Hutton Gibson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hutton Peter Gibson (Peekskill, 26 agosto 1918) è uno scrittore e teologo statunitense, un veterano della seconda guerra mondiale, sostenitore del sedevacantismo, figlio della cantante lirica Eva Mylott e padre di 11 figli, due dei quali sono gli attori Mel e Donal.

Gibson è apparso nel programma televisivo Jeopardy! nel 1968.

Critiche e teorie[modifica | modifica wikitesto]

Gibson è un aperto critico del Concilio Vaticano II, della Chiesa cattolica romana e di quei cattolici tradizionalisti, come la Fraternità sacerdotale San Pio X, che rifiutano il sedevacantismo. Sostiene che il Concilio Vaticano II è stato "un complotto massonico sostenuto dai giudei".[1]

Gibson è anche un sostenitore di varie teorie del complotto. In un'intervista del 2003 ha messo in discussione che i nazisti abbiano potuto smaltire sei milioni di corpi durante l'Olocausto e ha affermato che l'11 settembre 2001 gli attacchi fossero stati perpetrati tramite telecomando.[2]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Is the Pope Catholic?: Paul VI's Legacy: Catholicism? (1978)
  • Time Out of Mind (1983)
  • The Enemy is Here! (1994)
  • The Enemy is Still Here! (2003)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catholics and Conspiracies. Url consultato il 7 luglio 2014.
  2. ^ Christopher Noxon, Is the Pope Catholic ... Enough?, in New York Times Magazine, 9 marzo 2004. URL consultato il 21 settembre 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN308698129 · LCCN: (ENno2014047812