I vizi morbosi di una governante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I vizi morbosi di una governante
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1977
Durata 85 min
Genere giallo
Regia Filippo Walter Ratti
Sceneggiatura Ambrogio Molteni
Casa di produzione Gi.Ba.Si. Cinematografica
Fotografia Gino Santini
Montaggio Sergio Muzzi
Musiche Piero Piccioni
Scenografia Gino Tonni
Interpreti e personaggi

I vizi morbosi di una governante è un film del 1977, diretto da Filippo Walter Ratti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane contessa Ileana giunge nella ricca magione di famiglia con i suoi amici: per lo più hippy e studenti appartenenti a movimenti sovversivi. La ricca magione è abitata dal padre di Ileana, tetraplegico ed oramai incapace di comunicare a seguito di una grave paralisi e dal fratello minore della ragazza, alienato mentale dedito all'imbalsamazione degli animali. Nella dimora risiedono anche Berta (la governante), un altro domestico ed il medico di famiglia. Alcuni dei ragazzi invitati da Ileana vengono inspiegabilmente uccisi. L'assassino uccide le vittime estirpando loro i bulbi oculari. Il tutto fa credere che l'assassino sia il giovane fratello di Ileana. In realtà l'assassina è Berta, la governante. Con la complicità del medico e del maggiordomo aveva architettato tutto per essere la sola erede della fortuna del conte. Quando si rende conto che il medico e il maggiordomo non sono disposti a coprire i suoi omicidi, perde la testa ed uccide anche loro, venendo scoperta dal commissario di polizia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema