I guardiani del cielo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I guardiani del cielo
PaeseItalia, Francia
Anno1998
Formatominiserie TV
Genereavventura, giallo
Puntate3 Modifica su Wikidata
Durata180 min
Lingua originaleinglese, italiano
Crediti
RegiaAlberto Negrin
Soggettodal romanzo di Valerio Massimo Manfredi
SceneggiaturaGeorge Eastman, Luigi Montefiori, Alberto Negrin
Interpreti e personaggi
MontaggioBryan Oates
MusicheEnnio Morricone
CostumiAlberto Verso
ProduttoreJonas Bauer, Brendan Fitzgerald, Mario Gallo, Steven North
Produttore esecutivoBrendan Fitzgerald
Casa di produzioneRai, Totem
Prima visione
Dal19 dicembre 1999
Al20 dicembre 1999
Rete televisivaRai 1

I guardiani del cielo è una miniserie televisiva in tre puntate del 1998, diretta da Alberto Negrin e tra gli altri interpretato da Ben Cross e Peter Weller.

La sceneggiatura è stata scritta da George Eastman, da Negrin e Luigi Montefiori, ed è basata sul romanzo La torre della solitudine di Valerio Massimo Manfredi.

Il film è composto da episodi ciascuno della durata di 60 minuti, ma su Rai 1 è sempre stato trasmesso in due parti nel 1999.

La colonna sonora, composta da Ennio Morricone, comprende la canzone And will you love me?, cantata da Antonella Ruggiero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Diane, una giovane e attraente archeologa, è intenzionata a svelare il mistero legato a suo padre, lo scienziato dottor Shannon, scomparso in Africa durante la ricerca della "Torre del Primo Nato", un luogo misterioso che secondo antiche leggende custodirebbe il segreto dello spazio e del tempo, e donerebbe conoscenza e saggezza.

Diane intraprende il viaggio ignorando gli avvertimenti degli amici e superando diversi pericoli, scontrandosi con uno sceicco e la sua orda di selvaggi predoni del deserto, e conoscendo il coraggioso ufficiale Léon al comando della legione straniera. Infine, insieme a Rashid, un misterioso principe del deserto nonché amico del padre scomparso, Diane trova il luogo misterioso e suo padre.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]