I 27 giorni del pianeta Sigma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I 27 giorni del pianeta Sigma
Arnold Moss in The 27th Day trailer.jpg
L'alieno (Arnold Moss) nel trailer del film
Titolo originale The 27th Day
Paese di produzione USA
Anno 1957
Durata 74 min
Colore b/n
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia William Asher
Sceneggiatura John Mantley
Fotografia Henry Freulich
Montaggio Jerome Thoms
Musiche Mischa Bakaleinikoff
Scenografia Ross Bellah
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I 27 giorni del pianeta Sigma è un film di fantascienza del 1957 diretto dal regista William Asher.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cinque persone (la signora inglese Evelyn Wingate, il giornalista americano Jonathan Clark, la contadina cinese Su Tan, il fisico tedesco Klaus Bechner, e il soldato sovietico Ivan Godofsky) vengono rapite da un alieno e portate su un'astronave. Là incontrano un alieno, che si fa chiamare lo Straniero, che dice di essere il rappresentante di un pianeta chiamato Sigma, che ruota attorno ad una stella prossima a trasformarsi in una supernova. Dovendo trovare un nuovo mondo dove stabilirsi, ma nello stesso tempo obbligati dal loro codice morale a non sopprimere nessuna forma di vita intelligente, lo Straniero fornisce a ognuno dei cinque con un astuccio, dove ci sono tre capsule: ognuna ha la capacità di eliminare tutte le persone nel raggio di 2.500 Km, con la speranza che l'umanità userà tutte le capsule, lasciando la Terra vuota per la colonizzazione aliena.

Ritornati sulla terra, Eve getta immediatamente il suo astuccio in mare e si precipita immediatamente a prenotare un volo per Los Angeles, mentre Su Tan si suicida davanti ad una statua del Buddha e le sue capsule si distruggono da sole. Gli altri, invece, continuano le loro attività quotidiane come se nulla fosse successo fino al giorno successivo, quando lo Straniero, interrompendo tutte le trasmissioni televisive e radiofoniche del mondo, rivelando l'esistenza delle capsule e il loro potere e i nominativi delle cinque persone che le posseggono. Il dottor Bechner, in viaggio negli Stati Uniti, ascolta la trasmissione e, confuso sul da farsi, viene travolto da una auto mentre attraversa la strada; viene portato im gravi condizioni all'ospedale. Il soldato Godofsky viene fermato e messo agli arresti dai suoi superiori.

Arrivata all'aeroporto di Los Angeles, Eve viene fermata dal giornalista J Clark, che subito dopo la trasmissione aliena, si è nascosto. Insieme cercano riparo in un centro ippico chiuso per la stagione. Godofsky viene interrogato dal suo generale superiore, il quale, però, insoddisfatto delle risposte, decide di sottoporlo a ulteriori interrogatori con torture incluse.

Nei giorni immediatamente successivi il panico cresce nell'opinione pubblica; il soldato Godofsky viene ripetutamente pestato ed è in stato confusionale, mentre il dottor Bechner, ancora in ospedale in convalescenza, rifiuta di rivelare qualsiasi informazione sui piani dello Straniero. Dopo che due agenti stranieri hanno tentato, fortunatamente senza successo, di assassinare il dottor Bechner e che in una piccola città è stato linciato una persona che assomigliava a Clark, Eve e Clark si consegnano alle autorità e sono presi in consegna da personale dell'esercito americano. Nel frattempo, usando il siero della verità su Godofsky, i sovietici scoprono come aprire gli astucci e come usare le capsule. L'annuncio sovietico genera un generale stato di ansia in tutto il mondo e spinge Eve e Clark a collaborare con le autorità americane e a fornire le informazioni in loro possesso: dopo la perentoria richiesta sovietica agli americani di ritirare tutte le loro truppe dislocate fuori dal continente americano in soli due giorni, il governo si decide di testare una delle capsule di Bechner per verificare la minaccia sovietica e un volontario, il professor Neuhaus, viene abbandonato su una imbarcazione solitaria in mezzo all'oceano con alcuni animali; il professor Bechner apre una delle capsule, recita ad alta voce le coordinate in cui si trova l'imbarcazione ed immediatamente il professor Neuhaus viene immediatamente vaporizzato, mentre gli animali rimangono vivi. In seguito a questo, gli Stati Uniti iniziano il ritiro da ogni paese fuori dal continente.

A bordo di una corazzata americana Bechner, Clark, and Eve discutono su cosa fare, anche perché convinti che i sovietici useranno le capsule all'ultimo minuto, così da evitare ogni ritorsione americana. Deciso a trovare un'altra soluzione, il professor Bechner studia con attenzione le singole capsule e scopre che vi sono incise alcune strane formule matematiche.

Nel momento in cui il generale sovietico sta per usare la capsule, Godofsky, presente nella stanza per ogni evenienza, riesce a liberarsi, a colpire il generale e a far cadere le capsule di sotto, sulla strada. Esattamente nello stesso istante Bechner aziona le sue due rimanenti capsule e quelle di Clark; ha decrittato il codice e ha scoperto che le capsule possono essere riprogrammate.

[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The capsules' clear containers can only be opened by the thought waves of the person to whom they were given. Once out in the open, the capsules inside can then be used by anyone, but only during the next 27 days, after which they become inert. The world is then blanketed with a high-pitched sonic wave that kills every "known enemy of human freedom". In the aftermath, at an undisclosed later time, a now united humanity under the United Nations extends an invitation to The Alien and his people to coexist peacefully. It turns out that the preceding events had actually been a test, a way for The Alien to judge mankind's true nature and character. The Alien accepts, and a new day like no other dawns for humanity.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]