I.G.-Farben-Haus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I.G.-Farben-Haus
Poelzig-Bau, Frankfurt, South partial view 20140827 1.jpg
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandAssia
LocalitàFrancoforte sul Meno
Coordinate50°07′33″N 8°40′03″E / 50.125833°N 8.6675°E50.125833; 8.6675Coordinate: 50°07′33″N 8°40′03″E / 50.125833°N 8.6675°E50.125833; 8.6675
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1929-1931
Stilemoderno
Usouffici
Piani9
Realizzazione
ArchitettoHans Poelzig e Marlene Poelzig
ProprietarioUniversità Goethe di Francoforte e Assia
CommittenteI.G. Farben

L'I.G.-Farben-Haus (letteralmente: "edificio I.G. Farben") è un grande complesso direzionale nella città tedesca di Francoforte sul Meno, costruito per ospitare la sede dell'industria chimica I.G. Farben.

Progettato dall'architetto Hans Poelzig, è considerato uno dei più importanti esempi di architettura moderna nella Repubblica di Weimar.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso fu costruito dal 1929 al 1931 su progetto di Hans Poelzig per ospitare la sede dell'industria chimica I.G. Farben.

Venne profondamente ristrutturato nel 2001 dallo studio di architettura Dissing + Weitling e da allora è usato dall'Università Johann Wolfgang Goethe.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso si compone di due edifici: l'edificio principale, di dimensioni monumentali, e il retrostante Casino.

L'edificio principale, rivestito in lastre di travertino, si sviluppa in lunghezza da ovest a est e ha una pianta di forma leggermente arcuata interrotta da sei avancorpi che ospitano le connessioni verticali (scale e ascensori). La particolare forma dell'edificio, retaggio dell'architettura espressionista, gli conferisce dinamismo evitando la monotonia dell'insieme.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Wolf-Christian Setzepfandt, Architekturfuhrer Frankfurt am Main, 3ª ed., Berlino, Dietrich Reimer Verlag, 2002, p. 45, ISBN 3-496-01236-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]