Hy-Brasil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Hy Brazil)
L'isola di Hy-Brasil, posizionata a nord-ovest dell'Irlanda, in una mappa di Abraham Ortelius (1572).

Hy-Brasil (nota anche come Hy-Breasal, Hy-Brasile, Hy-Breasil o Brazir) è un'isola leggendaria che si pensava esistesse nell'Oceano Atlantico. Per secoli si ritenne la sua esistenza certa tanto che i geografi la disegnarono sulle loro carte fino al 1853.

Generalmente si ritenne che Hy-Brasil si trovasse nel mezzo dell'oceano, a centinaia di miglia a ovest dell'Irlanda, anche se non mancò chi ne segnò la posizione a poca distanza dalle Azzorre.[1]

L'isola, rappresentata sempre con un cerchio con un canale che scorre nel mezzo, apparve per la prima volta su una mappa di Angelino Dalorto nel 1325 sotto il nome di "Bracile".[2] Successivamente apparve nell'Atlante Catalano del 1375 che la identificò come due isole distinte e separate ma con lo stesso nome, "Ihla de Brasil". Nel 1572 l'isola apparve anche nella mappa di Abraham Ortelius, considerato da molti il creatore dell'atlante moderno.

Carta dei fratelli Pizigani, ove appaiono oltre ad Hy-Brasil le altre due Brazil: Terceira e Mam.

Nella carta dei fratelli Pizigani del 1367 il nome Brazil è dato, oltre che a Hy-Brasil, ad altre due isole: Mam, posta ad ovest del canale della Manica e ad una delle isole Azzorre, Terceira.[3]

Dopo il 1865 l'isola continuò ad apparire su alcune mappe, ma la sua posizione non poté essere verificata con certezza. Tuttavia, nel corso dei secoli, le storie che circolarono su questa fantomatica isola parlavano di essa come la casa di una civiltà ricca e progredita, anche se i racconti presentavano numerose differenze tra di essi.

Etimologia del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'etimologia dei nomi Brasil e Hy-Brasil è sconosciuta, ma si pensa provenga dalla tradizione Irlandese, secondo la quale la parola Uí Breasail (che significa "discendenti (i.e., clan) del Breasal"), indicava uno degli antichi clans del Nord-Est Irlandese.Cfr. Nell'antico Irlandese: Í: isola; bres: bellezza, valore, grande, potenza.[4]

Nonostante la somiglianza, il nome della nazione del Brasile non ha nessun collegamento con la mitica isola. All'inizio venne chiamata Ilha de Vera Cruz (Isola della Vera Croce) e dopo Terra de Santa Cruz (Isola della Croce Sacra) dagli esploratori Portoghesi che la scoprirono. Dopo qualche decennio, si iniziò a chiamarla "Brazil" (Brasil, in Portoghese) a causa dello sfruttamento degli alberi di Pernambuco (Brazilwood), a quel tempo unica esportazione dell'isola. In portoghese, il brazilwood è chiamato pau-brasil,con la parola brasil, "rosso come un tizzone" la cui etimologia deriverebbe, secondo l'opinione comune, dal latino: dalla parola brasa ("tizzone")e dal suffiso -il (da -iculum o -ilium).[5][6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kemp, p. 104.
  2. ^ Johnson, p.209
  3. ^ Johnson, p.207
  4. ^ "Hy Brasil" A Dictionary of Celtic Mythology. James McKillop. University Press, 1998.
  5. ^ CNRTL – Centre National de Ressources Textuelles et Lexicales (FR)
  6. ^ Michaelis – Moderno Dicionário da Língua Portuguesa (PT)
  7. ^ iDicionário Aulete (PT)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peter Kemp, The Oxford companion to ships and the sea, Oxford University Press, 1976 (Granada Publishing Ltd, 1979).
  • Donald Johnson, Le isole fantasma, Casale Monferrato, PIEMME, 1997, ISBN 88-384-2727-5.
Geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia