Homotherium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Homotherium
Homotheriumtex1.JPG
Scheletro di Homotherium crenatidens
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Felidae
Sottofamiglia Machairodontinae
Tribù Homotheriini
Genere Homotherium
Specie

L'omoterio è un mammifero carnivoro, caratteristico del Pliocene e del Pleistocene di Europa, Asia e Nordamerica. Raggiungeva il 1,10 m di altezza e 1,50 m di lunghezza, e 230 kg di peso.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione di Homotherium

Il suo sottordine (Machairodontinae o tigri dai denti a sciabola) possiede due categorie (chiamate tribù): gli Homotherinii e gli Smilodontinii. I primi posseggono canini più corti e un corpo più piccolo, i secondi hanno canini più lunghi e corpi più massicci. Homotherium era caratterizzato dall'aspetto pendente, simile a quello di una iena. Questa caratteristica era data dal fatto che gli arti anteriori erano sostanzialmente più lunghi di quelli posteriori. Il cranio era robusto e dotato di forti canini lunghi 10 cm, anche se non così allungati come quelli di Smilodon. L'omoterio vagava per le pianure dell'Eurasia e del Nordamerica in cerca di prede, che erano costituite dai grandi ungulati e proboscidati dell'Era glaciale e dell'Interglaciale.

Di questo animale, impropriamente detto anche "tigre dai denti a scimitarra", sono note varie specie: tra le più note, da ricordare le europee H. crenatidens e H. latidens, e la nordamericana H.serum. Molti esemplari di quest'ultima specie sono stati rinvenuti nelle caverne del Texas, nella grotta di Friesenhahn. Altri fossili di Homotherium sono stati rinvenuti in Cina, in Francia, in Inghilterra e in Italia.

Secondo un'ipotesi formulata da alcuni studiosi Homotherium (come altri della famiglia Machairodontinae) adottava somiglianze comportamentali simili ai leoni (pur non essendo lontanamente parenti), ciò significa che l’omoterio poteva adoperare una struttura sociale basata sulle gerarchie, di conseguenza in ogni gruppo c'era un capo che guidava il gruppo, in particolare nella caccia. sempre secondo l'ipotesi L’omoterio e affini usavano una tecnica di caccia simile se pur non del tutto a quella dei leoni, appostandosi a distanza, scrutando la preda, aspettando che si distaccasse dal branco per poi atterrarla e finirla con un morso prolungato alla gola. Non disdegnava nutrirsi di animali più piccoli e veloci dato che poteva raggiungere sulle brevi distanze i 60 km/h, in mancanza di altro ricorreva se necessario alla necrofagia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi