I prigionieri del sogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I prigionieri del sogno
Titolo originaleLa fin du jour
Paese di produzioneFrancia
Anno1939
Durata108 min.
Generedrammatico
RegiaJulien Duvivier
SceneggiaturaJulien Duvivier, Charles Spaak
Interpreti e personaggi

I prigionieri del sogno (La fin du jour) è un film drammatico francese del 1939, diretto da Julien Duvivier e sceneggiato da Charles Spaak. È un omaggio alla gente del teatro, di cui descrive impietosamente l'egocentrismo e le meschinità, ma anche il profondo amore per la professione.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato a Saint-Jean Lariviere, una casa di riposo per attori, minacciata di chiusura. Pur se il film ha una struttura corale, l'attenzione si concentra su tre ospiti.

Raphael Saint-Clair ha conosciuto il successo e la fama, ma si è ridotto in povertà a causa della sua passione per il gioco; cerca di tenere viva la sua fama di sciupafemmine inviando a sé stesso delle lettere femminili e, quando il trucco è scoperto, seducendo Jeannette, una giovane e ingenua servetta. Gilles Marny è stato un attore dal riconosciuto talento, ma sfortunato sia professionalmente che nella vita privata (la moglie lo ha lasciato per Saint-Clair, per poi morire suicida). Ha reagito alle disgrazie chiudendosi in una orgogliosa solitudine. Cabrissade è stato per tutta la sua carriera un sostituto, senza mai riuscire a salire effettivamente sul palcoscenico e nasconde l'amarezza per il suo fallimento con atteggiamenti da eterno ragazzo: perseguita Marny con le sue punzecchiature, racconta ai suoi compagni di passati successi mai avvenuti, frequenta un vicino campo scout e organizza un ammutinamento degli ospiti dell'istituto.

Una rappresentazione dell'Aiglon di Edmond Rostand, il cui ricavato servirà a impedire la chiusura dell'istituto, vedrà compiersi il destino dei tre vecchi attori. Cabrissade, approfittando dell'assenza di uno degli interpreti, riesce finalmente a salire sul palcoscenico, ma dimentica le sue battute, e ne è talmente addolorato da morirne. Marny ne prende il posto ed ottiene un tardivo successo. Dopo la rappresentazione, Marny salva Jeannette, che Saint Clair aveva spinto cinicamente al suicidio, e va dal suo rivale per regolare i vecchi conti; ma lo trova, ormai impazzito, che recita alla luna il Don Giovanni di Molière.

La mattina dopo, mentre Saint-Clair è ricoverato in manicomio, si svolgono i funerali di Cabrissade, e tocca proprio a Marny pronunciare l'elogio funebre del collega, privo di talento ma sinceramente innamorato del palcoscenico[1].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu girato in una vera casa di riposo per attori a Pont-aux-Dames; molti degli attori secondari erano veri ospiti dell'istituto.

L'episodio in cui Cabrissade dimentica le battute in scena è ispirato a un'esperienza giovanile del regista Duvivier, che dovette lasciare la carriera di attore teatrale a causa dei suoi vuoti di memoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacques Lourcelles, Les films, Paris : Laffont, 1992
  2. ^ ASAC Dati: Premi, su asac.labiennale.org. URL consultato il 28 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema