IOPS Organizzazione per una società partecipativa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La IOPS - Organizzazione internazionale per una società partecipativa è un'organizzazione non governativa che si occupa di autoregolazione dei lavoratori, uguaglianza dei diritti tra gli esseri umani, solidarietà, diversità, sviluppo eco sostenibile e internazionalismo. Concepita nel circolo di organizzazioni di sinistra e laburista Z Communications[1], fondata nel gennaio 2012, l'organizzazione conta 2745 membri attivi in 93 paesi al 1 novembre 2012.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

IOPS membro Noam Chomsky
Noam Chomsky, membro della IOPS, si è così espresso sul potenziale dell'organizzazione: "La IOPS porta gli argomenti giusti, e se le opportunità che offre sono perseguite con sufficiente energia e partecipazione, diligenza, modestia e volontà, potrebbe portarci molto avanti verso l’unificazione delle molte iniziative qui e nel mondo e unendole in una forza potente ed efficace.”[3]

Nel 2011, circa 4.000 persone hanno partecipato a un sondaggio riguardante un'ipotetica organizzazione internazionale.[4] Concordando con il risultato positivo di quel sondaggio, si adottò quanto convenuto in quel sondaggio come documento guida per stabilire un processo interim per lo sviluppo di una nuova organizzazione internazionale basata su organismi socio politici locali. Tali persone hanno formato un comitato consultivo per perseguire tale processo.[5]

Il 12 maggio 2012, il comitato interim è composto da 26 nord americani, 6 sudamericani, 17 europei, 2 africani e 1 australiano.[6][7] Tra questi, Ezequiel Adamovsky, Michael Albert, Stanley Aronowitz, Elaine Bernard, Patrick Bond, Noam Chomsky, Maya Evans, Eva Golinger, David Graeber, Andrej Grubacic, David Harvey, Pat Korte, John Pilger, Vijay Prashad, Lydia Sargent, Boaventura de Sousa Santos, Steve Shalom, Vandana Shiva, Paul Street e Chico Whitaker.[6] Il comitato ha stabilito il nome "International Organization for a Participatory Society (IOPS)" come nome provvisorio per l'organizzazione. Nel marzo del 2012 si è creato un sito per l'organizzazione provvisoria. [8][9][10]

IOPS membro Vandana Shiva
IOPS membro Vandana Shiva tra altri, ha firmato una lettera aperta commentando gli impegni delle organizzazioni: "Gli impegni della IOPS sono emersi dopo una lunga serie di discussioni e di dibattiti. Crediamo che essi corrispondano bene alle convinzioni politiche più diffuse, avanzate e largamente accessibili sulla quali costruire un’organizzazione per ottenere un mondo migliore."[11]

Questa organizzazione ha forti relazioni con altre organizzazioni e movimenti, inclusi il Forum sociale mondiale, tramite Chico Whitaker, uno dei fondatori, e il movimento Occupy, Danny Schechter ha scritto che questa organizzazione "è sicuramente un blocco di costruzione ambizioso per quello che può diventare alla lunga un movimento importante e ben organizzato. .[1]

Missione[modifica | modifica sorgente]

"The International Organization for a Participatory Society (IOPS) è un'organizzazione rivoluzionaria che ha come scopo quello di costruire un nuovo mondo attraverso l'esplorazione flessibile e cercando visioni a lungo termine, costruendo i semi per il futuro nel presente, che si focalizzi sulla vita e sulle persone, che si costruisca tramite una società senza classi e auto sostenibile, che abbia successo puntando sui cambiamenti sociali e prepari il terreno per grandi cambiamenti futuri."[12]

Struttura[modifica | modifica sorgente]

IOPS cerca di adottare i valori organizzativi dell'autogestione, della non divisione in classi sociali, del rispetto della diversità, del dissenso, della trasparenza e del dibattito.[13] In tale spirito, IOPS stabilisce di operare come una sorta di auto gestione e capitoli di inter connessione locale e piattaforme nazionali, che si organizzino dal basso.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Danny Schechter, The ideas and vision behind Occupy activism, Al Jazeera English, 3 maggio 2012. URL consultato il 5 maggio 2012 (archiviato il 5 maggio 2012).
  2. ^ International Organization for a Participatory Society, IOPS, 1º novembre 2012. URL consultato il 1º novembre 2012 (archiviato il 1º novembre 2012).
  3. ^ Traduzione dell'originale inglese: The International Organization for a Participatory Society (IOPS) is launched, The Daily Censored. URL consultato il 5 maggio 2012.
  4. ^ Teilnehmender Sozialismus – eine neue Internationale, die IOPS, Syndikalismus. URL consultato il 5 maggio 2012.
  5. ^ For a New Left International, New Left Project. URL consultato il 5 maggio 2012.
  6. ^ a b Interim Committee, IOPS, 12 maggio 2012. URL consultato il 12 maggio 2012 (archiviato il 12 maggio 2012).
  7. ^ Il 12 maggio 2012, per un totale di 52 persone, ma due si potevano identificare sia come nord americani che europei, e questo dà il numero reale di 50 persone.
  8. ^ International Organization for a Participatory Society, Social Network Unionism. URL consultato il 5 maggio 2012.
  9. ^ International Organization for a Participatory Society Website has Launched, Colorado Indymedia. URL consultato il 5 maggio 2012.
  10. ^ There is an alternative: participatory economics, ROAR magazine. URL consultato il 5 maggio 2012.
  11. ^ Traduzione dell'originale inglese: An Open Letter, The Progressive. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  12. ^ Mission, IOPS. URL consultato il 5 maggio 2012.
  13. ^ Structure and Program, IOPS. URL consultato il 5 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]