I dialoghi delle Carmelitane (film 1960)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I dialoghi delle Carmelitane
I dialoghi delle carmelitane (1960).png
Titolo originaleLes dialogues des Carmélites
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1960
Durata112 minuti
Dati tecniciBianco e nero
Generedrammatico
RegiaRaymond Leopold Bruckberger & Philippe Agostini
SoggettoGertrud von Le Fort
SceneggiaturaRaymond Leopold Bruckberger & Philippe Agostini
ProduttoreJulés Borkon
Produttore esecutivoPierre Laurent
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I dialoghi delle Carmelitane (Les dialogues des Carmélites) è un film del 1960 diretto da Raymond Leopold Bruckberger e Philippe Agostini.

La storia riprende il racconto L'ultima al patibolo di Gertrud von Le Fort (da cui Georges Bernanos aveva tratto un'opera teatrale intitolata Dialoghi delle Carmelitane e Francis Poulenc un'opera lirica con lo stesso titolo) e narra della vicenda delle sedici Martiri di Compiègne, condannate a morte e giustiziate tramite ghigliottina il 17 luglio 1794, a Parigi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante i difficili anni della Rivoluzione francese, la giovane nobildonna Bianca, su consiglio del padre, il marchese de la Force, decide di entrare nel convento di clausura delle Carmelitane di Compiègne. La necessità di trovare un rifugio sicuro si accompagna ad una certa vocazione religiosa, ma, nonostante questo, Bianca ha paura di affrontare i sacrifici e la sofferenza e teme di non essere all'altezza della sua scelta.

Ben presto le autorità rivoluzionarie ed il popolo cominceranno ad infastidire le monache, accusate di essere delle reazionarie, nemiche della patria, che accaparrano ricchezze e danno ospitalità ai fuggiaschi. Costrette ad abbandonare il convento, le monache fanno voto di essere disposte a sacrificare la loro vita affinché la religione cattolica possa sopravvivere in Francia.

Disperse in piccoli gruppi, verranno quasi tutte arrestate, giudicate colpevoli e condannate a morte. Il corteo che le accompagna alla Piazza del Trono Rovesciato, dove avverrà l'esecuzione, attraverserà le strade di Parigi tra preghiere, benedizioni e canti religiosi. Bianca de la Force, con coraggio, salirà sul patibolo al posto di Madre Maria dell'Incarnazione, che sarà l'unica a salvarsi e che da sola dovrà continuare a praticare l'insegnamento del Carmelo.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Fotogramas de Plata Jeanne Moreau (miglior interprete film straniero)
  • Sant Jordi Awards, André Bac (per la fotografia)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema