I 4 tassisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I 4 tassisti
I 4 tassisti - Film 1963.jpg
Titoli di testa del film
Titolo originaleI 4 tassisti
Paese di produzioneItalia
Anno1963
Durata100 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaGiorgio Bianchi
SoggettoCastellano e Pipolo, Giorgio Bianchi, Mario Amendola, Leo Benvenuti, Piero De Bernardi
SceneggiaturaCastellano e Pipolo, Giorgio Bianchi, Mario Amendola, Leo Benvenuti, Piero De Bernardi
ProduttoreAntonio Cervi
FotografiaSilvano Ippoliti, Riccardo Pallottini
MusicheFiorenzo Carpi
ScenografiaPeppino Piccolo
CostumiVera Cozzolino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I 4 tassisti è un film a episodi del 1963 diretto da Giorgio Bianchi con Aldo Fabrizi, Peppino De Filippo, Erminio Macario Didi Perego e Gino Bramieri.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell'episodio a Milano Lo sposo Baldassarre Boldrini si fa convincere dall'affascinante tassista Filomena, che lo sta accompagnando nella chiesa dove sta per sposarsi, a cambiare idea e fuggire con lei.

In Un'opera buona, Pasquale Scognamillo mentre è in autostrada di ritorno da Pompei, carica a bordo del suo taxi una suora, Suor Serena, la quale con astuzia si fa consegnare del denaro. Ritornata a Napoli, si scoprirà che è una ragazza-squillo.

In Caccia al tesoro, Pomilio Barone scarrozza per Torino un'avvenente ragazza ubriaca, la quale lo coinvolge in una caccia al tesoro.

Ne L'uomo in bleu, Sor Gigi a Roma si accorge troppo tardi di aver accolto sul suo taxi un pericoloso ricercato, armato di pistola, con la quale poco prima aveva commesso un omicidio.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 13 dicembre del 1963.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Rossitti, Il film a episodi in Italia tra gli anni Cinquanta e Settanta, Alberto Perdisa Editore, 2005, p. 370, ISBN 9788883722981.
  2. ^ Cinema - Prime visioni Torino, in La Stampa, nº 295, 1963, p. 4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema