Horace de Rilliet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Horace de Rilliet (Unterseen, 17 novembre 1824Napoli, 5 agosto 1854) è stato un viaggiatore, scrittore e chirurgo svizzero.

Horace de Rilliet, Tournée en Calabre, Genève, Pilet & Corignard, 1852; Cosenza, Brenner, 1962

Horace De Rilliet è uno dei tanti viaggiatori che giungono in Calabria nell'Ottocento. Per la verità De Rilliet (uno svizzero nato a Unterseen, nei dintorni di Berna, nel 1824) arriva in Calabria al seguito del 13º Battaglione Cacciatori con l'incarico di chirurgo. La spedizione militare aveva come obiettivo quello di appoggiare un contestuale viaggio del re di Napoli nella regione, accorrendo in suo aiuto qualora si fossero verificate azioni di disturbo nei confronti del sovrano e della sua scorta, precauzione che si rivelò eccessiva in quanto non si verificarono incidenti. La passione per la scrittura di De Rilliet consente a noi tutti di godere di un reportage sulla Calabria. Infatti, a mano a mano che dai confini tra la Basilicata e la Calabria scende con il suo Battaglione all'interno del territorio regionale calabrese, egli appunta le sue osservazioni, i suoi incontri, le sue sensazioni in una specie di diario.

« L'opera di De Rilliet se fosse messa a stampa col corredo dei disegni illustrativi formerebbe il più vivo quadro della Calabria circa la metà del secolo passato... Il Rilliet guardava e disegnava, osservava e annotava quanto gli si offriva giorno per giorno, ora per ora, ma si era ben istruito intorno alle vicende accadute negli ultimi cinquant'anni nella terra che stava per visitare, e aveva consultato e studiato molti libri per prepararsi all'opera sua... paesaggi, scene, costumi, aneddoti, figure e figurine della più varia gente si susseguono nelle sue pagine, delle quali mi sembra opportuno (aspettando l'augurata edizione italiana, che chi sa quando e se sarà mai fatta) dare un paio di saggi testuali... »

(Benedetto Croce in Aneddoti di varia letteratura)

Ecco come Horace De Rilliet descrive l'arrivo a Pizzo: "(...) Visitammo il castello di Pizzo le cui mura fanno da corona alla rocca che piomba a picco sul mare dove s'infrangono i flutti e sulla quale è edificata la città. Ci fecero visitare la camera abitata da Murat. Dalle finestre si gode una delle più belle viste sulle coste boscose della Calabria, sul mare e sullo Stromboli. Il sole, al tramonto, inonda questa cameretta dei suoi ultimi riflessi.... (...)".

L'edizione originale manoscritta del volume (contenente anche gli splendidi disegni) è stata pubblicata a Ginevra nel 1852. E Agostino Formica, nella sua introduzione alla traduzione italiana, chiarisce il viaggio di De Rilliet: "Questo di Horace De Rilliet si può considerare un viaggio in progressione e non solo perché si realizza nel tempo: poca epigrafia, la giusta critica sociale, dissertazioni sul modo di governare e su argomenti di carattere economico, ritratti di artisti, niente oleografia deleteria, soprattutto osservazione e studio dei costumi".

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tournée in Calabria, Colonna mobile in Calabria nell'anno 1852, chirurgo aggregato al 13º Battaglione Cacciatori, prefazione e traduzione italiana di Agostino Formica, Collana "Traduzioni di testi stranieri", 2, Jason Editrice srl, Reggio Calabria 1991 (con la riproduzione di 203 illustrazioni originali a penna dello stesso De Rilliet).
  • Horace Rilliet Colonna mobile in Calabria nell'anno 1852 Traduzione di Antonio Coltellaro Rubbettino 2008 ISBN 978-88-498-1885-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]