Honda CBF 125

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Honda CBF 125/CB 125 F
CBF125 01.JPG
Honda CBF 125
Costruttore Giappone  Honda
Tipo Stradale
Produzione dal 2008
Sostituisce la Honda CG 125
Stessa famiglia Honda CBF

La Honda CBF 125 è una motocicletta della casa giapponese Honda, prodotta negli stabilimenti indiani della sussidiaria Honda Motorcycle and Scooter India.

Honda CBF 125[modifica | modifica wikitesto]

Nel mercato indiano, dove è stata commercializzata col nome di Honda Stunner, era disponibile sia in versione a carburatori che ad iniezione elettronica, quest'ultima identificata dalla sigla PGM-FI. Nel mercato europeo era disponibile solo la versione ad iniezione. Prodotta dal 2008 con il nome di CBF 125, andava a rimpiazzare sul mercato europeo la CG 125, rimasta in produzione per oltre trent'anni[1].

Honda CB 125F[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 con il rinnovamento del telaio e delle carene viene rinominata assumendo la denominazione di Honda CB 125F.

Il telaio resta un monotrave in acciaio con semiculla inferiore, che conferisce un'inclinazione del cannotto di sterzo fissata a 26° e l'avancorsa da 97 mm, la carenatura diventa ancor più minimale, viene aggiornata la ciclistica con ruote da 18 pollici a 6 razze sdoppiate[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Honda CBF 125
CBF125 02.JPG
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1955 × 760 × 1110 mm
Altezze Sella: 792 mm - Minima da terra: 173 mm
Interasse: 1270 mm Massa a vuoto: a secco 128 kg Serbatoio: 13 l
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 4 tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 124,7 cm³ (Alesaggio 52,4 x Corsa 57,8 mm)
Distribuzione: SOHC 2 valvole Alimentazione: Iniezione elettronica PGM-FI con corpi farfallati da 26 mm
Potenza: 8,3 kW a 8.000 rpm Coppia: 11,2 N·m a 6.250 giri/min Rapporto di compressione: 9,2:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio Cambio: sequenziale a 5 marce (sempre in presa)

1° ?/? (3,762) 2° ?/? (1,944) 3° ?/? (1,473) 4° ?/? (1,190) 5° ?/? (1,038)

Accensione elettronica transistorizzata
Trasmissione primaria a ingranaggi (3,350), secondaria a catena (2,625)
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio monotrave in acciaio con semiculla inferiore in acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella teleidraulica da 30 mm (escursione 115 mm) / Posteriore: doppioammortizzatore con regolazione del precarico (escursione 87 mm)
Freni Anteriore: disco singolo idraulico da 240 mm (pinza a 2 pistoncini) / Posteriore: a tamburo da 130 mm
Pneumatici anteriore da 80/100 17; posteriore da 100/90 17
Fonte dei dati: [senza fonte]
Caratteristiche tecniche - Honda CB 125 F
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2035 × 765 × 1080 mm
Altezze Sella: 775 mm - Minima da terra: 160 mm
Interasse: 1295 mm Massa a vuoto: in ordine di marcia 128 kg Serbatoio: 13 l
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 4 tempi con contralbero di bilanciamento Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 124,7 cm³ (Alesaggio 52,4 x Corsa 57,8 mm)
Distribuzione: SOHC 2 valvole Alimentazione: Iniezione elettronica PGM-FI con corpi farfallati
Potenza: 7,8 kW a 7.750 rpm Coppia: 10,2 N·m a 6.250 giri/min Rapporto di compressione: 9,2:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio Cambio: sequenziale a 5 marce (sempre in presa)
Accensione elettronica transistorizzata
Trasmissione primaria a ingranaggi, secondaria a catena
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio monotrave in acciaio con semiculla inferiore
Sospensioni Anteriore: forcella teleidraulica da 31 mm (escursione 120 mm) / Posteriore: doppioammortizzatore con regolazione del precarico
Freni Anteriore: disco singolo idraulico da 240 mm (pinza a 2 pistoncini) / Posteriore: a tamburo da 130 mm
Pneumatici anteriore da 80/100 18 con canale da 1.85"; posteriore da 90/90 18 con canale da 2.15"
Fonte dei dati: [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Honda CBF 125 Piccolo è bello, moto.it, 4 gennaio 2010. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  2. ^ moto.it nr.200 del 26 maggio 2015 (PDF), dem.moto.it, pp. 14-23. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  3. ^ Scheda tecnica sul sito ufficiale (PDF), honda.it. URL consultato il 21 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]