I segreti di Filadelfia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I segreti di Filadelfia
I segreti di Filadelfia.png
Paul Newman in una scena del film
Titolo originale The Young Philadelphians
Paese di produzione USA
Anno 1959
Durata 136 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1,85 : 1
Genere drammatico, sentimentale, giallo
Regia Vincent Sherman
Soggetto Richard Powell (romanzo)
Sceneggiatura James Gunn
Fotografia Harry Stradling Sr.
Montaggio William H. Ziegler
Musiche Ernest Gold
Scenografia Malcolm C. Bert e John P. Austin
Costumi Howard Shoup
Trucco Gordon Bau
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I segreti di Filadelfia (The Young Philadelphians) è un film del 1959 diretto da Vincent Sherman e tratto dal romanzo bestseller del 1956 L'uomo di Filadelfia (The philadelphian) di Richard Pitts Powell, autore realmente nativo di Filadelfia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Judson Lawrence è un giovane avvocato di Filadelfia, appartenente alla media borghesia, la cui situazione economica è modesta. Così si ritrova spesso costretto a sostenere aspre battaglie per affermarsi nell'alta società locale, di cui peraltro fa parte anche la famiglia della sua ragazza, Joan Dickinson. Conseguentemente il ragazzo decide di sacrificare i suoi principi morali per adeguarsi all'etica corrotta dell'ambiente. Diventato celebre, Tony viene però a trovarsi difronte a un bivio: lasciar condannare un suo vecchio amico e compagno di studi, Chet, accusato di omicidio, oppure difenderlo affrontando a viso aperto i potenti. Fortunatamente alla fine prevalgono in lui non solo il sentimento dell'amicizia ma anche quello della giustizia, affrontando ogni rischio.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar 1960:

  • Nomination per il migliore attore non protagonista a Robert Vaughn;
  • Nomination per la miglior fotografia;
  • Nomination per i migliori costumi.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il Morandini lo definisce «un film che rispecchia scrupolosamente la formula narrativa-rappresentativa industriale, cioè un cinema che privilegia la narrazione, il significato, l'attore senza tempi morti»[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini. Dizionario dei film 2001, Zanichelli, Bologna, 2000, p. 1187. ISBN 88-08-03105-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema