I Califfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Califfi
Califfi.gif
Paese d'origineItalia Italia
GenereBeat
Rock progressivo
Periodo di attività musicale1965 – 1973
2000 – in attività
EtichettaCD Records
Ri-Fi
Compagnia Generale del Disco
Fonit Cetra
Album pubblicati2
Sito ufficiale

I Califfi sono un gruppo musicale nato nel 1965 a Firenze.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I Califfi nascono nel 1965 a Firenze su iniziativa di Franco Boldrini, bassista dal 1963 nel gruppo di supporto di Edoardo Vianello. Dopo la prima formazione col batterista Piero Barbetti nasce la seconda formazione che comprende Carlo Felice Marcovecchio, batterista, Marco Bracci, chitarrista, Giuseppe Maffei, tastiere e successivamente Michele Di Stefano[non compare in nessuna formazione], che incidono Ti giuro è così, cover dei Kinks You Really Got Me, col testo di Franco Boldrini). Nel 1969 la formazione vede Paolo Tofani alla chitarra e Giacomo Romoli all'organo Hammond.

Grazie alle tournée assieme ad altri gruppi del periodo come I Giganti, I Profeti, i Pooh, i Camaleonti, vengono notati da Giorgio Gaber, che li introduce alla Rifi-Record di Giovanni Ansoldi per la quale incidono Al mattino (1967), Fogli di quaderno, in gara a Un disco per l'estate 1969 e Così ti amo (1968), cover di To Love Somebody dei Bee Gees. Nel 1970 partecipano al Cantagiro e al Festivalbar con Acqua e sapone e l'anno successivo a Un disco per l'estate 1971 con Lola bella mia. I brani sono tutti firmati da Franco Boldrini.

La formazione dei Califfi viene cambiata radicalmente da Franco Boldrini, detentore del nome, nel 1972 con Maurizio Boldrini alla batteria, Vincenzo Amadei alla chitarra e Sandro Cinotti alle tastiere. Con questa formazione il gruppo incide il disco di rock progressivo Fiore di metallo (autore F. Boldrini) per la Fonit Cetra, ma nel 1976 il gruppo viene sciolto da Franco Boldrini per gravi ragioni familiari, ed entra nel mondo della TV privata, diventando in seguito anche regista, giornalista e autore programmi (C48-Retemia-Canale 10-TMC2).

Dopo la disfatta di Vittorio C.Gori nel calcio e nelle TV, Franco Boldrini torna nel suo mondo musicale pubblica una raccolta di successi Tutto scorre e si presenta sulle scene come Franco dei Califfi[1], che contiene anche sei brani inediti.

Dal 2004 Franco dei Califfi opera in teatro con veri "Viaggi musicali" che raccolgono tutte le esperienze musicali vissute prima e dopo l'era dei Califfi. Musical che raccolgono anche danza e poesia, con vari artisti giovani di buon livello. Grande successo al Teatro Verdi di Firenze nel 2006 con Eppure quando guardo il cielo, scritto e diretto dal Boldrini. Poi, dopo Addio Mariù che parlavi d'amore, grande successo di Così ti amo amore mio (teatri del Veneto). Nel 2010 incide un CD dal titolo Percorsi dell'anima edito da Klasse Uno di Castelfranco Veneto. Nel giugno 2012 un grande Musical per la BIENNALE D'ARTE DEL BAMBINO di Treviso dal titolo "Giro, girotondo, coloriamo il mondo" con il patrocinio del Comune di Treviso, Pro-loco- Assessorato alla Cultura, Biennale ideata da Liana Bottiglieri, pittrice-insegnante di fama internazionale.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

1965-1966:

  • Marco Bracci (chitarra)
  • Giuseppe Maffei (tastiere, voce)
  • Franco Boldrini (basso, voce)
  • Carlo Felice Marcovecchio (batteria, voce)

1966-1971:

  • Paolo Tofani (chitarra, voce)
  • Giacomo Romoli (tastiere)
  • Franco Boldrini (basso, voce)
  • Carlo Felice Marcovecchio (batteria, voce)

1972-1973:

  • Vincenzo Amadei (chitarra)
  • Sandro Cinotti (tastiere)
  • Franco Boldrini (basso, voce)
  • Maurizio Boldrini (batteria, voce)

1975-1976:

  • Vincenzo Amadei (chitarra)
  • Sandro Cinotti (tastiere)
  • Franco Boldrini (basso, voce)
  • Maurizio Boldrini (batteria, voce)
  • Marco Bracci (chitarra)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
  • 1969 - Così ti amo (Ri-Fi, RFL LP 14030)
  • 1973 - Fiore di metallo (Fonit Cetra, LPX 23)
  • 1996 - Così ti amo (On Sale Music, 52-OSM-004; ristampa dell'album del 1969 con 9 bonus track)
  • 2001 - Tutto scorre Franco dei Califfi
  • 2007 - All'improvviso (Deltadischi)
  • 2010 - Percorsi dell'anima Franco dei Califfi (Klasse Uno record)
Singoli
  • 1966 - Ti giuro è così/Sotto casa tua (CD Records, cd 012; con la denominazione I 4 Califfi)
  • 1967 - Al mattino/Un uomo solo (Ri-Fi, RFN NP 16219)
  • 1968 - Chiuso con tutti/Torna a me (Ri-Fi, RFN NP 16240)
  • 1968 - Così ti amo/Tutto quello (Ri-Fi, RFN NP 16241)
  • 1968 - La fiera del perdono/Parlano di te (Ri-Fi, RFN NP 16299)
  • 1969 - Fogli di quaderno/La bellezza (Ri-Fi, RFN NP 16349)
  • 1969 - Vita inutile/L'appuntamento (Ri-Fi, RFN NP 16377)
  • 1970 - Acqua e sapone/Lei non mi tradirebbe mai (Compagnia Generale del Disco, N 9779)
  • 1970 - Ragazzi tocca a noi/Cobra (Compagnia Generale del Disco, 109)
  • 1971 - Lola bella mia/Alleluia (Compagnia Generale del Disco, 113)
  • 1971 - Io e il tuo cane Boo/Fiore del Nord (Compagnia Generale del Disco, 136)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Barotto, Il Ritorno del Pop italiano, Editrice Stilgraf, Luserna San Giovanni, 1989; alla voce Califfi
  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Califfi
  • Ursus (Salvo D'Urso), Manifesto beat, Juke Box all'Idrogeno, Torino, 1990; alla voce Califfi
  • Cesare Rizzi (a cura di), Enciclopedia del Rock italiano, Milano, Arcana Editrice, 1993, alla voce Califfi, pagg. 45-46.
  • Claudio Pescetelli, Una generazione piena di complessi, editrice Zona, Arezzo, 2006; alla voce Califfi, pagg. 28-29
  • Alessio Marino, Beati voi! - Interviste e riflessioni con i complessi degli anni 60, edito per "I libri della Beat Boutique 67", novembre 2007 (intervista a Franco Boldrini più foto inedite dei Califfi)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]