I figli, che bella fatica. Il mestiere del genitore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I figli, che bella fatica. Il mestiere del genitore
AutoreGrazia Honegger Fresco
1ª ed. originale2008
GenereSaggio
SottogenerePedagogia
Lingua originaleitaliano

I figli, che bella fatica. Il mestiere del genitore è un libro della pedagogista italiana Grazia Honegger Fresco (Roma, 6 gennaio 1929 - Castellanza, 30 settembre 2020) pubblicato per la prima volta in Italia nel 2008.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il testo, tratta delle difficoltà nel mestiere più antico al mondo, quello del genitore, in un mondo in continua evoluzione, condizionato dai media e caratterizzato dalla crisi delle agenzie educative.

Crescere un figlio, oggi più che mai, significa assumersi la responsabilità del futuro dell’umanità, e la pedagogista vuole proporre consigli e suggerimenti per aiutare gli adulti nell’arduo compito. Allevare figli è un’arte che deve essere modulata in luogo alle differenti condizioni e caratteristiche dei fanciulli, ma ciò che più conta è dare, in primo luogo, il buon esempio.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

Prefazione alla nuova edizione

Essere genitore: un mestiere, una scienza o piuttosto un’arte?

Oro e similoro

Parte prima. Gli Affascinanti primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Quando arriva un figlio

Documento 1. Comportamento dei bambini subito dopo la nascita[1]

Sa cosa gli occorre

Requisiti minimi per un parto/nascita naturali

Appena nato, che cosa ci dice?

Esiste l’istinto materno?

Durante il primo anno

Documento 2. Una bambina al lavoro[2]

La forza della concentrazione

Come scegliere un nido?

Il bambino insopportabile

Capricci e capricci

Primi limiti

Bambini che non stanno bene

Parte seconda. In cammino verso il vasto mondo[modifica | modifica wikitesto]

Aiutami a fare da solo

Risposte, non stimoli

La prima scuola

È lecito ammaestrarli?

A scuola in anticipo?

Gli “anticipatari” al gabinetto

Criteri di scelta per la scuola dell’infanzia

La scadenza della primaria

Bambine e bambini alla disperata ricerca dell’infanzia perduta

Troppo vivaci

La dissoluzione educativa

I malesseri dell’infanzia raggiungono l’acme nell’adolescenza

Dove si accolgono bambini e ragazzi

Critiche in breve da genitori delusi o scontenti

Documento 3. I diversi nella scuola italiana[3]

All’interno dell’istituzione scolastica

Terre di nessuno

Ancora “le mani, organo dell’intelligenza”

Non solo Montessori...

Effetti della logica aziendale

In Finlandia è diverso

La non-scuola di Arno Stern

Cambiare i modi dell’insegnare

Documento 4. Storia di Pik

Parte terza. Crescere con i figli che crescono[modifica | modifica wikitesto]

Come genitori che cosa possiamo fare

Qualche domanda per iniziare a riflettere

Quantità o qualità, quesito ingannevole

Coppie in crisi e fragilità dei figli

I sensi di colpa

Premi e castighi

A suon di botte

Posso giocare ancora?

Le ambizioni degli adulti

Affettuosità: fino a che punto, fino a quando?

“Fa’ come ti pare” ovvero l’abbandono precoce

Il sesso sprecato

Parlare di morte

Nessuna durezza, molta fermezza

Tra computer e televisione

Tutti intorno a un tavolo a discutere

Mantenere vivo il contatto

Adulti corruttori, adulti autorevoli

Verso l’adolescenza: i neonati sociali

Non tutto è perduto

Appendice[modifica | modifica wikitesto]

Suggerimenti per altre letture e indicazioni tutte molto di parte!

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ann-Sofi Matthiesen, Anna-Berit Ransjö‐Arvidson e Eva Nissen, Postpartum Maternal Oxytocin Release by Newborns: Effects of Infant Hand Massage and Sucking, in Birth, vol. 28, n. 1, 2001, pp. 13–19, DOI:10.1046/j.1523-536x.2001.00013.x.
  2. ^ il mio quaderno montessori 9788867221820 - Cerca con Google, su www.google.it.
  3. ^ Monti, Luigi, educatore. e Bartoli, Cecilia, psicoterapeuta., Prima educare : nella scuola e nella società, La meridiana, 2008, ISBN 978-88-6153-048-5, OCLC 800290037.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura