Honda RS750R

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Honda RS750R
Honda RS750R 1984.jpg
Costruttorebandiera Honda
TipoFormula TT
Produzionedal 1984
Sostituisce laHonda RS850R
Sostituita daHonda RVF 750

La Honda RS750R è una motocicletta da competizione prodotta da Honda nel 1984 per gareggiare nei campionati Formula TT e Endurance.

Utilizza un motore V4 quattro tempi da 750cc derivato dal modello stradale VF 750F, mentre il telaio perimetrale in alluminio è ispirato a quello della NS 500 da gran premio.

Questa motocicletta ha disputato un'unica stagione, il 1984, in cui ha conquistato sia il Mondiale TT-F1 che il Mondiale Endurance; si è inoltre imposta alla 8 Ore di Suzuka dove ha occupato tutti i gradini del podio[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 1984 il regolamento di Formula TT subisce un'importante modifica da parte della FIM: la cilindrata massima dei motori a quattro tempi di categoria Formula 1 viene ridotta da 1000 cm³ a 750 cm³[1][2], con l'intento di aumentare la sicurezza dei piloti diminuendo le prestazioni dei mezzi: infatti nei primi anni ottanta le potenze dei motori da un litro schierati dai team ufficiali erano perfino superiori a quelle delle 500 cm³ da Gran Premio dotate di motori a due tempi, spingendo così la federazione al cambio regolamentare[1].

La Honda, che fino a quel momento utilizzava la RS850R, decide di non limitarsi a una semplice riduzione di cilindrata ma presenta una moto ampiamente rivista. La principale novità è costituita dal telaio a doppia culla chiusa in tubi quadri di alluminio, fortemente ispirato alla NS 500 da gran premio[1][2].

Il motore V4 a 90° deriva dalla VF 750F stradale, di cui mantiene le misure caratteristiche per una cilindrata di 748 cm³, mentre una delle principali modifiche è l'adozione della distribuzione a ingranaggi. In configurazione F1 eroga 132 CV, che vengono ridotti a 120 CV per le gare endurance[1].

Per il mondiale F1, due moto vengono affidate a Joey Dunlop e Roger Marshall: Dunlop vince il Tourist Trophy, l'Ulster Gp e si laurea campione del mondo, mentre Marshall si aggiudica le prove di Assen e Vila Real.

Nel mondiale endurance sono i francesi Patrick Igoa e Gérard Coudray a conquistare il titolo, vincendo quattro delle sei gare in calendario. Alla 8 ore di Suzuka si classificano terzi, dietro alla coppia Dominique Sarron e Guy Bertin e ai vincitori Mike Baldwin e Fred Merkel, un podio monopolizzato dalla RS750R.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Honda RS750R: la prima regina delle 750 cc, cesenabikers, 15 febbraio 2011. URL consultato il 17 settembre 2015.
  2. ^ a b Greg Pullen, Honda V4: The Complete Four-Stroke Story, Crowood, 2014, ISBN 1847977545.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]