Hylocereus undatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hylocereus undatus
lang=it
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Caryophyllales
Famiglia Cactaceae
Genere Hylocereus
Specie H. undatus
Nomenclatura binomiale
Hylocereus undatus
(Haworth) Britton & Rose
Nomi comuni

regina della notte

Specie
Fioritura regina della notte
Pitaya a Taiwan

Hylocereus undatus (Haworth) Britton & Rose è una pianta angiosperma dicotiledone, della famiglia delle Cactaceae. Il suo frutto è conosciuto come frutto del drago (in inglese Dragon Fruit)[1] Pitahaya o Pitaya. Questo ultime termine si applica anche ad altri frutti simili (per esempio quelli dei cactus Stenocereus). La pianta viene anche coltivata a solo scopo ornamentale. Per via della sua fioritura questa pianta viene anche chiamata regina della notte.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un cactus con "rami" lunghi anche 6-12 metri, a portamento strisciante o ricadente, molto ramificati. Sono spessi circa 10-12 cm e mostrano tre costolature. Le areole - cioè le piccole aree che portano le spine nei cactus - sono ampie circa 2 mm. Le spine sui rami adulti sono lunghe 1-4 mm, da aciculari a quasi coniche, di colore da grigiastro a nero.

Forma radici aeree con le quali riesce ad attaccarsi p.es. agli alberi (pianta epifita) o alle rocce (pianta litofita).

I fiori sono bianco verdastri, lunghi circa 25-30 cm con un diametro che varia tra 15 e 20 cm. Gli stami sono lunghi 5-10 cm. I fiori producono nettare per attirare gli impollinatori. Durante la fioritura emanano un forte profumo "vanigliato". La fioritura di un singolo fiore dura circa 2 giorni e avviene di notte; di giorno il fiore si chiude. La fioritura sfasata nel tempo fa sì che il cactus rimanga in fiore più a lungo.

Il frutto

Il frutto è lungo da 5 fino a 12 cm con un diametro di 4-9 cm; è di un colore che varia dal rosa intenso al rosso, con larghe brattee verdastre. La polpa all'interno del frutto è generalmente di color bianco o rosso con numerosissimi e piccolissimi semi di color nero, che sono commestibili. La polpa è di consistenza morbida ed ha un gusto dolce e delicato e di gradevole profumo.

La pianta è auto-sterile, ovvero non può fecondarsi da sé in quanto è inibita l'autoimpollinazione.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Le cactacee del genere Hylocereus sono originarie delle zone aride neotropicali (Messico, Guatemala, Costa Rica) e sono successivamente state introdotte in America Centrale e in altre zone del mondo. Sono coltivate in paesi dell'est e del sud dell'Asia come Cambogia, Thailandia, Taiwan, Malaysia, Vietnam, Sri Lanka, Filippine, Nuova Guinea, Indonesia e Bangladesh, e si trovano anche ad Okinawa, nelle Hawaii, in Israele, Australia del nord, Cina del sud e a Cipro. Tali introduzioni sono probabilmente state effettuate dagli europei di ritorno dal nuovo mondo[senza fonte].

A fini ornamentali viene coltivata anche in zone non idonee per la fruttificazione commerciale, come ad esempio nell'area mediterranea.

La prima descrizione come Cereus undatus è stata fatta nel 1830 da Adrian Hardy Haworth[2] Nathaniel Lord Britton und Joseph Nelson Rose l'hanno classificata nel 1918 nel genere Hylocereus.[3]

Usi culinari[modifica | modifica wikitesto]

È un frutto ricco di sali minerali, ma di contenuto calorico molto basso: 100 g corrispondono solo a 36 Kcalorie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il frutto del drago, Corriere della Sera, agosto 2010.
  2. ^ Philosophical Magazine. Vol. 7, London 1830, pag. 110 (online).
  3. ^ Flora of Bermuda. 1918, pag. 256 (online).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]