I Bruzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'antica popolazione italica, vedi Bruzi.
I Bruzi
Paese d'origineItalia Italia
GenereBeat
Musica leggera
Periodo di attività musicale1961 – in attività
EtichettaFP4, Ariston Records, Variety, Yep, Giallo Records

I Bruzi sono stati un gruppo musicale calabrese di musica beat, attivo negli anni '60;

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso nasce nel 1961 su iniziativa del batterista Eugenio Renda, del cantante Bonaventura Anania detto Benny e del chitarrista Filippo Calipari, tutti di Nicastro; completata la formazione con Elio Giovinazzo al basso ed un loro amico tastierista, Ermanno Guzzi, viene scelto il nome in riferimento alla popolazione dei Bruzi che abitava nell'antichità la loro regione.

Il gruppo inizia ad esibirsi dal vivo, proponendo cover di brani rock'n'roll e di cantautori come Edoardo Vianello, Gianni Meccia e Nico Fidenco, spostandosi poi sul beat; nel frattempo vi è stato il primo cambio di formazione, con l'abbandono di Ermanno Guzzi, sostituito da Salvatore Colloca.

Dopo le prime esibizioni fuori dalla loro regione, pubblicano il primo 45 giri, che passa inosservato: Calipari ed Anania lasciano il gruppo che, con l'ingresso del nuovo chitarrista Carlo Dell'Agli (proveniente dal complesso di Mimì Berté), diventa un quartetto, ed è proprio questa la formazione che firma, alla fine del 1966, il contratto con la Ariston Records.

L'etichetta di Alfredo Rossi pubblica il secondo 45 giri del gruppo, che ottiene un buon successo grazie alla canzone sul lato A, Ero l'attendente del Kaiser (cover di I Was Kaiser Bill's Batman, scritta da Roger Cook e Roger Greenaway ed incisa da Whistling Jack Smith), brano strumentale fischiato da Giovinazzo e Renda, che nello stesso periodo viene anche inciso dai Pooh (con la denominazione The Jet Set) e da Alessandro Alessandroni.

Anche il successivo 45 giri è una cover, di Massachusetts dei Bee Gees; i Bruzi effettuano tour in tutta Italia e continuano ad incidere dischi fino al 1970, spostandosi verso lo stile bubblegum pop di gruppi come The Archies, cambiando casa discografica ed alcuni elementi della formazione.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

45 giri come Bruzi[modifica | modifica wikitesto]

45 giri come Accademia Bruzia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Bruzi, i, di Roberto Ruggeri
  • Ursus (Salvo D'Urso), Manifesto beat, edizioni Juke Box all'Idrogeno, Torino, 1990; alla voce I Bruzi
  • Claudio Pescetelli, Una generazione piena di complessi, editrice Zona, Arezzo, 2006; alla voce Bruzi, pag. 27
  • Davide Motta Fré, Promesse d'amore, 2006;

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock