International Air Transport Association

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da IATA)
International Air Transport Association
International Air Transport Association
IATA.png
AbbreviazioneIATA
Tipoorganizzazione internazionale di categoria
Fondazione19 aprile 1945
Scopo«rappresentare, guidare e servire l'industria aerea»
Sede centraleCanada Montreal
Altre sediGinevra, Amman, Pechino, Madrid, Miami, Singapore
Area di azionemondo
DG e CEORegno Unito Tony Tyler
Lingua ufficialeinglese
Membri264[1] (2015)
Sito web

La International Air Transport Association (IATA) è un'organizzazione internazionale di compagnie aeree con sede a Montréal, nella provincia del Quebec, Canada. Questa associazione unisce ed integra le varie reti di servizi delle compagnie associate permettendo, ad esempio, di poter controllare i prezzi e le disponibilità dei voli delle compagnie stesse anche da parte dei viaggiatori.

L'unione regola anche il trasporto di materiale pericoloso e pubblica lo IATA Dangerous Goods Regulations manual, fonte di riferimento universalmente accettato dalle compagnie aeree con cui materiali pericolosi vengono spediti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La IATA è stata costituita subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale a L'Avana, prendendo il posto della precedente International Air Traffic Association. I principali obbiettivi erano quelli di assistere le compagnie aeree a

« Promuovere trasporti aerei sicuri, regolari ed economici a beneficio dell'umanità, favorire il commercio aereo e studiare i problemi connessi. »

(IATA)

Alla sua fondazione, nel 1945, la IATA contava su 57 membri di 31 nazioni diverse, principalmente in Europa e in Nord America. L'organizzazione col passare degli anni si è espansa e ha allargato anche le sue prerogative. Al 2015 conta 264 compagnie aeree di oltre 100 nazioni del mondo che trasportano più dell'83% del traffico aereo internazionale di linea[1].

Gli obiettivi della IATA sono:

  • promuovere trasporti aerei sicuri, regolari ed economici a beneficio dell'umanità, favorire il commercio aereo e studiare i problemi connessi;
  • fornire tutti i mezzi necessari per la cooperazione delle compagnie aeree che direttamente o indirettamente servono trasporti aerei internazionali;
  • cooperare con l'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile (ICAO).

La IATA, così come la ICAO, assegna dei codici distintivi per ogni aeroporto e per le compagnie di gestione degli aeroporti stessi; questi codici sono usati correntemente: sono, ad esempio, quelli che si trovano sulle etichette che vengono applicate ai bagagli al check-in in aeroporto.

Per un migliore calcolo delle tariffe, la IATA ha diviso il mondo in 5 regioni:

L'organizzazione è stata però accusata di fare cartello, inoltre molte delle compagnie a basso costo non sono membri effettivi. La Direzione generale per la concorrenza della Commissione europea ha aperto un procedimento nei confronti di questa organizzazione.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN158940779 · ISNI: (EN0000 0001 2173 3092 · LCCN: (ENn81038751 · GND: (DE1011-X · BNF: (FRcb12044483v (data) · NLA: (EN35226218 · BAV: ADV12614616