Hollywood's Bleeding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hollywood's Bleeding
album in studio
ArtistaPost Malone
Pubblicazione6 settembre 2019
Durata50:56
Dischi1
Tracce17
Genere[1]Alternative hip hop
Rap rock
Synth pop
Trap
EtichettaRepublic
ProduttoreAndrew Watt, BloodPop, Brian Lee, Carter Lang, DJ Dahi, Emile Haynie, Frank Dukes, Happy Perez, Jahaan Sweet, Louis Bell, Matty, Nick Mira, Post Malone, Wallis Lane
Registrazionegiugno 2018–luglio 2019
FormatiCD, MC, LP, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'oroFrancia Francia[2]
(vendite: 50 000+)
Portogallo Portogallo[3]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoAustralia Australia (2)[4]
(vendite: 140 000+)
Brasile Brasile (3)[5]
(vendite: 120 000+)
Canada Canada (6)[6]
(vendite: 480 000+)
Danimarca Danimarca (3)[7]
(vendite: 60 000+)
Finlandia Finlandia (3)[8]
(vendite: 60 000+)
Italia Italia[9]
(vendite: 50 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[10]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[11]
(vendite: 300 000+)
Singapore Singapore (2)[12]
(vendite: 20 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (4)[13]
(vendite: 4 000 000+)
Post Malone - cronologia
Album precedente
(2018)
Album successivo
(2022)
Singoli
  1. Wow
    Pubblicato: 24 dicembre 2018
  2. Goodbyes
    Pubblicato: 5 luglio 2019
  3. Circles
    Pubblicato: 30 agosto 2019
  4. Enemies
    Pubblicato: 17 settembre 2019
  5. Allergic
    Pubblicato: 24 settembre 2019
  6. Take What You Want
    Pubblicato: 15 ottobre 2019
  7. Saint-Tropez
    Pubblicato: 29 agosto 2020

Hollywood's Bleeding è il terzo album in studio del rapper statunitense Post Malone, pubblicato il 6 settembre 2019 dalla Republic Records.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 giugno 2018, solo sei settimane dopo l'uscita del suo secondo album in studio, Beerbongs & Bentleys, è stato rivelato che Malone stava lavorando al suo terzo album in studio.[14] Lo stesso novembre, l'artista ha dichiarato che stava «cercando di mettere in piedi del nuovo materiale» prima della fine dell'anno, e pubblicò solo il singolo Wow in quel periodo.[15] Il 28 luglio 2019, Malone ha annunciato di aver finito di registrare il suo terzo album, auto-descrivendolo come «dannatamente eccellente».[16]

L'album presenta collaborazioni con DaBaby, Future, Halsey, Meek Mill, Lil Baby, Ozzy Osbourne, Travis Scott, SZA, Swae Lee e Young Thug. La produzione è stata curata da Andrew Watt, BloodPop, Brian Lee, Carter Lang, DJ Dahi, Emile Haynie, Frank Dukes e lo stesso Malone, tra gli altri. Hollywood's Bleeding è stato anticipato da tre singoli: Wow, Goodbyes e Circles. È inclusa nell'album anche la hit Sunflower in duetto con Swae Lee, realizzata per il film Spider-Man - Un nuovo universo del 2018.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato annunciato da Post Malone attraverso il suo profilo Twitter il 25 agosto 2019.[17]

Il primo singolo dell'album, Wow, è stato pubblicato il 24 dicembre 2018.[18] La canzone è stata prodotta da Louis Bell e Frank Dukes e ha raggiunto la 2ª posizione della Billboard Hot 100.[19] Il secondo singolo dell'album, Goodbyes, realizzato con la partecipazione di Young Thug, è stato prodotto da Brian Lee e Bell e messo in commercio il 5 luglio 2019;[20] ha in seguito raggiunto la 3ª posizione della classifica statunitense dei singoli.[19] La vetta della suddetta classifica è stata conquistata dal terzo singolo estratto, Circles,[19] prodotto dallo stesso Malone, Bell e Dukes e pubblicato il 30 agosto 2019.[21]

Nell'ambito dei Grammy Award del 14 marzo 2021 Post Malone ha eseguito l'omonima traccia.[22]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[23]
Clash[24] 7/10
Consequence[25] B−
HipHopDX[26] 3.4/5
HotNewHipHop[27] 71%
NME[1]
Pitchfork[28] 6.8/10
Rolling Stone[29]

Il disco ha ricevuto critiche generalmente positive. Danny Wright della rivista britannica NME ha scritto che «Post Malone è in grado di trarre abilmente il meglio da vari generi»,[1] mentre Neil Z. Yeung di AllMusic ha dichiarato: «Più ben eseguito dei suoi lavori precedenti e innegabilmente accattivante, Hollywood's Bleeding è per Post Malone un enorme passo avanti che non sacrifica gli elementi essenziali che hanno reso l'artista un tale hitmaker e che lo spinge ancora di più verso orizzonti pop che gli appartengono».[23] Il critico Nick Catucci della celebre rivista statunitense Rolling Stone ha scritto che «Post Malone cura tanto ciò che crea, infatti non c'è una collaborazione fuori posto tra le dieci sparse su sette brani dell'album».[29]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Hollywood's Bleeding – 2:36
  2. Saint-Tropez – 2:30
  3. Enemies (feat. DaBaby) – 3:16
  4. Allergic – 2:36
  5. A Thousand Bad Times – 3:41
  6. Circles – 3:34
  7. Die for Me (feat. Future e Halsey) – 4:05
  8. On the Road (feat. Meek Mill e Lil Baby) – 3:38
  9. Take What You Want (feat. Ozzy Osbourne e Travis Scott) – 3:49
  10. I'm Gonna Be – 3:20
  11. Staring at the Sun (feat. SZA) – 2:48
  12. Sunflower (con Swae Lee) – 2:38
  13. Internet – 2:03
  14. Goodbyes (feat. Young Thug) – 2:56
  15. Myself – 2:38
  16. I Know – 2:21
  17. Wow – 2:29

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Hollywood's Bleeding ha debuttato in vetta alla classifica statunitense Billboard 200 con 489 000 unità vendute, composte da 200 000 vendite pure (fisiche e digitali), 11 000 track-equivalent albums (equivalenti a 110 000 tracce dell'album vendute singolarmente in digitale), e 278 000 stream-equivalent albums (corrispondenti a 365,4 milioni di riproduzioni in streaming). Si tratta del maggiore debutto in streaming dell'anno negli Stati Uniti, e del secondo migliore debutto del 2019 a livello mondiale dopo Lover di Taylor Swift.[31]

Il disco ha inoltre debuttato al primo posto della classifica britannica Official Albums Chart con 33 728 unità di vendita, di cui 29 437 provenienti dallo streaming.[32]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2019) Posizione
Australia[46] 8
Austria[47] 34
Belgio (Fiandre)[48] 22
Belgio (Vallonia)[49] 145
Canada[50] 6
Danimarca[51] 6
Estonia[52] 6
Finlandia[53] 5
Francia[54] 122
Islanda[55] 16
Italia[56] 70
Lettonia[57] 13
Nuova Zelanda[58] 12
Paesi Bassi[59] 5
Regno Unito[60] 20
Slovacchia[61] 6
Stati Uniti[62] 9
Svezia[63] 12
Svizzera[64] 50
Classifica (2020) Posizione
Australia[65] 7
Austria[66] 26
Belgio (Fiandre)[67] 27
Belgio (Vallonia)[68] 115
Canada[69] 1
Danimarca[70] 9
Francia[71] 152
Germania[72] 98
Irlanda[73] 17
Islanda[74] 12
Italia[75] 60
Norvegia[76] 8
Nuova Zelanda[77] 10
Paesi Bassi[78] 10
Regno Unito[79] 15
Spagna[80] 90
Stati Uniti[81] 1
Svezia[82] 15
Svizzera[83] 73
Classifica (2021) Posizione
Australia[84] 38
Austria[85] 37
Belgio (Fiandre)[86] 67
Canada[87] 12
Danimarca[88] 32
Islanda[89] 51
Norvegia[90] 22
Paesi Bassi[91] 37
Regno Unito[92] 62
Stati Uniti[93] 13
Svezia[94] 58

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010-19) Posizione
Paesi Bassi[95] 61

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Danny Wright, Post Malone - "Hollywood's Bleeding" review, su NME, 6 settembre 2019. URL consultato il 6 settembre 2019.
  2. ^ (FR) Post Malone - Hollywood's Bleeding – Les certifications, su SNEP. URL consultato il 3 agosto 2020.
  3. ^ (PT) TOP AFP/AUDIOGEST - Semana 28 de 2020 - De 3 de Julho a 9 de Julho de 2020 (PDF), su Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 16 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2020).
  4. ^ (EN) ARIA Top 40 Hip Hop/R&B Albums for week of 8 March 2021, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 6 marzo 2021.
  5. ^ (PT) Post Malone – Certificados, su Pro-Música Brasil. URL consultato il 19 aprile 2020.
  6. ^ (EN) Hollywood's Bleeding – Gold/Platinum, su Music Canada. URL consultato il 10 marzo 2021.
  7. ^ (DA) Hollywood's Bleeding, su IFPI Danmark. URL consultato il 9 marzo 2021.
  8. ^ (FI) MILJARDEJA STRIIMANNUT POST MALONE JULKAISI UUDEN ALBUMIN, su Universal Music Finland, 3 agosto 2022. URL consultato il 17 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2022).
  9. ^ Hollywood's Bleeding (certificazione), su FIMI. URL consultato il 15 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Official Top 40 Albums - 20 April 2020, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 18 aprile 2020.
  11. ^ (EN) Hollywood's Bleeding, su British Phonographic Industry. URL consultato il 25 settembre 2020.
  12. ^ (EN) RIAS Gold and Platinum Awards, su Recording Industry Association Singapore. URL consultato il 24 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2021).
  13. ^ (EN) Post Malone - Hollywood's Bleeding – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 17 agosto 2022.
  14. ^ (EN) Matthew Parizot, Post Malone Is Already Working On His Next Album, su HotNewHipHop, 5 giugno 2018. URL consultato il 10 settembre 2019.
  15. ^ (EN) Halle Kiefer, Post Malone Lets You Open Your Gift Early, Drops New Single 'Wow' Just in Time for the Holidays, su Vulture, 24 dicembre 2018. URL consultato il 10 settembre 2019.
  16. ^ (EN) Michael Saponara, Post Malone Says His New Album Is Finished: 'It's Pretty Goddamn Out Of Sight', su Billboard, 26 luglio 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.
  17. ^ (EN) Carl Lamarre, Post Malone Announces New Album 'Hollywood's Bleeding', su Billboard, 26 agosto 2019. URL consultato il 12 marzo 2021.
  18. ^ (EN) Madison Bloom, Listen to Post Malone's New Song "Wow.", su Pitchfork, 24 dicembre 2018. URL consultato il 6 aprile 2020.
  19. ^ a b c (EN) Post Malone - Chart history (Hot 100), su Billboard. URL consultato il 10 settembre 2019.
  20. ^ (EN) Michael Saponara, Post Malone Announces New Single 'Goodbyes', Feat. Young Thug, su Billboard, 1º luglio 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.
  21. ^ (EN) Rania Aniftos, Post Malone Announces 'Circles' Single Release Date, su Billboard, 28 agosto 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.
  22. ^ (EN) Katie Bain, Post Malone Performs Gothic Rendition of 'Hollywood's Bleeding' at 2021 Grammy Awards, su Billboard, 14 marzo 2021. URL consultato il 15 marzo 2021.
  23. ^ a b (EN) Neil Z. Yeung, Hollywood's Bleeding, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 17 settembre 2019.
  24. ^ (EN) Hannah Makonnen, Post Malone – Hollywood's Bleeding, su Clash, 8 settembre 2019. URL consultato l'8 settembre 2019.
  25. ^ (EN) Dan Weiss, Post Malone – Hollywood's Bleeding, su Consequence, 11 settembre 2019. URL consultato l'11 settembre 2019.
  26. ^ (EN) Daniel Spielberger, Post Malone Hollywood's Bleeding Album Review, su HipHopDX, 9 settembre 2019. URL consultato il 9 settembre 2019.
  27. ^ (EN) Alex Zidel, Post Malone "Hollywood's Bleeding" Review, su HotNewHipHop, 11 settembre 2019. URL consultato l'11 settembre 2019.
  28. ^ (EN) Jason Greene, Post Malone: Hollywood's Bleeding Album Review, su Pitchfork, 10 settembre 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.
  29. ^ a b (EN) Nick Catucci, Post Malone Keeps His Unstoppable Roll Going on 'Hollywood's Bleeding', su Rolling Stone, 10 settembre 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.
  30. ^ (EN) Hollywood's Bleeding / Post Malone, su Tidal. URL consultato il 9 settembre 2019.
  31. ^ (EN) Keith Caulfield, Post Malone Scores Second No. 1 Album on Billboard 200 With 'Hollywood's Bleeding', su Billboard, 15 settembre 2019. URL consultato il 17 settembre 2019.
  32. ^ (EN) Alan Jones, Charts analysis: Post Malone scores second No.1, su Music Week, 13 settembre 2019. URL consultato il 17 settembre 2019.
  33. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Post Malone - Hollywood's Bleeding, su Ultratop. URL consultato il 17 settembre 2019.
  34. ^ (EN) Post Malone - Chart history (Billboard Canadian Albums), su Billboard. URL consultato il 17 settembre 2019.
  35. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: Ohhoo! Madison Mars ja Liis Lemsalu ründavad räpparite hirmuvalitsust!, su Eesti Ekspress. URL consultato il 16 settembre 2019.
  36. ^ (EN) Official Irish Albums Chart Top 50: 13 September 2019 - 19 September 2019, su Official Charts Company. URL consultato il 17 settembre 2019.
  37. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - Vika 37, 2019, su Plötutíðindi. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2019).
  38. ^ (LV) Mūzikas Patēriņa Tops/ 37. nedēļa, su Latvijas Izpildītāju un producentu apvienība. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  39. ^ (LT) 2019 37-os SAVAITĖS (rugsėjo 6-12 d.) ALBUMŲ TOP100., su AGATA. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  40. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 13 September 2019 - 19 September 2019, su Official Charts Company. URL consultato il 17 settembre 2019.
  41. ^ (CS) CZ - ALBUMS - TOP 100 - POST MALONE - Hollywood's Bleeding, su ČNS IFPI. URL consultato il 16 settembre 2019.
  42. ^ (CS) SK - ALBUMS - TOP 100 - POST MALONE - Hollywood's Bleeding, su ČNS IFPI. URL consultato il 16 settembre 2019.
  43. ^ (EN) Post Malone - Chart history (Billboard 200), su Billboard. URL consultato il 17 settembre 2019.
  44. ^ (EN) Post Malone - Chart history (Top Rap Albums), su Billboard. URL consultato il 17 settembre 2019.
  45. ^ (EN) Post Malone - Chart history (Top Rap Albums), su Billboard. URL consultato il 17 settembre 2019.
  46. ^ (EN) ARIA Albums Chart for 2019, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  47. ^ (DE) Jahreshitparade Alben 2019, su austriancharts.at. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  48. ^ (NL) Jaaroverzichten 2019, su Ultratop. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  49. ^ (FR) Rapports Annuels 2019, su Ultratop. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  50. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2019, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  51. ^ (DA) Album Top-100 2019, su hitlisten.nu. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  52. ^ (ET) Siim Nestor, Teist aastat järjest valitsesid digitabelites nublu, nublu ja nublu, su Eesti Ekspress. URL consultato il 20 marzo 2021.
  53. ^ (FI) Musiikkituottajat - IFPI Finland ry: Vuoden 2019 Suomen äänitemyynnin kokonaismarkkinat (PDF), su Musiikkituottajat. URL consultato il 7 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2020).
  54. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2019, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  55. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - 2019, su Plötutíðindi. URL consultato il 12 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2021).
  56. ^ Top of the Music FIMI/GfK 2019: un anno con la musica italiana, su Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  57. ^ (LV) Digitālās Mūzikas Tops 2019, su Latvijas Izpildītāju un producentu apvienība. URL consultato il 3 gennaio 2020.
  58. ^ (EN) Top Selling Albums 2019, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 28 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2020).
  59. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2019, su Dutch Charts. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  60. ^ (EN) Rob Copsey, The Official Top 40 biggest albums of 2019, su Official Charts Company. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  61. ^ (CS) TISKOVÁ ZPRÁVA: VÝSLEDKY TRHU 2019 – SLOVENSKO (PDF), su ČNS IFPI. URL consultato il 3 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2020).
  62. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2019, su Billboard. URL consultato il 6 dicembre 2019.
  63. ^ (SV) Årslista Album, 2019, su Sverigetopplistan. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  64. ^ (NL) SCHWEIZER JAHRESHITPARADE 2019, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  65. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums for 2020, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  66. ^ (DE) Ö3 Austria Top40 Longplay 2020, su oe3.orf.at. URL consultato il 30 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2020).
  67. ^ (NL) Jaaroverzichten 2020, su Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  68. ^ (FR) Rapports Annuels 2020, su Ultratop. URL consultato il 18 dicembre 2020.
  69. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2020, su Billboard. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  70. ^ (DA) Album Top-100 2020, su hitlisten.nu. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  71. ^ (FR) Top de l'année: Top Albums 2020, su Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  72. ^ (DE) Top 100 Album-Jahrescharts 2020, su Offizielle Deutsche Charts. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  73. ^ (EN) Jack White, Ireland's Official Top 50 biggest albums of 2020, su Official Charts Company. URL consultato l'11 gennaio 2021.
  74. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - Vika 1-53, 2020, su Plötutíðindi. URL consultato l'11 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2021).
  75. ^ Top of the Music 2020: 'Persona' di Marracash è l'album più venduto, su Federazione Industria Musicale Italiana, 7 gennaio 2021. URL consultato il 7 gennaio 2021.
  76. ^ (NO) TOPPLISTA - årsliste - Album 2020, su IFPI Norge. URL consultato il 18 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2021).
  77. ^ (EN) Official Top 40 Albums - End of Year Charts 2020, su The Official NZ Music Charts. URL consultato il 4 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2020).
  78. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2020, su Dutch Charts. URL consultato il 5 gennaio 2021.
  79. ^ (EN) Rob Copsey, The Official Top 40 biggest albums of 2020, su Official Charts Company. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  80. ^ (EN) Top 100 Albums Annual: 2020, su El Portal de Música. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  81. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2020, su Billboard. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  82. ^ (SV) Årslista Album, 2020, su Sverigetopplistan. URL consultato il 19 gennaio 2021.
  83. ^ (DE) SCHWEIZER JAHRESHITPARADE 2020, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 28 dicembre 2020.
  84. ^ (EN) ARIA Top 100 Albums for 2021, su ARIA Charts. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  85. ^ (DE) Ö3-Austria Top40 Longplay-Jahrescharts 2021, su oe3.orf.at. URL consultato il 2 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2022).
  86. ^ (NL) Jaaroverzichten 2021, su Ultratop. URL consultato il 4 gennaio 2022.
  87. ^ (EN) Year-End Charts - Top Canadian Albums - 2021, su Billboard. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  88. ^ (DA) Album Top-100 2021, su hitlisten.nu. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  89. ^ (IS) TÓNLISTINN - PLÖTUR - 2021, su Plötutíðindi. URL consultato l'11 maggio 2022 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2022).
  90. ^ (NO) TOPPLISTA - årsliste - Album 2021, su IFPI Norge. URL consultato il 31 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2022).
  91. ^ (NL) Jaaroverzichten – Album 2021, su Dutch Charts. URL consultato il 3 gennaio 2022.
  92. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 2021, su Official Charts Company. URL consultato il 5 gennaio 2022.
  93. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2021, su Billboard. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  94. ^ (SV) Årslista Album, 2021, su Sverigetopplistan. URL consultato il 13 gennaio 2022.
  95. ^ (NL) Decennium Charts – Albums 2010-2019, su Dutch Charts. URL consultato l'11 gennaio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]