Ibn al-Qaṭṭā'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ibn al-Qaṭṭā῾ (Sicilia, 1041Il Cairo, 1121) è stato un filologo arabo siciliano.

L’autore di una storia della Sicilia andata perduta e un compendio sui poeti arabo siciliani. Dopo aver vissuto in Sicilia si sposto in Egitto per l’arrivo dei Normanni. Compose circa 170 opere di cui ne sono rimaste solo 70.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli arabi in Sicilia, Antares, 2005, pp. 66-67, ISBN 978-88-6333-036-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ibn al-Qaṭṭā', in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.