suo padre, Isshin, e con le sue due sorelle, Karin e Yuzu. La sua peculiarità è quella di poter vedere e interagire con gli spettri. Un giorno incontra casualmente la Shinigami Rukia Kuchiki mentre questa è nel bel mezzo di un combattimento contro un Hollow. Rukia, impossibilitata a combattere, vuole cedere parte dei suoi poteri a Ichigo,[15] ma senza volere il ragazzo assorbe completamente i poteri di Rukia.[16] Così, mentre Rukia è impossibilitata a combattere, Ichigo assume il ruolo di sostituto shinigami e affronta alcune battaglie, fino ad attirare l'attenzione della Soul Society che invia due emissari di alto rango a riprendere Rukia, accusata di aver condiviso i suoi poteri con un umano. Ichigo cerca di salvarla, ma viene pesantemente sconfitto dagli avversari e perde i poteri di shinigami.[17] In seguito si allena sotto la guida di Kisuke Urahara e riesce a risvegliare i suoi poteri da Shinigami e a rilasciare la vera forma della sua Zanpakutō, denominata Zangetsu (斬月? "Luna Tagliente").[18] Per salvare Rukia si reca quindi nella Soul Society, dove affronta alcuni membri del Gotei 13, le brigate di difesa della Soul Society, tra cui Ikkaku Madarame, il vice capitano Renji Abarai e il capitano Kenpachi Zaraki.[19] In previsione dell'inevitabile scontro contro il capitano e fratello di Rukia Byakuya Kuchiki, Ichigo apprende la sua forma Bankai, Tensa Zangetsu (天鎖斬月? "Luna Tagliente della Catena Divina").[20] Arrivando in tempo per fermare l'esecuzione di Rukia, Ichigo inizia lo scontro con Byakuya, il quale si conclude in parità.[21] Subito dopo il capitano della Quinta Divisione Sōsuke Aizen, il quale si scopre essere la vera mente dietro al rapimento iniziale di Rukia e ai disordini nella Soul Society, rivela il suo tradimento ed estrae dal corpo della Shinigami l'Hōgyoku, una potente invenzione di Kisuke Urahara, prima di fuggire nell'Hueco Mundo, il reame degli Hollow.[22]

Dopo questo evento Ichigo ritorna a casa insieme ai suoi compagni,[23] ma quando Aizen, attraverso l'uso dell'Hōgyoku, crea un esercito di Arrancar e li invia contro Ichigo e i suoi amici nel mondo umano,[24] il ragazzo decide di sottoporsi ad un allenamento con un gruppo di Shinigami rinnegati denominati Vizard, i quali gli insegnano a controllare il suo Hollow interiore.[25]. Durante una sortita degli Arrancar a Karakura Town, Ulquiorra Schiffer, uno dei sottoposti più forti di Aizen, rapisce l'amica di Ichigo Orihime Inoue.[26] Al rifiuto della Soul Society di aiutarlo, Ichigo e i suoi amici decidono di recarsi all'Hueco Mundo per liberare l'amica.[27] Qui Ichigo, dopo aver sconfitto l'Espada Grimmjow Jaegerjaques, riesce a distruggere Ulquiorra e a liberare Orihime.[28] Successivamente, Ichigo si dirige a Karakura Town, dove affronta Aizen. Qui, dopo aver assistito alla sconfitta degli altri capitani per mano del potere dell'avversario[29], si allena con suo padre Isshin Kurosaki per apprendere la tecnica del Getsuga Tenshō Finale (最後の月牙天衝 Saigo no Getsuga Tenshō?) che indebolisce Aizen, permettendo ad Urahara di imprigionarlo con il kidō.[30]

Diciassette mesi più tardi Ichigo ha perso i suoi poteri da Shinigami in seguito all'utilizzo del Getsuga Tenshō Finale. Incontra Kūgo Ginjō, un Fullbringer appartenente all'organizzazione Xcution. Egli si offre di ripristinare i poteri da Shinigami di Ichigo in cambio del suo aiuto a tornare un semplice umano.[31] Con l'aiuto di Xcution, Ichigo sblocca i suoi poteri da Fullbringer, tuttavia scopre che Kūgo e compagni lo hanno raggirato per appropriarsi delle sue abilità a loro vantaggio.[32] In suo soccorso giunge però il Gotei 13, che ripristina i suoi poteri e lo aiuta a sconfiggere i membri di Xcution.[33]

Appreso che l'Hueco Mundo è stato invaso dal gruppo di Quincy denominato Wandenreich, Ichigo si reca sul posto con i suoi amici, dove sconfigge l'ufficiale Quilge Opie. Durante il combattimento i Quincy attaccano la Soul Society, spingendo Ichigo a recarsi sul posto. Qui si confronta con Yhwach, scopre che sua madre era una Quincy e subisce la distruzione della sua zanpakuto.[34] Mentre nella Soul Society la situazione si fa critica, la Guardia Reale invita Ichigo e i suoi amici feriti a venire con loro al palazzo del Re Spirito, dove il giovane incontra l'inventore delle zanpakuto Ōetsu Nimaiya.[35] Sottoponendosi ai suoi allenamenti, Ichigo riesce a conciliare i suoi poteri Quincy e Hollow, ottenendo una nuova versione di Zangetsu formata da due spade.[36] Durante la seconda invasione del Wandenreich della Soul Society, Ichigo tenta di fermare Yhwach dall'uccidere il Re Spirito. Entrato vede Yhwach che ormai ha trafitto il Re Spirito, ma grazie a l'intervento di Ukitake e del Mimihagi il Re Spirito sopravvive. Con l'aiuto dei suoi Sternrittern e di Ishida, Yhwach respinge Ichigo e i suoi compagni e assorbe il Mimihagi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Aspetto fisico e personalità[modifica | modifica wikitesto]

Ichigo è un adolescente come tanti,[37] con le sopracciglia sempre aggrottate, che possiede dei capelli di un arancione naturale. L'aspetto di Ichigo, inizialmente, è come quello di qualsiasi altro ragazzo della sua età; tuttavia, man mano che aumenta il suo potere di Shinigami, Ichigo diventa più muscoloso, come nota sua sorella Karin, più alto, come notano i suoi amici,[38] e i suoi capelli arancioni si fanno più lunghi. Tuttavia, dopo aver perso i suoi poteri, Ichigo ritorna all'aspetto originale.[39]

Ichigo è un ragazzo molto attento allo studio (è il 18° di 322 studenti in una graduatoria di metà trimestre all'inizio della serie) e si applica regolarmente, non frequentando tuttavia club extrascolastici. Sostiene di non "avere niente di meglio da fare a casa" se non studiare, anche se in realtà lavora duro per la sua famiglia.[40] Ha la passione per la cioccolata e il cibo piccante. Si sente inoltre molto a disagio nel vedere le nudità femminili, cosa che si nota quando vede per la prima volta Yoruichi senza veli.

Quando era piccolo era un ragazzo molto debole e gracile, ma sempre contento quando era in compagnia di sua madre Masaki Kurosaki, la quale lo esortò a frequentare un dojo. Qui Ichigo veniva continuamente sconfitto da Tatsuki Arisawa, per poi essere consolato da sua madre.[41] Quando Ichigo aveva nove anni, sua madre venne uccisa da un Hollow per proteggerlo.[42] Questo evento ha molto influenzato la personalità del ragazzo, tanto che prova un profondo senso di colpa per non essere riuscito a proteggere sua madre.[43][44] Decise, così, di impegnarsi seriamente negli allenamenti per poter proteggere i restanti membri della sua famiglia,[45] diventando ben presto molto forte.[46] Spesso, di ritorno a casa, viene continuamente messo alla prova da suo padre.[47]

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Ichigo dopo aver evocato il Bankai
Ichigo dopo aver evocato il Bankai
L'Hollow interiore di Ichigo, Ogihci
L'Hollow interiore di Ichigo, Ogihci

La Zanpakutō di Ichigo si chiama Zangetsu (斬月? "Luna tagliente").[18] Essa si presenta sempre in forma di Shikai, essendo una Zanpakutō a rilascio continuo, di colore nero, alta come Ichigo, senza l'elsa e con una fascia che ricopre l'impugnatura. Il potere di Zangetsu sta nell'accumulare nella punta l'energia spirituale, per poi rilasciarla tramite un fendente di reiatsu che Ichigo chiama Getsuga Tensho (月牙天衝? "Zanna di Luna che perfora i cieli").[48] Il Bankai viene attivato protraendo in avanti il braccio destro e afferrandolo con la mano sinistra; Ichigo libera tutto il potere della sua spada, ora chiamata Tensa Zangetsu (天鎖斬月? "Luna tagliente della catena divina"), ottenendo un incremento di velocità e resistenza. A differenza della maggior parte dei Bankai, che di solito sono più massicci ed imponenti delle forme Shikai, il Bankai di Ichigo riduce la sua spada a un daito con la lama nera. La guardia ha quattro punte piegate con la forma del manji. Al posto del tessuto che c'è nella sua forma Shikai si forma una corta catena, con un anello spezzato alla fine pendente dalla base del manico. Oltre alla spada, anche il vestito di Ichigo viene sostituito con un cappotto nero lungo fino alle caviglie a manica lunga con la fodera rossa e chiuso al petto, il cui orlo inferiore è irregolare.[49]

Dopo l'allenamento con il padre Isshin nel Dangai, Ichigo apprende il Getsuga Tensho Finale (最後の月牙天衝 Saigo no Getsuga Tenshō?, "Zanna di Luna finale che perfora i cieli"), la forma finale di Zangetsu il cui utilizzo comporta la perdita di tutti i poteri da Shinigami. In questa fase l'aspetto di Ichigo cambia notevolmente: il braccio destro è nudo e circondato dalla catena di Tensa Zangetsu, la mano destra è ricoperta da una specie di guanto metallico nero, che costituisce anche l'impugnatura della spada, la cui guardia è più ampia e sottile e ancora più simile ad un manji. I capelli si fanno lunghi e neri, parte del corpo viene avvolta nei bendaggi e dal Getsuga stesso, mentre sul corpo compaiono dei motivi grigiastri. In questo stadio Ichigo può utilizzare Mugetsu (無月? "Cielo senza Luna"), un attacco che consiste in una lama di reiatsu nero dall'immane potenza distruttiva.[50]

In seguito alla rottura del suo Bankai, Zangetsu viene riforgiata da Ōetsu Nimaiya. Ōetsu rivela ad Ichigo che la sua vera Zanpakutō è il suo Hollow interiore che si era fuso con i suoi poteri di Shinigami, mentre colui che fingeva di essere Zangetsu — l'uomo alto sui 30-40 anni, con la barba incolta, i lunghi capelli neri, gli occhiali da sole e un lungo cappotto nero fluente con le estremità irregolari — altri non era che Yhwach di mille anni fa, cioè la personificazione dei suoi poteri Quincy. Durante il processo Ichigo interverrà personalmente riuscendo a conciliare i poteri Quincy con quelli Hollow/Shinigami, ottenendo in questo modo una Zangetsu formata da due spade: una ha la stessa dimensione della spada precedente e rappresenta il suo Hollow interiore che si è fuso con i suoi poteri da Shinigami, mentre l'altra è più piccola, la manifestazione dei suoi poteri Quincy. Ichigo avvolge la spada più grande dietro la schiena e porta quella più piccola al fianco destro.

A causa del primo stadio dell'allenamento con Urahara, all'interno di Ichigo si è manifestato un Hollow chiamato Ogihci che altri non è se non la reincarnazione dell'Hollow White, fuso con i suoi poteri da Shinigami dopo che questi aveva infettato la madre cercando di hollowficarla. Esso è uguale a Ichigo, ma i capelli e la pelle sono completamente bianchi, mentre i suoi occhi sono costituiti da pupille nere, iridi gialle e la sclera nera. Indossa un abito bianco con una cintura nera[51] e la sua Zangetsu è una mannaia di colore argento avvolta da un panno nero. Ogihci ha una personalità sadica e violenta, tuttavia cerca di istruire, insieme a Zangetsu, Ichigo sull'utilizzo dei suoi poteri, ma solo per poter prendere possesso del suo corpo una volta che sia divenuto forte. Il controllo che Ichigo ha su Ogihci attraversa diverse fasi: inizialmente, come nello scontro con Byakuya nella Soul Society e all'inizio degli allenamenti coi Vizard, Ogihci prende il sopravvento ogni qualvolta Ichigo si abbandona alla disperazione in uno scontro o quando è vicino alla morte. Durante l'allenamento con i Vizard, Ichigo, prima di ottenere il controllo dell'Hollow, si trasforma pienamente in Hollow, per poi riuscire a domarlo. La crisi più grave è tuttavia quella verificatasi durante lo scontro con Ulquiorra: dopo che questi, infatti, gli trapassa il petto, Ichigo, nonostante mantenga il desiderio di proteggere Orihime, si trasforma nuovamente in un Hollow completo, ma ben più potente rispetto all'episodio con i Vizard, assumendo un aspetto molto simile a White; lo stesso Ulquiorra si domanda se sia arrivato allo stadio Vasto Lorde. Dopo l'allenamento con i Vizard, inoltre, mettendo una mano davanti al volto e concentrando materia spirituale su di essa, Ichigo è in grado di evocare una maschera Hollow (la stessa di White) che gli procura un notevole aumento dei poteri fisici per un tempo limitato, ma che diventerà progressivamente maggiore nel corso della storia: ciò viene reso evidente dalle strisce rosse presenti nella maschera, le quali cambiano con l'avanzare della narrazione.

Dopo aver perso i poteri da Shinigami, Ichigo scopre di possedere il Fullbring. Nella prima fase, Ichigo utilizza il suo distintivo Shinigami per far fuoriuscire della reiatsu che prende la forma dell'elsa di Zangetsu, con cui è in grado di scagliare dei cerchi energetici. Nella seconda fase, la reiatsu che fuoriesce dal distintivo ricopre l'intero corpo di Ichigo come un kimono da Shinigami. La manica del vestito di reiatsu si allunga e assume la forma di una lama nera. Nella terza e ultima fase, i vestiti di Ichigo cambiano in una tuta aderente bianca e nera; il distintivo di Shinigami, inoltre, si trasforma nella guardia di una spada. In questa forma è in grado di scagliare il Getsuga Tenshō. Nella nuova forma da Shinigami, avendo scoperto di possedere il Fullbring, il kimono ne presenta alcuni elementi, come un colletto nero e dei polsini bianchi e neri. La forma Shikai è cambiata: la lama è più grande e meno squadrata, con il manico che termina con una catena spezzata. Sul petto e vicino ai polsi di Ichigo compaiono inoltre dei motivi a croce neri, mentre sui dorsi delle mani ci sono alcuni motivi cuneiformi neri. Il Getsuga Tensho, inoltre, è molto più potente di quello precedente, in grado di tagliare in due un edificio di grandi dimensioni. Anche la forma Bankai è diversa: la lama è più lunga, con delle piccole lame verso l'interno. Lo shikakusho cambia in modo radicale: il bavero esterno è unito all'altro con cuciture a croce, l'interno diventa bianco e si separa dall'esterno. La veste ricopre anche le mani, sulle quali vi sono richiami al Fullbring che proseguono fino agli avambracci. Inoltre, la catena di Tensa Zangetsu si allunga notevolmente. Ichigo può inoltre ricorrere ad alcune abilità tipiche dei Quincy come il Blut per rinforzare le sue tecniche di attacco e di difesa.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Cosplay di Ichigo nelle vesti di Hollow

Ichigo si è sempre piazzato in alto nei sondaggi di popolarità condotti da Weekly Shōnen Jump tra i fan della serie. Ha sempre occupato il primo posto, tranne agli inizi del 2008 quando ha ricoperto la terza posizione superato da Tōshirō Hitsugaya e Rukia Kuchiki.[4][5] Anche la sua spada Zangetsu è stata votata al terzo posto nel sondaggio riguardante le zanpakuto.[52] In un sondaggio della rivista giapponese Newtype, Ichigo venne incluso nella lista dei personaggi maschili di anime più amati.[6] La Society for the Promotion of Japanese Animation (SPJA) elesse Ichigo il miglior personaggio maschile di anime del 2008.[53][54] Si collocò ventesimo nella lista dei 25 migliori personaggi di anime di tutti i tempi stilata dal sito IGN.[55] Ichigo comparve inoltre due volte nel prestigioso Anime Grand Prix di Animage.[56][57] Al primo premio Seiun nel marzo 2007, Masakazu Morita vinse nella categoria miglior attore beduttante per la sua interpretazione di Ichigo.[58]

Numerose riviste specializzate hanno espresso apprezzamenti e critiche nei confronti del personaggio di Ichigo. Melissa Harper di Anime News Network ha commentato che l'atteggiamento ribelle che tiene inizialmente Ichigo lo rende un antieroe stereotipato, pur ammettendo che si rivela presto essere un personaggio complesso con un triste passato.[59] Dello stesso avviso Carlos Alexandre, il quale ha evidenziato come il personaggio di Ichigo del "duro con un cuore d'oro" sia stato già largamente utilizzato in altre storie.[60] Charles Solomon del Los Angeles Times ritiene che Ichigo abbia poco in comune con i protagonisti di altre serie, a causa del suo "caratteraccio" e al modo in cui combatte, ma che i lettori della serie lo amano comunque.[61] Corrina Lawson di Wired ha apprezzato soprattutto il forte senso di responsabilità del personaggio e l'ha ritenuto uno dei motivi della popolarità della serie.[62]

Apparizioni in altri media[modifica | modifica wikitesto]

Ichigo appare in tutti i film tratti dalla serie: nel primo, Bleach: Memories of Nobody, conosce e affronta una misteriosa Shinigami di nome Senna, nel secondo, Bleach: The DiamondDust Rebellion, affronta Sojiro Kusaka, l'antagonista del film, insieme a Tōshirō Hitsugaya, mentre nel terzo, Gekijō-ban Bleach: Fade to Black - Kimi no na o yobu, indaga sulla scomparsa di Rukia. Nel quarto film, invece, Gekijō-ban Bleach: Jigoku-hen si reca all'Inferno alla ricerca della sorella Yuzu.[63] Ichigo è giocabile in tutti i videogiochi tratti dalla serie. In alcuni giochi la sua forma normale e quella bankai sono disponibili come personaggi separati.[64][65]

In Rock Musical Bleach, un musical basato sulla serie, è interpretato da Tatsuya Isaka.[66]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tite Kubo, Bleach: Official Character Book SOULs, Viz Media, 18 novembre 2008, p. 34, ISBN 1-4215-1884-8.
  2. ^ a b (JA) Tite Kubo, Masakazu Morita, Intervista a Tite Kubo, Bleach B-Station 112, agosto 2007.
  3. ^ a b (EN) Charles Solomon, Creator Tite Kubo surprised by 'Bleach' success, Los Angeles Times, 28 agosto 2008. URL consultato il 10 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2009).
  4. ^ a b Bleach; cap. 209, pp. 2-3.
  5. ^ a b Bleach; cap. 307, pp. 1-2.
  6. ^ a b (JA) NT Research, in Newtype, nº 6, maggio 2007.
  7. ^ a b (EN) Scheda sull'anime Bleach, Anime News Network.
  8. ^ (JA) Weekly Shōnen Jump nº 9, Shueisha, febbraio 2008.
  9. ^ (JA) Weekly Shōnen Jump nº 42, Intervista a Tite Kubo, 2004.
  10. ^ (EN) Deb Aoki, Interview: Tite Kubo, About.com, p. 2. URL consultato il 10 novembre 2015.
  11. ^ (EN) Misaki Kido, Interview with Tite Kubo (Creator of Bleach), in Weekly Shonen Jump Alpha, febbraio 2012, pp. 124-126.
  12. ^ (EN) Kei Truong, Anime Expo 2010: Interview with Masakazu Morita, Asia Pacific Arts, 1º febbraio 2011. URL consultato il 10 novembre 2015.
  13. ^ "Bleach: Memories of Nobody", Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 10 novembre 2015.
  14. ^ (EN) Scheda sull'anime Bleach: The DiamondDust Rebellion, Anime News Network.
  15. ^ Tite Kubo, Capitolo 1, in Bleach, Volume 1, Viz Media, 2004, p. 55, ISBN 1-59116-441-9.
  16. ^ Tite Kubo, Capitolo 2, in Bleach, Volume 1, Viz Media, 2004, ISBN 1-59116-441-9.
  17. ^ Tite Kubo, Capitolo 70, in Bleach, Volume 8, Viz Media, 2005, ISBN 1-59116-872-4.
  18. ^ a b Bleach manga; volume 8 tankōbon, pagina 109 (capitolo 66, pagina 19).
  19. ^ Tite Kubo, Capitolo 113, in Bleach, Volume 13, Shueisha, 2004, ISBN 4-08-873610-9.
  20. ^ Tite Kubo, Capitolo 163, in Bleach, Volume 19, Viz Media, 2007, ISBN 1-4215-1043-X.
  21. ^ Tite Kubo, Capitolo 151, in Bleach, Volume 18, Shueisha, 2005, ISBN 4-08-873841-1.
  22. ^ Tite Kubo, Capitolo 181, in Bleach, Volume 21, Shueisha, 2006, ISBN 4-08-874027-0.
  23. ^ Tite Kubo, Capitolo 181, in Bleach, Volume 21, Viz Media, 2007, ISBN 1-4215-1165-7.
  24. ^ Tite Kubo, Capitolo 195, in Bleach, Volume 22, Viz Media, 2008, ISBN 1-4215-1179-7.
  25. ^ Tite Kubo, Capitolo 215, in Bleach, Volume 25, Shueisha, 2006, ISBN 4-08-874289-3.
  26. ^ Tite Kubo, Capitolo 237, in Bleach, Volume 27, Shueisha, 2007, ISBN 978-4-08-874339-4.
  27. ^ Tite Kubo, Capitolo 240, in Bleach, Volume 27, Shueisha, 2007, ISBN 978-4-08-874339-4.
  28. ^ Tite Kubo, Capitolo 318, in Bleach, Volume 37, Shueisha, 2008, ISBN 978-4-08-874628-9.
  29. ^ Tite Kubo, Capitolo 388, in Bleach, Volume 45, Shueisha, 2010, ISBN 978-4-08-870046-5.
  30. ^ Tite Kubo, Capitolo 421, in Bleach, Volume 48, Shueisha, 2010, ISBN 978-4-08-870144-8.
  31. ^ Tite Kubo, Capitolo 431, in Bleach, Volume 49, Shueisha, 2011, ISBN 978-4-08-870186-8.
  32. ^ Tite Kubo, Capitolo 459, in Bleach, Volume 52, Shueisha, 2011, ISBN 978-4-08-870291-9.
  33. ^ Tite Kubo, Capitolo 460, in Bleach, Volume 53, Shueisha, 2011, ISBN 978-4-08-870313-8.
  34. ^ Tite Kubo, Capitolo 514, in Bleach, Volume 58, Shueisha, 2013, ISBN 978-4-08-870551-4.
  35. ^ Tite Kubo, Capitolo 522, in Bleach, Volume 59, Shueisha, 2013, ISBN 978-4-08-870662-7.
  36. ^ Tite Kubo, Capitolo 542, in Bleach, Volume 61, Shueisha, 2013, ISBN 978-4-08-870818-8.
  37. ^ (EN) Chris Beveridge, Bleach Box Set 1, Mania Entertainment, 30 ottobre 2007. URL consultato il 10 novembre 215 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2008).
  38. ^ Tite Kubo, Capitolo 417, in Bleach, Volume 48, Viz Media, 2010, ISBN 978-4-08-870144-8.
  39. ^ Tite Kubo, Capitolo 423, in Bleach, Volume 48, Viz Media, 2010, ISBN 978-4-08-870144-8.
  40. ^ Anime di Bleach; Episodio 11.
  41. ^ Tite Kubo, Capitolo 18, in Bleach, Volume 3, Viz Media, 2002, ISBN 4-08-873275-8.
  42. ^ Bleach manga; volume 3 tankōbon, pagina 119 (capitolo 22, pagina 11)
  43. ^ Tite Kubo, Capitolo 19, in Bleach, Volume 3, Viz Media, 2004, ISBN 1-59116-442-7.
  44. ^ Tite Kubo, Capitolo 150, in Bleach, Volume 10, Viz Media, 2005, ISBN 1-4215-1042-1.
  45. ^ Tite Kubo, Capitolo 1, in Bleach, Volume 1, Viz Media, 2002, ISBN 4-08-873213-8.
  46. ^ Tite Kubo, Capitolo 19, in Bleach, Volume 3, Viz Media, 2002, ISBN 4-08-873275-8.
  47. ^ Anime di Bleach; Episodio 1.
  48. ^ Tite Kubo, Capitolo 161, in Bleach, Volume 19, Viz Media, 2007, ISBN 1-4215-1043-X.
  49. ^ Manga di Bleach; Capitolo 162, pagina 14-16
  50. ^ Manga di Bleach; Capitolo 421, pagina 7-11.
  51. ^ Manga di Bleach; Capitolo 110, pagina 16-18
  52. ^ Kubo, Tite, Capitolo 348, in Bleach, Volume 40, Shueisha, 2009, ISBN 978-4-08-874712-5.
  53. ^ (EN) Society For The Promotion Of Japanese Animation Announces SPJA Industry Award Finalists At Tokyo International Anime Fair, Comipress.com, 27 marzo 2008. URL consultato il 10 marzo 2015.
  54. ^ (EN) SPJA Industry Award Winners are Up, Giapet.net, 6 luglio 2008. URL consultato il 10 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2008).
  55. ^ (EN) Chris Mackenzie, Top 25 Anime Characters of All Time, IGN, 20 ottobre 2009. URL consultato il 10 marzo 2015.
  56. ^ (JA) 第27回アニメグランプリ, Animage. URL consultato il 10 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2012).
  57. ^ (JA) 第28回アニメグランプリ, Animage. URL consultato il 10 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2013).
  58. ^ (JA) 第一回声優アワード受賞者, Premio Seiun. URL consultato il 10 marzo 2015.
  59. ^ (EN) Melissa Harper, Bleach DVD 1 - Review, Anime News Network, 22 gennaio 2007. URL consultato l'11 novembre 2015.
  60. ^ (EN) Alexandre Carlos, Anime Review: Bleach, Vol. 1, Popcultureshock.com, 30 luglio 2007. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2012).
  61. ^ (EN) Charles Solomon, A sword-swinging manga with lots of souls, Los Angeles Times, 28 agosto 2008. URL consultato l'11 novembre 2015.
  62. ^ (EN) Corrina Lawson, Comics Spotlight on: Bleach, Wired. URL consultato l'11 novembre 2015.
  63. ^ (EN) Third Bleach Film, First Major Film Have Titles, Dates, Anime News Network, 15 luglio 2008. URL consultato il 24 marzo 2009.
  64. ^ (JA) Bleach: Heat the Soul official site, SCEI. URL consultato il 17 marzo 2008.
  65. ^ (JA) SCEI (a cura di), Bleach: Heat the Soul 4 Japanese instruction manual, SCEI, 2007.
  66. ^ (EN) Bleach Rock Musical Official, Pierrot. URL consultato il 24 marzo 2009.
anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga