Hygrophorus karstenii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Hygrophorus karstenii
Hygrophorus karstenii (1).jpg
Hygrophorus karstenii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Hygrophoraceae
Genere Hygrophorus
Specie H. karstenii
Nomenclatura binomiale
Hygrophorus karstenii
(Saccardo & Cuboni), 1887
Hygrophorus karstenii
Caratteristiche morfologiche
Cappello
convesso Convex cap icon.svg
Imenio
Lamelle
decorrenti Decurrent gills icon2.svg
Sporata
gialla Yellow spore print icon.png
Velo
nudo Bare stipe icon.png
Carne
immutabile Immutabile icona.svg
Ecologia
Commestibilità
commestibile Foodlogo.svg

Hygrophorus karstenii Saccardo & Cuboni, Syll. fung. (Abellini) 5: 401 (1887), è un fungo basidiomicete.

L'Hygrophorus karstenii è il primo tra i funghi estivi del genere Hygrophorus ad apparire nei boschi di montagna. Si riconosce facilmente, all'interno del suo gruppo, per l'elegante e caratteristico contrasto cromatico tra le lamelle giallo-aranciate e il cappello biancastro.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

2–8 cm, abbastanza carnoso, liscio, asciutto, di forma più o meno convessa. Bianco, poi con sfumature o chiazze ocra.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Decorrenti, da giallo-ocra a color albicocca, spesse e rade, con brevi lamellule.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

3–7 cm x 6–12 mm, concolore al cappello, pieno, asciutto, attenuato verso il basso.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Biancastra, tenera, piuttosto fragile, dolce.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Ovali, bianche volgenti al giallino, in massa, non amiloidi, 10-12 x 6-7 µm.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sotto conifera, in montagna, tra il mirtillo nero o il muschio, da fine luglio a ottobre. Non comune. Cresce in gruppi non numerosi.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Discreta.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino Karstenii = di Karsten, dal nome del micologo Gustav Karl Wilhelm Hermann Karsten.

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

  • Hygrophorus melizeus (Fr.)
  • Hygrophorus bicolor (Karsten)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia