IRB Sevens World Series

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IRB Sevens World Series
Logo della competizione
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 7
Tipo squadre nazionali
Federazione International Rugby Board
Cadenza annuale
Partecipanti 16
Formula gironi all'italiana + eliminazione diretta
Sito Internet irbsevens.com
Storia
Fondazione 1999
Detentore Nuova Zelanda Nuova Zelanda (11° titolo)

L'IRB Sevens World Series, noto ufficialmente come IRB Sevens prima della stagione 2006-07 e precedentemente chiamato World Sevens Series, è una serie di tornei internazionali di rugby a 7 organizzata per la prima volta nel 1999-2000. I tornei, gestiti dall'International Rugby Board (IRB), hanno come partecipanti squadre nazionali. Le serie furono inizialmente create per sviluppare un alto livello di competizione fra le nazioni oltre che sviluppare il gioco a 7 in via commerciale. Nel 2005-06 la competizione fu trasmessa per 1147 ore in tv, di cui 530 in diretta, in 136 nazioni.[1] Nella stagione 2008-09 le ore di trasmissione in tv incrementarono fino a oltre 3300, con 35 canali televisivi impegnati a trasmettere in 139 nazioni e in 15 lingue differenti.[2]

Le squadre competono per il titolo IRB Sevens World Series accumulando punti in base al loro posizionamento in ogni torneo. Gli eventi si svolgono in tutto il mondo. Nel 2005-06 l'evento più importante del Seven, l'Hong Kong Sevens, è tornato dopo un anno di sosta per la Coppa del Mondo di rugby a 7 che si è tenuta ad Hong Kong nel marzo 2005 ed è stata vinta dalle Figi.

A partire dalla stagione 2012-13 è stato istituito anche un analogo torneo femminile che ha visto vincere la Nuova Zelanda nell'edizione inaugurale composta da quattro differenti eventi ospitati in Dubai, Stati Uniti d'America, Cina e Olanda.[3]

Con l'ammissione del rugby a 7 tra gli sport olimpici, con il debutto a Rio de Janeiro 2016, la classifica finale dell'intero torneo concorre periodicamente a determinare una quota di quattro squadre qualificate alle Olimpiadi (le prime quattro utilmente collocate).[4]

Campioni[modifica | modifica sorgente]

Stagione Campione
1999-00 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2000-01 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2001-02 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2002-03 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2003-04 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2004-05 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2005-06 Figi Figi
2006-07 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2007-08 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2008-09 Sudafrica Sudafrica
2009-10 Samoa Samoa
2010-11 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2011-12 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2012-13 Nuova Zelanda Nuova Zelanda
2013-14

Tornei[modifica | modifica sorgente]

Tornei 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Tornei passati[modifica | modifica sorgente]

Formato[modifica | modifica sorgente]

In un evento normale partecipano 16 squadre, in quello di Hong Kong 24. In ogni torneo le squadre sono divise in gironi da quattro formazioni, che disputano un girone all'italiana. Sono attribuiti 3 punti per la vittoria, 2 per il pareggio, uno per la sconfitta, 0 se si dà forfait. A parità di punti sono considerati:

  1. Confronto diretto.
  2. Differenza punti.
  3. Differenza mete.
  4. Punti segnati.
  5. Sorteggio.

In ogni torneo sono assegnati quattro trofei, in ordine decrescente di prestigio sono: Cup, al vincitore dell'evento, Plate, Bowl e Shield. A Hong Kong lo Shield viene assegnato a partire dall'edizione 2010. Ogni trofeo è assegnato alla fine dei confronti diretti.

In un normale evento le prime due di ogni girone avanzano per competere per la Cup. Le perdenti dei quarti di finale passano nel tabellone per il Plate. Il Bowl è conteso fra terzi e quarti dei gironi, mentre per lo Shield giocano i perdenti dei quarti di finale del Bowl.

Nel torneo di Hong Kong avanzano per la Cup i vincitori dei sei gironi e le due migliori seconde. Il Plate è conteso dalle perdenti ai quarti di finale della Cup, le restanti seconde classificate e le quattro migliori terze classificate competono per il Bowl, mentre le rimanenti otto squadre competono per lo Shield.

Squdre partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Prima dell'inizio di ogni nuova edizione, l'IRB è solita annunciare le 15 squadre che prenderanno ufficialmente parte a tutti i tornei che compongono la serie (le cosiddette "core teams").

A partire dalla stagione 2012-13 è stato istituito un sistema di promozione e retrocessione par stabilire tali squadre: le prime dodici classificate nella classifica globale sono automaticamente confermate per la stagione successiva, mentre le ultime tre dal 13º al 15º posto sono coinvolte in una fase di qualificazione nella quale competono con altre pretendenti ai tre posti disponibili per l'edizione successiva. Una fase preliminare di qualificazione viene disputata all'interno dell'Hong Kong Sevens, mentre la fase finale che coinvolge anche le ultime tre classificate viene disputata all'interno dell'ultimo torneo della serie (il London Sevens).

Per la stagione 2013-14 le core teams sono:

Punteggi[modifica | modifica sorgente]

Il campionato ha una classifica determinata dai punti guadagnati in ogni torneo; dalla stagione 2011-12 l'IRB ha introdotto un nuovo sistema di punteggi in modo da assicurare dei punti a tutte le nazionali partecipanti. Per tutti i tornei si può applicare questo programma:[5]

  • Vincitore della Cup (1º posto): 22 punti
  • Finalista della Cup: 19 p
  • Vincitore 3º posto della Cup: 17 p
  • Perdente finale 3º posto della Cup (4º posto): 15 p
  • Vincitore del Plate (5º posto): 13 p
  • Finalista Plate: 12 p
  • Semifinaliste Plate: 10 p
  • Vincitore Bowl (9º posto): 8 p
  • Finalista Bowl: 7 p
  • Semifinaliste Bowl: 5 p
  • Vincitore Shield (13º posto): 3 p
  • Finalista Shield: 2 p
  • Semifinaliste Shield: 1 p

Se due squadre sono a pari punti a fine stagione si usano i seguenti metodi per stabilire la classifica:

  1. Differenza punti in stagione
  2. Totale mete in stagione
  3. Se non sono bastati i criteri sopra le squadre sono pari

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Aggiornate alla stagione 2013-14.

Maggior numero di punti
  Nome Squadra Punti
1 Ben Gollings Inghilterra Inghilterra 2652
2 Tomasi Cama Nuova Zelanda Nuova Zelanda 1994
3 Uale Mai Samoa Samoa 1318
4 Waisale Serevi Figi Figi 1310
5 Santiago Gomez Cora Argentina Argentina 1178
Maggior numero di mete
  Nome Squadra Mete
1 Santiago Gomez Cora Argentina Argentina 230
2 Ben Gollings Inghilterra Inghilterra 220
3 Collins Injera Kenya Kenya 183
4 Fabian Juries Sudafrica Sudafrica 179
5 Mikaele Pesamino Samoa Samoa 161

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IRB announces record tv figures
  2. ^ (EN) Record numbers tune in to Sevens rugby
  3. ^ (EN) First Women's Series hailed a great success, irb.com. URL consultato il 6 aprile 2014.
  4. ^ (EN) Olympic Rugby Sevens qualification confirmed, irb.com, 6 febbraio 2014. URL consultato il 3 marzo 2014.
  5. ^ (EN) Rules. URL consultato il 20 settembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby