I cani della peste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I cani della peste
Titolo originaleThe Plague Dogs
AutoreRichard Adams
1ª ed. originale1977
Genereromanzo
Lingua originaleinglese

I cani della peste (The Plague Dogs) è il terzo romanzo scritto da Richard Adams, autore de La collina dei conigli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Protagonisti sono due cani, Rowf e Snitter, appartenenti ad un progetto sperimentale e vissuti a lungo in gabbia, in un laboratorio di vivisezione - di cui vengono denunciate le condizioni al limite della sopravvivenza . Uno dei due giudica il mondo e l'uomo dal punto di vista del cucciolo che ha conosciuto un legame positivo con la figura del padrone, essendo stato allevato in casa ed avendo a lungo interagito con la specie umana. L'altro è più diffidente, conoscendo soprattutto i personaggi che si muovono nel laboratorio stesso. Sfruttando un'occasione favorevole, sfuggono da quello che si rivela un vero e proprio orizzonte concentrazionario per cercare una vita diversa nelle brughiere dello Yorkshire, dove incontrano uomini ed animali che entrano in contatto con loro in una On the Road etologica e caricaturalmente dialettale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura