I sicari di Hitler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I sicari di Hitler
Titolo originaleGeheimaktion Schwarze Kapelle
Paese di produzioneFrancia, Germania, Italia
Anno1959
Durata105 min
Dati tecniciB/N
Generethriller
RegiaRalph Habib
SoggettoDie schwarze Kapelle di Olaf Herfeldt
SceneggiaturaJean Lévitte, Pierre Lévy, Hans Nicklisch
MontaggioEmma Le Chanoy
MusicheRoman Vlad
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I sicari di Hitler è un film del 1959 diretto da Ralph Habib in una co-produzione italo-franco-tedesca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Primavera del 1940. Dopo la vittoria lampo sulla Polonia, la Wehrmacht di Hitler progetta piani di attacco per la conquista dell'Europa occidentale e settentrionale. Diversi alti ufficiali temono che l'eccessiva politica di conquista di Hitler, alla fine porterà la Germania nell'abisso e quindi intendono contattare il Regno Unito attraverso canali diplomatici. Il giornalista dissidente Robert Golder viene inviato a Roma con i piani segreti per l'invasione della Francia e dell'Inghilterra, da consegnare ad un illustre membro del Vaticano. Giunto a Roma, viene però “agganciato” dalla avvenente Tilla Turner, la quale è un'agente al servizio della Gestapo...

Riferimenti storici[modifica | modifica wikitesto]

"Schwarze Kapelle" era un termine usato dalla Gestapo per riferirsi a un gruppo di cospiratori all'interno dell'esercito tedesco che complottava per rovesciare Adolf Hitler[1].
Il gruppo comprendeva molti alti ufficiali di origini aristocratiche, i quali provavano disprezzo per il fervore ideologico del Partito nazista e erano politicamente più vicini agli alleati occidentali. Sovvertendo il partito nazista speravano di preservare la sovranità tedesca. Attraverso l'ammiraglio Canaris al comando dell'Abwehr, erano in contatto con le loro controparti in Gran Bretagna, in altre nazioni alleate e in varie nazioni neutrali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Schwarze Kapelle, su documentarytube.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema