Horrea Agrippiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Horrea Agrippiana
001229 10 palatino horrea 1.JPG
Gli Horrea Agrippiana alle pendici del Palatino.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma-Stemma.png Roma
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°53′26.99″N 12°29′06.19″E / 41.890831°N 12.485053°E41.890831; 12.485053

Gli Horrea Agrippiana ("magazzini di Agrippa") erano un grande edificio posto nei pressi del Foro Romano, dove il Vicus Tuscus (la strada che prese nome dalla colonia etrusca giunta a Roma con Tarquinio il Superbo) si avvia verso il Velabro.

Il grande edificio, contiguo alla chiesa di Santa Maria Antiqua e al gruppo di edifici domizianei, venne fatto costruire da Marco Vipsanio Agrippa in età augustea e fungeva da deposito del grano.

Un'iscrizione ricorda la dedica di tre mercanti ad Agrippa stesso e al suo genio. Un'altra iscrizione rinvenuta in situ su una base di statua cita gli horrea Agrippiana[1].

L'edificio si articolava attorno a un grande cortile e sulla via era circondato dalle tabernae (botteghe). Questa zona era infatti una delle più febbrili per l'economia, ricchissima di botteghe e imprese commerciali di ogni genere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Coarelli, Guida archeologica di Roma, Verona, Arnoldo Mondadori Editore, 1984.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]