I misteri di Brokenwood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I misteri di Brokenwood
Titolo originaleThe Brokenwood Mysteries
PaeseNuova Zelanda
Anno2014 – in produzione
Formatoserie TV
Generepoliziesco, giallo
Stagioni6
Episodi24
Durata90-99 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
RegiaMike Smith, Josh Frizzell, Michael Hurst, Murray Keane
Interpreti e personaggi
ProduttoreChris Bailey
Produttore esecutivoKelly Martin, John Barnett
Casa di produzioneSouth Pacific Pictures, All3Media
Prima visione
Prima TV originale
Dal28 settembre 2014
Alin corso
Rete televisivaPrime (st. 1-6)
TVNZ 1 (st. 7+)
Prima TV in italiano
Dall'11 aprile 2016
Alin corso
Rete televisivaGiallo

I misteri di Brokenwood (The Brokenwood Mysteries), è una serie televisiva neozelandese di genere poliziesco che è stata trasmessa dal 28 settembre 2014 al 1º dicembre 2019 su Prime.[1] Dal 2021 la serie verrà trasmessa sul canale pubblico TVNZ 1.[2] Il programma è ambientato nella fittizia città neozelandese di Brookenwood. Tim Balme ha ideato la serie ed è lo sceneggiatore principale con Philip Dalkin, James Griffin e Greg McGee.[3]

In Italia, la serie va in onda su Giallo dall'11 aprile 2016.[4]

Il cast include Neill Rea nel ruolo del detective Sergente Maggiore Mike Shepherd, Fern Sutherland nel ruolo del detective Kristin Sims, Pana Hema Taylor nel ruolo di Jared Morehu, il vicino Maori di Shepherd, Nic Sampson nel ruolo del detective Sam Breen e Cristina Ionda nel ruolo della dottoressa Gina Kadinsky.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie è ambientata a Brokenwood, una fittizia cittadina rurale della Nuova Zelanda di circa 5000 abitanti, situata a pochi chilometri dalla costa e che presenta tutti gli archetipi della placida comunità ristretta in cui tutti si conoscono. Quando viene commesso un crimine, come un omicidio, la piccola comunità ne viene scombussolata. In questo scenario è necessario l’intervento del detective Mike Shepherd (giunto appositamente dall'esterno) e della collega Kristin Sims. I due investigatori devono addentrarsi nelle dinamiche familiari e nelle regole non scritte che governano gli equilibri della comunità, per risolvere i casi che si prospettano di volta in volta.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi de I misteri di Brokenwood.
Stagione Episodi Prima TV Nuova Zelanda Prima TV Italia
Prima stagione 4 2014 2016
Seconda stagione 4 2015 2016
Terza stagione 4 2016 2017
Quarta stagione 4 2017 2018
Quinta stagione 4 2018 2018-2019
Sesta stagione 4 2019 2020

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

NZ on Air ha approvato un finanziamento di NZ$4,3 milioni per la prima stagione,[5] NZ$4 milioni per la seconda stagione[5] e NZ$4,1 milioni per la terza stagione.

Rinnovi[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2014, è stato confermato che I misteri di Brokenwood sarebbe tornato per una seconda stagione di quattro episodi, trasmessa nel 2015.[6] Una quarta stagione è stata annunciata il 12 dicembre 2016,[7] ed è andata in onda dal 29 ottobre al 19 novembre 2017.[8] La serie è stata rinnovata per una quinta stagione nel 2017,[9] e per una sesta stagione nel dicembre 2018. Il 18 settembre 2020 è stato annunciato che la serie tornerà per una settima stagione, questa volta sul canale TVNZ 1. Ci saranno sei episodi in questa stagione invece dei soliti quattro.[2]

Luoghi delle riprese[modifica | modifica wikitesto]

La serie viene girata nella grande regione dell'Auckland.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Le recensioni della critica sono state miste. Molti critici sono rimasti colpiti dalla trama ma si sono lamentati dei dialoghi. Alcuni hanno criticato la durata di due ore di ogni puntata, che include le pubblicità, troppo lunghe per una serie televisiva. Inoltre presenta alcuni “errori” che non possono sfuggire a esperti del settore, manca una contestualizzazione significativa a livello socioculturale, a fronte di una ambientazione suggestiva e di una colonna sonora piacevolissima.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è firmata da alcuni dei migliori artisti folk neozelandesi, tra cui Tami Neilson, Delaney Davidson, Mel Parsons, The Harbour Union.[10]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'auto di Shepherd è una Holden Kingswood del 1971 (serie HG). Ha un lettore di cassette per i suoi brani preferiti di musica country.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Brokenwood Mysteries. URL consultato il 27 settembre 2018.
  2. ^ a b (EN) Renewed: The Brokenwood Mysteries, su TV Tonight, 17 settembre 2020. URL consultato il 19 ottobre 2020.
  3. ^ a b (EN) The Brokenwood Mysteries, su South Pacific Pictures. URL consultato il 27 settembre 2018.
  4. ^ Loris Zanini, I misteri di Brokenwood: prima tv su GialloDigitale terrestre: Dtti.it, su dtti.it, 10 aprile 2016. URL consultato il 15 maggio 2016.
  5. ^ a b (EN) The Brokenwood Mysteries • NZ On Air, su nzonair.govt.nz, 2 aprile 2015. URL consultato l'11 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  6. ^ (EN) Season 2 of The Brokenwood Mysteries coming in 2015 | South Pacific Pictures, su South Pacific Pictures. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  7. ^ (EN) The Brokenwood Mysteries confirmed for fourth series. | The Brokenwood Mysteries, su The Brokenwood Mysteries. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Episode details | The Brokenwood Mysteries, su The Brokenwood Mysteries. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  9. ^ (EN) Home | The Brokenwood Mysteries, su The Brokenwood Mysteries. URL consultato l'11 ottobre 2018.
  10. ^ I misteri di Brokenwood: prima tv su Giallo - Dtti, in Dtti, 10 aprile 2016. URL consultato il 4 gennaio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione