Ian Porterfield

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ian Porterfield
Ianporterfieldgoal.jpg
Il gol di Porterfield che, nella finale di Wembley, diede al Sunderland la FA Cup 1972-1973.
Nazionalità Scozia Scozia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1979 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1964-1967 Raith Rovers 117 (17)
1967-1977 Sunderland 229 (17)
1976 Reading 5 (0)
1977-1979 Sheffield Weds 106 (3)
Carriera da allenatore
1979-1981 Rotherham Utd
1981-1986 Sheffield Utd
1986-1988 Aberdeen
1988-1989 Chelsea (vice)
1989-1991 Reading
1991-1993 Chelsea
1993-1994 Zambia Zambia
1996-1997 Zimbabwe Zimbabwe
19??-19?? Oman Oman
2000-2001 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago
2001-2002 Asante Kotoko
2003-2006 Busan I'Park
2006-2007 Armenia Armenia
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

John Porterfield detto Ian (Dunfermline, 11 febbraio 1946Surrey, 11 settembre 2007) è stato un calciatore e allenatore di calcio britannico, di ruolo centrocampista.

È deceduto l'11 settembre 2007 per un cancro al colon.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Porterfield iniziò a giocare per il Raith Rovers, per poi spostarrsi nel Sunderland, club col quale vinse la FA Cup del 1973, segnando anche in finale. Ebbe inoltre esperienze col Reading F.C. e col Sheffield Wednesday, prima di concludere definitivamente la propria carriera.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Svolse il suo primo incarico di allenatore al Rotherham United, vincendo il campionato di Terza Divisione, per poi approdare allo Sheffield United il 6 giugno 1981. Da quest'ultimo club gli fu affidato il compito di riportare la squadra dalla Fourth Division alla First Division nel giro di 5 anni. La prima stagione vinse il campionato di Quarta Divisione, ma l'anno dopo si piazzò solamente undicesimo nella Terza. Dopo essere arrivato in Second Division, non riuscì mai a giungere nel campionato principale inglese, e fu quindi esonerato il 27 marzo 1986.

Nel novembre 1986, succedette a Sir Alex Ferguson alla guida dell'Aberdeen, senza però riuscire ad ottenere i risultati più che soddisfacenti del suo predecessore. L'anno dopo, divenne il vice di Bobby Campbell sulla panchina del Chelsea, partecipando alla vittoria della Second Division 1988-1989.

Durante la stagione successiva gli venne affidata la promozione in Second Division da parte del Reading, ma dopo 18 mesi senza riuscire a conquistarla venne esonerato.

Nel 1991 succedette a Campbell sulla panchina del Chelsea: nell'annata 1992-1993 fino a Natale si trovò in lizza per vincere la prima edizione della Premier League, ma, dopo una serie di risultati negativi, a gennaio presentò le sue dimissioni.

Da quel momento in poi allenò varie Nazionali e due club sudcoreani. L'ultima squadra allenata da Porterfield è stata l'Armenia, incarico ricevuto nell'agosto 2006.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sunderland: 1972–1973

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Chelsea: 1988-1989
Rotherham United: 1980–1981
Sheffield United: 1981-1982

Note[modifica | modifica wikitesto]