I Puffi (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Puffi.

I Puffi
serie TV cartone
I Puffi.png
Titolo e sigla della serie
Titolo orig. The Smurfs
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autore Peyo
Regia George Gordon, Bob Hatchcock, Carl Urbano, Rudy Zamora, José Dutillieu, Don Lusk, Ray Patterson, John Rust
Musiche Hoyt S. Curtin, Paul DeKorte
Studio Hanna-Barbera
Rete NBC
1ª TV 12 settembre 1981 – 2 dicembre 1990
Episodi 421 (completa) 9 stagioni
Durata ep. 11-22 minuti
Reti it. televisioni locali (1981), Italia 1, Canale 5 (1982; 1992-1995), Rete 4 (1996-1997), Boing, Boomerang, Cartoonito
1ª TV it. 1982
Episodi it. 421 (completa)
Durata ep. it. 24 min
Studio dopp. it. Gruppo Trenta
Generi fantastico, umorismo, simpatia, avventura

I Puffi (The Smurfs) è una serie di cartoni animati prodotti da Simone Ciscato tratti dalle storie a fumetti originali di Peyo e Yvan Delporte. La serie televisiva iniziò ad andare in onda in Nord America dal 12 settembre 1981, fino al 19 dicembre 1990. In questi anni sono stati prodotti 421 episodi divisi in 9 stagioni.

In Italia la serie animata è diventata molto popolare ed è stata trasmessa inizialmente sulle reti locali dai primi anni ottanta, insieme all'uscita dei 45 giri della prima sigla e il 33 giri Arrivano i Puffi. Nelle prime 11 storie, alcune delle quali suddivise in 2 parti, i personaggi vennero chiamati con i nomi statunitensi, poi ai puffi vennero attribuiti i nomi italiani a noi noti oggi. Inoltre la caratterizzazione delle voci verrà studiata in corso d'opera, cambiando più volte i doppiatori per lo stesso personaggio, fatta eccezione per Grande Puffo, Puffetta, Quattrocchi, Gargamella e Birba. In seguito, a causa della lunga serialità, anche per loro si alterneranno voci diverse, che però rispetteranno la cadenza e la personalità creata dal primo doppiatore.

Successivamente la serie venne acquistata da Fininvest e trasmessa da Canale 5 e Italia 1 sempre nel 1982, con sigle targate Five Record e interpretate quasi tutte da Cristina D'Avena. Dalla metà del 1982 Fininvest trasmetterà i Puffi su Italia 1 tutte le altre stagioni dal 1983 al 1990. Le repliche vanno in onda dal 1992 al 1995 su Canale 5. Repliche successive vengono trasmesse anche da Rete 4 e poi sempre su Italia 1 dalla seconda metà anni novanta. Dagli anni duemila approdano sul canale Boing del digitale terrestre e anche su canali satellitari di Sky.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi dei Puffi.

Episodi nella programmazione televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi de I Puffi.

I primi episodi sono stati trasmessi in Italia prima sulle reti locali dal 1981, e poi successivamente per la prima volta su Canale 5 dal 1982. Dal 1983 la serie passa su Italia 1 che trasmette tutte le stagioni più volte. Le repliche approdano negli anni '90 su Canale 5 e Rete 4 e, a partire dal 12 settembre 2005, su Boing (del digitale terrestre) che trasmette le prime 3 stagioni. A partire dal 7 gennaio 2009 Boomerang (canale 609 di Sky) trasmette le prime 2 stagioni (esclusi gli episodi di John e Solfami, ed alcuni episodi speciali), che vengono replicate spesso ancora tutt'oggi senza però aver dato e dare il giusto spazio anche alle stagioni successive che lì finora si sono viste poco o addirittura non si sono mai viste, come la 6, 7, 8 e 9. Finalmente a gennaio del 2011 sono stati ritrasmessi da Hiro tutti gli episodi di John e Solfami, mentre Italia 1 ha riproposto dal settembre 2011 parte dell'ottava stagione ed a seguire la nona ed ultima, per poi nel 2012 ritrasmettere anche gli episodi della settima, e a concludere i 4 episodi mancanti dell'ottava. Subito dopo tutte le stagioni vengono ritrasmesse più volte dalla prima all'ultima su Cartoonito (del digitale terrestre)[1] ad eccezione di alcuni episodi.

Nella prima messa in onda le puntate avevano la durata di 22 minuti ed ospitavano due episodi brevi o un solo episodio più lungo, mentre nelle repliche più recenti le puntate originarie sono state suddivise in due episodi. I titoli degli episodi sono stati più volte variati a seconda della messa in onda e/o della riproposizione su VHS o DVD.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana è a cura della Gruppo Trenta, oggi nota come Pumaisdue. I Dialoghi italiani sono a cura di Simona Izzo, Arturo Dominici, Giuppy Izzo, Ruggero Busetti con la collaborazione di Fiamma Izzo, Marco Guadagno, Lorena Bertini, Antonella Rinaldi. La direzione del doppiaggio affidato a Simona Izzo, Arturo Dominici, Giuppy Izzo, Marco Guadagno con la collaborazione di Teo Bellia, Mauro Gravina e Germana Dominici.[2]

Puffi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Baby Puffo Giuppy Izzo
Bontina Antonella Rinaldi
Brontolone Michael Bell Giuppy Izzo
Burlone Francesca Guadagno (prima voce), Gianni Williams (seconda voce)
Contadino Mauro Gravina
Forzuto Frank Welker Antonella Baldini (prima voce), Giuppy Izzo (seconda voce)
Grande Puffo Don Messick Elio Pandolfi (ep.1×1), Gino Pagnani (st.1 seconda voce), Tonino Accolla (st.1 terza voce) e Arturo Dominici (st.1 quarta voce e st.2+)
Golosone Germana Dominici (prima voce), Loris Loddi (seconda voce), Gianni Williams (terza voce)
Inventore Marco Pe (prima voce), Andrea Ghidini (seconda voce), Ciccio Scania (terza voce), Paola Giannetti (quarta voce)
Minatore Edoardo Nevola
Naturone Giuppy Izzo
Nonna Puffa Angiolina Quinterno
Nonno Puffo Gil Baroni
Pauroso Liliana Sorrentino, Tatiana Dessi
Pigrone Andrea Ghidini (prima voce), Mauro Gravina (seconda voce)
Pittore William Callaway Simona Izzo (prima voce), Fabrizio Mazzotta (seconda voce)
Poeta Massimo Rinaldi
Puffetta Lucille Bliss Fiamma Izzo (st.1), Loredana Nicosia (st.2+)
Quattrocchi Barry Gordon, Danny Goldman Marco Guadagno (prima voce), Fabrizio Vidale (seconda voce)
Sarto Teo Bellia
Sciattone Mauro Gravina
Sciccoso Oscar Mino (prima voce), Roberta Paladini (seconda voce)
Sognatore Andrea Pigafetta
Stonato Tatiana Dessi (prima voce), Mauro Gravina (seconda voce)
Tontolone Giuppy Izzo (ep.1×1), Fabrizio Mazzotta (ep.1×2+)
Vanitoso Giacomo Zobbio (prima voce), Giorgio Borghetti (seconda voce), Francesca Guadagno (terza voce)

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Agata Germana Dominici
Baldassarre Mario Bardella
Birba Don Messick Paola Giannetti (prima voce), Giuppy Izzo (seconda voce)
Bue Grasso Raffaele Uzzi
Cloridride Ludovica Modugno
Denisa Antonella Baldini
Fangoso Massimo Rinaldi
Gargamella Paul Winchell Gastone Pescucci (st.1, st.2 prima voce e st.3), Claudio Sorrentino (st.2 seconda voce), Paolo Buglioni (st.4+)
Geraldo Francesco Bulckaen
Harold Marco Bresciani
John Mauro Gravina
Lady Barbara Franca Dominici
Lenticchia Gaetano Varcasia
Luc Mario Bardella
Madre di Gargamella Graziella Polesinanti
Madre Natura Gabriella Genta
Mago Omnibus Carlo Reali
Melchiorro Gigi Angelillo
Melmoso Paolo Poiret
Morena Fiamma Izzo
Nemesis Massimo Rinaldi
Olivier Giuppy Izzo
Padre Tempo Gil Baroni
Priscilla Angiolina Quinterno
Re Mario Bardella
Re Paludone Mario Cordova
Solfami Marco Guadagno
Stagnoso Paolo Buglioni
Witlor Silvio Anselmo

Lista di composizioni classiche come sottofondo[modifica | modifica wikitesto]

I Puffi sono noti per il frequente uso della musica classica come sottofondo musicale o temi in particolari occasioni. Fra le varie composizioni che si possono notare, sono incluse:[3]

Sigle italiane[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i brani sono interpretati da Cristina D'Avena, ad eccezione di Due giovani eroi, John e Solfami eseguita da Orchestra e Coro di Augusto Martelli e di Il Paese dei Puffi, interpretata da Victorio Pezzolla.

I testi sono scritti da Alessandra Valeri Manera.

Canzoni belghe[modifica | modifica wikitesto]

Canzoni americane[modifica | modifica wikitesto]

Canzoni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 inizia a circolare su internet l'indiscrezione secondo cui la puntata finale della serie mostrerebbe che i puffi altro non sarebbero che frutto di un sogno di Gargamella, questa notizia, mai suffragata da nessun episodio trasmesso, verrà poi bollata come bufala[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In cui le sigle sono state usate in ordine diverso rispetto agli altri canali
  2. ^ Le informazioni qui riportate sono tratte da Il Mondo dei Doppiatori, il database del doppiaggio italiano creato da Antonio Genna.
  3. ^ Montreal Mirror article, Astro's Treasure Chest website article
  4. ^ Bluebuddies website article Musica classica ne I Puffi
  5. ^ Come finiscono i Puffi?, televisionando.it, 14 novembre 2012. URL consultato il 14 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]