Hyles euphorbiae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sfinge dell'euforbia
Hyles euphorbiae 02.jpg
Hyles euphorbiae
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
(clade) Macroheterocera
Superfamiglia Bombycoidea
Famiglia Sphingidae
Sottofamiglia Macroglossinae
Tribù Macroglossini
Sottotribù Choerocampina
Genere Hyles
Specie H. euphorbiae
Nomenclatura binomiale
Hyles euphorbiae
(Linnaeus, 1756)
Sinonimi

Sphinx euphorbiae
Linnaeus, 1756

La sfinge dell'euforbia (Hyles euphorbiae (Linnaeus, 1756)) è un lepidottero appartenente alla famiglia Sphingidae, diffuso in Eurasia e Nordafrica.

È utilizzato come agente nella lotta biologica contro l'Euphorbia esula.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Specie simile alla Hyles gallii, con ali anteriori di 35-37 mm di lunghezza e con la presenza di macchie color verde oliva su uno sfondo grigio chiaro. Le ali posteriori si differenziano per presenzare un'ampia banda rossa. Il bruco è liscio e nero con numerosi punti bianchi.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È una specie tipica della regione mediterranea. Ogni anno migra verso nord, attraverso le Alpi.

Le larve[modifica | modifica wikitesto]

Il bruco si sviluppa durante l'estate e, a volte, fino a ottobre, cibandosi di varie specie di euphorbia. La prima generazione inizia a volare verso la fine della primavera, la seconda, invece, per tutta l'estate.

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

  • Hyles euphorbiae euphorbiae
  • Hyles euphorbiae conspicua

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coombs, E. M., et al., Eds. (2004). Biological Control of Invasive Plants in the United States. Corvallis: Oregon State University Press, 254.
  2. ^ The Illustrated Natural History of British Moths (1869) di Edward Newman

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter [1998], 1999, pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co. [1987], 1991, pp. ix, 754, ISBN 9780840337023, LCCN 85081922, OCLC 13784377.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]