Hypo Group Alpe Adria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Hypo Group Alpe Adria
Logo
Logo
StatoAustria Austria
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione17 febbraio 1894
Chiusura2014
Sede principaleKlagenfurt am Wörthersee
Persone chiaveSigfried Grigg (Chairman)
SettoreFinanziario
Prodottiservizi finanziari
Fatturato669,4 milioni di euro (2005)
Dipendenti5.203 (2005)
Sito webwww.hypo-alpe-adria.com/

Hypo Group Alpe Adria è stata una bad bank residuale dell'ex Hypo Alpe-Adria-Bank International. L'ente, posseduto interamente dal governo austriaco, era presente in nove diversi Paesi della Regione Alpino Adriatica: Austria, Italia, Germania, Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Serbia, Montenegro e Liechtenstein.

L'istituto, nel novembre 2006, operava in sei regioni italiane con diciannove succursali. In Italia conta circa 40 000 clienti e 660 dipendenti. La sede italiana del gruppo si trovava a Feletto Umberto, nel circondario udinese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Hypo Group Alpe Adria nasce il 17 febbraio 1894 a Klagenfurt, in Carinzia, col nome di Kärntner Landes-Hypothekenanstalt. Negli anni sessanta avviene un rapido sviluppo della banca carinziana che consente, a partire dagli anni settanta, l'espansione, oltre i confini regionali, in tutta l'Austria. Nel 1980 l'istituto cambia nome in "Hypo – Bank". Nel 1989 varca per la prima volta i confini nazionali, penetra in Italia con la Hyposervice S.p.A, società di leasing e nel 1998 otterrà la concessione di banca e verrà nominata Hypo Alpe-Adria-Bank SpA[1]. Nel 1991 l'istituto diventa una Società di Capitali, e nel 1992 entra, accanto al Land Carinzia, con una quota di minoranza la società di assicurazioni austriaca Grazer Wechselseitige Versicherung AG. Nel 1994 Hypo Alpe-Adria-Bank fa il suo ingresso sul primo mercato dell'ex Jugoslavia, la Slovenia. Nel 1995 è la volta della Croazia. Tra il 2001 e il 2003 è la volta di Bosnia – Erzegovina, Serbia – Montenegro, Liechtenstein, e Germania. Nel dicembre 2009 lo Stato austriaco decide di nazionalizzare l'istituto di credito a causa delle forti perdite conseguite.

Filiale italiana[modifica | modifica wikitesto]

Hypo Alpe Adria Bank S.p.A., nota anche come HBI, è stata una banca italiana con sede a Tavagnacco in provincia di Udine. L'ente nacque nel 1986 come Finservice S.r.l. e nel 1988 fu acquistata da Kärntner Landes und Hypothekenbank. La banca fu rinominata Hyposervice S.r.l. e nel 1990 divenne una società per azioni. Nel mese di marzo del 2014, la controllata italiana fu scorporata dalla bad bank, ad eccezione del ramo leasing[2][3]. Nel 2016, Banca Valsabbina acquisì sette filiali da Hypo Bank oltre a un portafoglio crediti di circa 150 milioni di euro[4]. Nel 2020 Bain Capital Credit annuncia l'avvenuta acquisizione della ex Hypo Alpe Adria Bank, società detenuta dal governo austriaco tramite la HBI-Bundesholding AG[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lodovica Bulian, E il fantasma default adesso spaventa il Friuli, in il Giornale, 27 dicembre 2015.
  2. ^ Provvedimenti rilevanti di carattere particolare delle autorità creditizie n. 499 (PDF), in Bollettino di Vigilanza, n. 9, 30 settembre 2014, Sezione XIV – Sanzioni della Banca d'Italia.
  3. ^ Hypo-Alpe-Adria Bank, software truccati per lucrare sull’Euribor: la Finanza scopre truffa da 88 milioni, in Il Sole 24 Ore, 25 ottobre 2014.
  4. ^ Accordo con Hypo Alpe Adria Bank, su lavalsabbina.it, 8 settembre 2016.
  5. ^ Finisce l'era di Hypo Alpe Adria, nuovo nome e nuova storia, su Udine Today, 23 luglio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN136315999 · LCCN (ENno2013114796 · WorldCat Identities (ENviaf-136315999